AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

lunedì 13 marzo 2017

Il sindaco di Amatrice si ribella allo Stato: “Non pagheremo più tasse”



Sergio Pirozzi ha proclamato la “Zona franca della Contea di Amatrice”: da ora in poi il sindaco ha sospeso il pagamento delle tasse per le imprese locali, sfidando così lo StatoL’ha detto e l’ha fatto davvero: Sergio Pirozzi, il coraggioso sindaco di Amatrice, ha deciso di sfidare lo Stato italiano, proclamando una specie di “Contea” indipendente da Roma. 

 E l’ha chiamata proprio “Zona franca della Contea di Amatrice“, che è un luogo in cui il Consiglio Comunale di una piccola cittadina vota a maggioranza un provvedimento straordinariamente giusto, ma forse illegale: in pratica, il sindaco ha sospeso il pagamento delle tasse per le imprese locali. La mossa di Pirozzi, considerata all’inizio solo una provocazione, è stata invece confermata in pieno da lui stesso: “Ma quale provocazione? Si tratta di un provvedimento che abbiamo meditato a lungo, e che avrà pieno valore.

Il nome lo abbiamo scelto un po’ stravagante proprio per questo: per dargli un appeal giornalistico”.Resta comunque da capire come la prenderà il governo, a cui, però, il sindaco di Amatrice ha in qualche modo teso la mano, dichiarando quanto segue: “Diciamo che il nostro è uno stimolo al governo. Se poi nel decreto verranno accolte le nostre istanze, sono pronto a ritirare il provvedimento.”. Toccherà ora a Gentiloni smentire oppure confermare l’operato di Pirozzi. E noi ovviamente facciamo il tifo per la nuova Contea di Amatrice.

Fonte: http://laschiavitudellavoro.blogspot.it/2017/03/il-sindaco-di-amatrice-si-ribella-allo.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento