AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

sabato 16 novembre 2019

Venezia: Altra Visione

Pensare di fermare le acque, e quindi la Natura, fa' davvero sorridere, così come puntare sulla manutenzione; ovvero, dei sistemi "attivi".

Prima di giungere a tali sistemi, di dubbia utilità, andavano rafforzare le misure "passive": evitare qualsiasi mezzo a motore nella Città e nella Laguna.

Venezia, come Roma, e tutte le città "storiche" italiane, furono progettate con un criterio che non prevedeva di certo i mezzi a motori, devastanti per l'ambiente e le "cose".

L'idea e' semplice: prima fermare TUTTI i mezzi a motore, i quali girando 365 giorni l'anno, creano problemi 365 giorni l'anno.

Quindi calcoliamo: cosa' fa' più danno, qualche inondazione l'anno, o l'esposizione a questi mezzi obsoleti e distruttivi? Qualsiasi mezzo "attivo" e' destinano a fallire, se prima non viene sistemato L'AMBIENTE, in modo passivo...

Meditate gente, Meditate...

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento