AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

lunedì 5 novembre 2018

Monossido di Carbonio: Il killer silenzioso



Significato dell’argomento
E’ uno dei veleni più pericolosi che, in alcune circostanze, può essere presente   nelle nostre case. 
Viene detto  “killer silenzioso”, perché è un gas inodore che si diffonde senza dare tracce della sua presenza, sino talvolta  a  provocare la morte di chi lo respira.

Da dove proviene?
Proviene dalla combustione di legna, carbone, kerosene e quindi può accumularsi  in ambienti chiusi dove sono in funzione stufe, bracieri, caminetti, barbecue, in assenza di areazione sufficiente.
In città, più frequentemente, proviene  dal malfunzionamento di caldaie o scaldabagni a  gas, o in presenza di ostruzioni di canne fumarie e comignoli.

Anche i gas di scarico delle auto in box non areati possono provocare una concentrazione tossica di CO. Il CO non è presente invece nel gas metano o nel propano delle bombole, quando non vengono bruciati, e diffondono dai fornelli lasciati aperti senza che ci sia fiamma. L’odore caratteristico del gas nelle fughe di questa specie non è indice di presenza di CO ( che abbiamo detto essere inodore)

Vie di intossicazione
Il CO viene inalato nell’ambiente in cui è presente, raggiunge i polmoni, dove, a contatto con il sangue, viene rapidamente legato all’emoglobina dei globuli rossi, formando il composto HBCO, (carbossiemoglobina)e  riducendo il legame degli stessi con l’ossigeno.

Meccanismi d’intossicazione
L’ossigeno a disposizione dei tessuti viene così a ridursi progressivamente, producendo danni prima agli organi più sensibili all’ipossia ( miocardio e cervello), poi a tutte le funzioni cellulari dell’organismo, che necessitano di ossigeno per mantenersi.

I primi sintomi dell’intossicazione sono aspecifici: nausea, vomito, cefalea compaiono per primi, simulando una tossinfezione alimentare. Poi compaiono stordimento, senso di mancamento sino alla perdita di coscienza ed al coma nei casi più gravi.


Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento