AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

martedì 27 marzo 2018

Contrattualismo

Termine che indica il complesso delle dottrine, che pongono a fondamento dello Stato ed, in genere, di qualsiasi comunità civile una stipulazione o convenzione tra gli individui. L’origine dela teoria del contrattualismo è molto antica e risale ai sofisti. Ripresa da Epicuro, fu poi oscurata in età medievale dalla concezione dell’origine divina dello Stato, ma venne riformulata tra gli inizi del secolo XVII e la fine del secolo XIX. 

I maggiori esponenti del (—) furono Altusio, Alberico Gentili [vedi Gentili Alberico], Grozio [vedi Grozio Ugo], Hobbes [vedi Hobbes Thomas], Pufendorf [vedi Pufendorf Samuel von], Locke [vedi Locke John], Rousseau [vedi Rousseau Jean-Jacques] e Kant [vedi Kant Immanuel]. Secondo Altusio il contratto non è soltanto un patto di governo intercorrente tra il sovrano ed i sudditi, ma è anche un contratto sociale, ossia un tacito accordo tra i soggetti che decidono di dare vita ad una convivenza civile e di rendersi compartecipi dei beni, dei servizi e delle leggi della collettività.

Secondo Hobbes, attraverso il contratto gli individui rinunciano reciprocamente alla propria libertà ed ai propri diritti, al fine di dare vita allo Stato e trovare in esso pace e difesa. 

Per Pufendorf e Locke il contratto è il patto necessario, attraverso cui gli individui si fondono dando vita allo Stato, in cui trovano sicurezza e tutela delle proprie posizioni. Secondo Rousseau attraverso il contratto, che è un libero atto di sottomissione ad un ordine normativo, l’uomo passa dallo stato di natura allo stato sociale, trasformandosi da individuo naturale in cittadino e subordinando il proprio diritto particolare al supremo interesse della collettività. 

Secondo Kant, attraverso il contratto, che è all’origine dello Stato, ciascun individuo pone fine alla propria libertà individuale, per rinvenirla immediatamente dopo, all’interno della collettività.

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento