AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

giovedì 3 agosto 2017

Indagine od altro?





PADOVA - Era mattina presto ieri quando gli investigatori della Polizia postale di Venezia sono arrivati a Ponso. E si sono diretti subito nel centro del paese dove si trova la caserma dei carabinieri. C'era tanto imbarazzo, ma gli agenti della Postale hanno dovuto esibire al sottufficiale di turno della stazione dei militari dell'Arma un ordine di perquisizione. Assieme a loro anche colleghi dell'Arma.

Certo, i compiti degli investigatori della Polizia postale adesso sono quelli di controllare il traffico in web e di perseguire i cittadini che usano internet per reati di ogni genere, dalla truffa alla pedopornografia. E ieri mattina gli agenti della Postale sono arrivati a Ponso per indagare su come viene usato il web all'interno della caserma. L'indiscrezione esce dalla Direzione distrettuale antimafia di Venezia.

Due militari, di stanza nella caserma di Ponso, userebbero il web per loro presunte manie pedofile. Ovviamente, ciò sarebbe avvenuto fuori dagli orari di servizio. Ma i risultati delle indagini della Postale direbbero che i contatti con alcuni siti di minori, vietati e messi al bando, avrebbero avuto luogo dentro le mura della stazione di Ponso.

Due i militari coinvolti nell'inchiesta, che è ad ampio raggio. Ieri mattina gli investigatori della polizia avrebbero perquisito le camere dei due militari, che alloggerebbero in caserma. E sarebbe stato trovato del materiale pedopornografico. Tutto è avvenuto nella massima riservatezza.


Link: http://www.ilgazzettino.it/nordest/padova/carabinieri_caserma_ponso_padova_pedopornografia-2599171.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento