AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

venerdì 24 febbraio 2017

Ecco Agitato il Mostro Nucleare!

Non sono piaciute le dichiarazioni del presidente Usa che ha messo in dubbio il trattato di disarmo sottoscritto da Stati Uniti e Russia. Per il Cremlino, la fine della parità nucleare tra Usa e Russia potrebbe portare "a una nuova Guerra Fredda"

ROMA - Non sono piaciute le dichiarazioni di Donald Trump, che ha difeso la supremazia nucleare del suo Paese e ha messo in dubbio il trattato di disarmo New Start sottoscritto Stati Uniti e Russia, ad alcuni rappresentanti della Duma, la Camera bassa del Parlamento russo.

"Non si può ammettere il dominio di una sola potenza nel campo delle armi nucleari perché altrimenti si sbilancia l'intero sistema della sicurezza internazionale e perdono senso tutti gli sforzi di disarmo degli ultimi decenni", ha detto il presidente della Commissione Esteri della Duma Leonid Slutzky. "Se Washington procederà nel suo obiettivo di supremazia nella sfera nucleare, il mondo tornerà alla guerra fredda, con il rischio di una catastrofe globale", ha aggiunto Slutzky.

Il capo della Commissione Affari internazionali della Duma, Konstantin Kosachov, si è chiesto se lo slogan di Trump di 'Rendere l'America di nuovo grande' significhi 'egemonia in ambito nucleare'. In questo caso, ha aggiunto, "il mondo tornerà ai tempi della corsa agli armamenti degli anni '50 e '60".

Anche il capo della Commissione Difesa e Sicurezza della Duma, Victor Ozerov, parlando ai media russi, si è espresso in merito: "Cominciare la presidenza mettendo in dubbio un trattato internazionale fra Russia e Stati Uniti non è il miglior modo di mettere in pratica la non proliferazione nucleare". Ozerov ha ricordato che i trattati internazionali "sono la base del controllo sulle armi nucleari" e ha sottolineato che le intenzioni di Trump di incrementare il potenziale strategico "non risponde alla stabilità, alla reciproca comprensione e alla sicurezza nel mondo".

Link: http://www.repubblica.it/esteri/2017/02/24/news/duma_contro_trump_supremazia_nucleare_usa_rischio_corsa_ad_armamenti_-159113983/?ref=HREC1-2

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento