AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

venerdì 21 settembre 2018

Ma che Cazzo...


Le 41 creazioni dell'artista ravennate Francesco Montelli in arte "Montellik" - esposte nel suo particolare atelier di via Oriani e oggetto, lo scorso dicembre 2017, di un sequestro preventivo da parte della Polizia municipale - sono state dissequestarte questa mattina, venerdì 21 settembre, grazie all'intervento dell'Associazione Veritas, un'organizzazione attiva a livello nazionale ed europeo che da oltre sei anni si impegna ad applicare il "diritto naturale" a salvaguardia dell’esercizio dei diritti fondamentali e inalienabili.

E proprio a questa realtà associativa aveva fatto appello Montellik per portare avanti la sua causa a tutela di quelle opere sequestrate in cui il simbolo fallico assume un ruolo centrale. Così questa mattina, il presidente di Veritas, proveniente dalla Spagna, ha fatto visita al piccolo atelier di via Oriani ed insieme ad altri  rappresentanti dell'associazione, ha effettuato il dissequestro delle 41 creazioni.

Presenti all'evento anche alcuni cittadini ed amici di Montellik, che hanno voluto festeggiare con l'artista il raggiungimento di questo, per lui, importante risultato. I festeggiamenti continueranno questo pomeriggio a partire dalle 17 sempre nei locali di via Oriani, dove sarà offerto un piccolo rinfresco a chiunque avesse voglia di partecipare.

Link:  http://www.ravennanotizie.it/articoli/2018/09/21/arte-morale.-dissequestrate-le-41-opere-falliche-dellartista-ravennate-montellik.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento