AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

sabato 3 novembre 2018

Amal non c'è più: è morta di fame a 7 anni in un campo profughi in Yemen


Morire di fame, morire di fame a 7 anni. Amal Hussain è scomparsa ieri in un campo profughi, morta di fame, dopo che solo pochi giorni fa la sua fotografia - pubblicata sul New York Times - era diventata il simbolo della crisi umanitaria nel suo Paese, lo Yemen. La bimba, visibilmente denutrita, era finita sul quotidiano americano lo scorso 26 ottobre in un reportage intitolato «La Tragedia della guerra saudita», simbolo della guerra di cui nessuno parla in Occidente.

​Il quotidiano americano aveva denunciato che le immagini pubblicateavrebbero potuto «essere inquietanti come nulla abbiamo pubblicato prima. Ma c'è una ragione per cui abbiamo deciso di farlo. Abbiamo pensato che avremmo fatto un torto alle vittime di queste guerra se avessimo pubblicato immagini sterilizzate che non riflettono pienamente la loro sofferenza».

La notizia della morte è stata data al New York Times dalla famiglia. «Il mio cuore è spezzato. Amal sorrideva sempre. Ora ho paura per i miei altri figli», ha testimoniato ieri Mariam Ali, la mamma. A scattare la foto era stato il premieo Pulitzer Tyler Hicks che nei giorni scorsi aveva spiegato come fosse stato «difficile»ma anche «importante» fotografare Amal. La sua immagine «riassume davvero come fame e malnutrizione siano diventate una tragedia nello Yemen», aveva detto.


Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento