AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

martedì 15 gennaio 2019

Redenzione in vista della fine?




"C'è stata una mancanza di solidarietà" nella gestione "della crisi greca. Abbiamo coperto di contumelie la Grecia: mi rallegro nel vedere che la Grecia e il Portogallo hanno ritrovato un posto, non dico un posto al sole, ma un posto tra le vecchie democrazie europee". Lo sottolinea il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, intervenendo a Strasburgo nella plenaria del Parlamento Europeo, per il ventennale dell'euro.


"Sono stato presidente dell'Eurogruppo nel momento della crisi economica e finanziaria - ha aggiunto Juncker - sì, c'è stata dell'austerità avventata. Non perché abbiamo voluto punire coloro che lavoravano o coloro che erano disoccupati, ma perché le riforme strutturali, indipendentemente dal regime monetario in cui ci si trova, restano essenziali".

"Mi rincresce", ha inoltre scandito Juncker - che nella gestione della crisi finanziaria l'Eurozona abbia "dato troppo spazio al Fondo Monetario Internazionale. Se la California entra in crisi, gli Usa non si rivolgono al Fondo, e noi avremmo dovuto fare lo stesso".

Parole che sono suonate come "uno schiaffo per gli oltre 100 milioni di poveri europei" come afferma la capodelegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo, Laura Agea. "Juncker, dall'alto del suo stipendio da nababbo di 27.000 euro al mese, non è credibile quando parla di austerità. La sua ipocrita autocritica è uno schiaffo agli oltre 100 milioni di poveri europei".

Per il vicepremier e leader pentastellato Luigi Di Maio "il presidente della Commissione europea inizia a sentire il terreno mancargli sotto i piedi a pochi mesi dalle elezioni europee" afferma in un post su 'Blog delle Stelle', sottolineando che "le lacrime di coccodrillo non mi commuovono. Juncker e tutti i suoi accoliti hanno devastato la vita di migliaia di famiglie con tagli folli mentre buttavano 1 miliardo di euro l'anno in sprechi come il doppio Parlamento di Strasburgo. Sono errori che si pagano".

"Dopo anni in cui ha benedetto i tagli in nome dell'austerità adesso parla di 'austerità avventata' e di aver dato 'troppo influenza al Fondo Monetario Internazionale' e 'poca solidarietà nei confronti della Grecia'. Insomma l'austerità - sottolinea Di Maio - è stata fatta per sbaglio, è stata avventata 'non certo perché volevamo colpire chi lavora o chi è disoccupato'. Invece è proprio quello che hanno fatto con le loro politiche economiche scellerate e ingiustificate"." I cittadini europei non si fanno fregare da finti pentimenti fuori tempo massimo e il 26 maggio non avranno nessuna pietà" conclude.


Link: https://www.adnkronos.com/soldi/economia/2019/01/15/juncker-ammette-poco-solidali-con-greci_UQoJVg4iE74Dzi8HuN3J1H.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento