AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

martedì 2 ottobre 2018

L’allontanamento facile, o rapimento legalizzato dei bambini?



Entrando nel merito di quella che è una vera e propria piaga sociale, possiamo senz’altro scrivere che: “l’allontanamento facile o rapimento legalizzato dei bambini è tra i crimini più inumani ed è in aumento in Italia”.

Dobbiamo essere chiari su una cosa: “non stiamo parlando di un singolo caso, ma dell’arbitrarietà e di un sistema brutale che negano i diritti delle famiglie e dei bambini. Con i dettami dei Servizi Sociali italiani, ogni parvenza di un processo deliberativo democratico è stata eliminata. Il settore dei minori è appunto uno di quelli in cui, ovviamente, trovano ampio spazio lo scontro degli interessi e della dominazione totale dei Servizi Sociali. Esistono gli assistenti sociali che riescono, tramite le loro relazioni, a manipolare l’andamento dei casi a loro vantaggio”.

“Ne consegue che il caso della famiglia sarà raccontato in base ai dettami dei Servizi, e non in base alla realtà dei fatti. È diventato un mezzo per nascondere la verità, disinformare e fare propaganda per la loro attività incontrollabile. I Servizi assieme con le case-famiglia hanno usato a loro vantaggio il traffico dei minori. I Servizi negano i diritti fondamentali e perseguitano i genitori-oppositori, chiedendo di inviare i bambini nelle case-famiglia…”.

Fonte: https://www.messinamagazine.it/cronaca/lallontanamento-facile-o-rapimento-legalizzato-dei-bambini-e-tra-i-crimini-piu-inumani-ed-e-in-aumento-in-italia/

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento