AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

sabato 13 ottobre 2018

Istat: nel 2016 sommerso e illegale valgono 210 miliardi




Nello specifico il valore aggiunto generato dall'economia sommersa (che va dalle sotto-dichiarazioni all'impiego di lavoro irregolare, dagli affitti in nero alle mance) ammonta a poco meno di 192 miliardi di euro. Mentre quello connesso alle attività illegali (produzione e traffico di droga, prostituzione e contrabbando di tabacco), incluso l'indotto, risulta pari a circa 18 miliardi. L'economia non osservata, con un aumento dell'1,2%, mostra una dinamica più lenta rispetto al complesso del sistema produttivo (+2,3%).

Di conseguenza, sottolinea l'Istituto di statistica, pur in presenza di un incremento di circa 2,5 miliardi di euro, l'incidenza sul complesso dell'attività economica si riduce di 0,2 punti percentuali. Tale flessione si aggiunge a quella già registrata nel 2015, portando la riduzione complessiva a 0,7 punti percentuali rispetto al picco del 2014. La composizione dell'economia non osservata registra, spiega l'Istat, variazioni limitate.

 Nel 2016 la componente relativa alla sotto-dichiarazione pesa per il 45,5% del valore aggiunto (circa -0,6 punti percentuali rispetto al 2015), pari a circa 95 miliardi di euro. La restante parte è attribuibile per il 37,2% all'impiego di lavoro irregolare (37,3% nel 2015), pari circa a 78 miliardi; per l'8,8% (era 9,6% nel 2015) alle altre componenti (fitti in nero, mance e integrazione domanda-offerta), pari a circa 18 miliardi; infine, per l'8,6% alle attività illegali (in aumento dall'8,2% dell'anno precedente).

Le altre attività dei servizi (33,3% nel 2016), il commercio, trasporti, alloggio e ristorazione (23,7%) e le costruzioni (22,7%) si confermano i comparti dove l'incidenza dell'economia sommersa è più elevata.

Link: http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/istat-nel-2016-sommerso-e-illegale-valgono-210-miliardi_3168571-201802a.shtml

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento