AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

giovedì 16 gennaio 2020

Diritto: Necessitas non habet legem:La necessità non conosce legge


A tal proposito una massima giuridica sintetizza < “Necessitas non habet legem”> ovvero "La necessità non conosce legge". https://www.brocardi.it/N/necessitas-non-habet-legem.html

Addentrandoci nelle norme che regolamentano questo "stato" leggiamo : <Lo stato di necessità è previsto come scriminate dal codice penale: esso fa venire meno l'antigiuridicità obiettiva del fatto che sarebbe reato.

Nel diritto civile la nozione di necessità rileva in materia di responsabilità extracontrattuale: nel caso in cui un fatto dannoso sia stato compiuto in stato di necessità, al danneggiato è dovuta un'indennità determinata dal giudice in via equitativa.>

Ciò sta a significare che con la depenalizzazione dei 41 reati attuata nel 2016 da Renzi, tutti gli abusi (definiamoli "sociali" e rientranti nel piano di ristrutturazione mondiale) sono tutti cancellati dal codice penale e trasformati in illeciti amministrativi, cioè basta pagare e si risolve il problema...

Un modo come un altro per ingrassare i soliti passando la mazzetta mentre gli altri soliti avranno vita facile a fare o continuare a fare quello che han sempre fatto e continueranno a fare, a discapito dei poveri polli.




Link: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10218826981459249&set=a.1042499156379&type=3&theater


Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento