AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

giovedì 22 agosto 2019

A salario di merda, lavoro di merda!

Questo era il titolo dell’Unità del gennaio 1928 che invitava allo sciopero contro la riduzione dei salari.



Ripeto: Gennaio 1928!
Dove ancora esisteva un'opposizione critica e ribelle di persone, motivate a lavorare si, ma non a farsi sfruttare.

Oggi invece che fine hanno fatto quegli ideali?  Quel coraggio di farsi valere di fronte ai soprusi dei potenti? Che fine hanno fatto i giovani ribelli? Le lotte di classe? 

Ve lo dico io, sono state "sedate" a dovere da grandi dosi di tecnologia a basso costo (maxitelevisori, Iphone, tablet ecc), che hanno vinto i giovani, riempiendo la pancia e il cervello dei giovani di temporanei appagamenti giusto per tenerli buoni.

Ma non vi siete accorti che crisi economica e immigrazione selvaggia altro non erano altro che un piano ben studiato e voluto per fare in modo che tutti voi accettaste lavori sottopagati, in un periodo storico dove, la stessa tecnologia che serve per sedarvi, potrebbe essere utilizzata per farci lavorare tutti 3-4 ore al giorno, con lo stesso stipendio di lavorare 8-10 ore?!

La produzione è aumentata a dismisura negli ultimi 60 anni grazie alle macchine, solo gli stipendi sono andati decrescendo e con essi la volontà di agire. Voi siete sedati e non lo sapete...

E invece di ribellarvi cosa avete fatto?

Avete accettato come normale essere rinchiusi in fabbriche ed uffici tutto il giorno, tutti i giorni, passate più tempo al lavoro che a casa, oggi il sabato è diventato, grazie al vostro silenzio assenso, un altro giorno di lavoro, mentre fino a pochi decenni fa il sabato era un giorno SACRO, intoccabile!

Lavorate tantissimo, fate gli straordinari e la flessibilità richiesti, obbedienti come cani da riporto, eppure i soldi guadagnati non vi bastano neppure per acquistarvi una casa di proprietà...mentre i vostri genitori quando avevano la vostra età, con 10 anni di lavoro in Svizzera o Germania, la casa la costruivano e prendevano pure pensioni dignitose!

Voi invece vi state abituando a non averla una pensione... Ma non reagite...non la pretendete...forse non ve ne frega proprio un cazzo...

Ma quel che è più triste di tutto questo inganno pianificato è che voi, vittime, lavorate pure sodo per quegli 4 spiccioli che vi danno all'ora. Mentre nel 1928 il motto era "A STIPENDIO DI MERDA, LAVORO DI MERDA" oggi il vostro motto è "Almeno ho un lavoro".

Parlate ed agite come dei condannati a morte, ma voi siete ancora vivi e dotati d'intelletto, usatelo!

Vale la pena spaccarsi la schiena per 6-7 euro l'ora? 

Vale la pena dimostrarsi bravi e volenterosi a caporali di lavoro che allo scadere di tot mesi di lavoro, vi rimpiazzeranno con qualche altro disperato perchè altrimenti dovrebbero assumervi a tempo indeterminato, ovvero farvi fissi?!

A questa è servita la crisi, a creare un mondo di precari disperati pronti a scannarsi per poche monetine l'ora, milioni di poveracci che si alzano presto la mattina, lottando contro sveglie, traffico, cartellini da timbrare e capi arroganti, tutto questo per mantenere una piccola parte di Mondo di persone ricche e annoiate il cui unico impiego è trovare il modo di spennarvi ancora un pò di più.

E allora rallentate i vostri ritmi, rallentate quanto sono rallentati gli stipendi negli ultimi anni, fate il meno che potete e fatelo male, fino a quando torneranno a considerarvi ancora esseri umani, solo allora tornate ad essere produttivi e volenterosi.

Link:http://laschiavitudellavoro.blogspot.com/2019/08/a-salario-di-merda-lavoro-di-merda.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento