AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

venerdì 27 gennaio 2017

Referendum Costituzionale: mandiamoli Affanculo



Caro elettore il tuo voto conta meno di nulla. Ma non vale la pena che ti ci arrabbi, infatti questo referendum del 4 dicembre 2016 è solo una truffa, una vera e propria trappola. La cosa migliore è quindi: Mandarli affa...nculo e non andare a votare, pensare ad altro e starsene a casa o andare altrove a divertirsi.

Infatti scegliere tra il “No!” alla Costituzione truffa del 1948 ed il “Sì” alla riforma-imbroglio di Renzi, è lo stesso che stare a friggere nella padella costituzionale del 1948 e cadere nella brace costituzionale di Renzi, ovvero come scegliere tra morire impiccati oppure essere bruciati vivi.
Inoltre, che altro sperare se non truffe e controtruffe da questa criminale classe politicante rothschildiana che egemonizza attualmente l’Italia da più di 150 anni?

Ricordiamo che:

- Il Popolo Italiano votò sì al referendum sulla responsabilità civile dei giudici il 9 e il 10 giugno 1985. Vinse il sì, all’80,2%. Ma è stato come se avesse vinto il no. Sono passati 31 anni da allora, e non un solo magistrato italiano è stato ritenuto civilmente responsabile dei suoi errori, come accade invece ogni giorno a medici, ingegneri, architetti, ecc...

- Il Popolo Italiano votò sì il 18 e il 19 aprile 1993 all’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Vinse il sì al 90,3%. Il finanziamento l’hanno chiamato rimborso e ai partiti sono arrivati fondi pubblici sei volte superiori a quelli che prendevano all’epoca.

- Nella consultazione popolare del giugno 2011 il 54% degli elettori votò contro la privatizzazione del sistema idrico. Da allora ad oggi la situazione è praticamente la stessa.  Non facciamoci più fregare da questo teatrino demagogico dei loro inutili ed anzi controproducenti referendum che servono solo a cercare di illuderci che siamo in democrazia. In realtà siamo in un regime tirannico, antidemocratico e antipopolare.

D’altronde: 

- Ci hanno costretto ad emigrare e hanno distrutto il lavoro dei nostri nonni, dei nostri padri e anche il nostro.

- Devastano la nostra terra, distruggono i nostri beni e tramite leggi canaglia ci sequestrano la nostra casa.

- Sono spregevoli fino ad essere odiosi nel loro comportamento da veri usurpatori della reale Sovranità Popolare.

- Occupano posti istituzionali e siedono in parlamento senza essere stati eletti. DA NESSUNO.

Non partecipiamo più alle loro farse. Non votiamo più. Ed invece Organizziamoci concretamente per mandarli affanculo, con le buone o con le cattive, ma una buona volta per tutte! Chi partecipa a queste votazioni fasulle e truffaldine ordite da questa casta politicante al servizio dell’attuale regime antipopolare rothschildiano: di fatto avalla e legittima in modo ignorante, sciocco e miserabilmente opportunista la sua attuale condizione di schiavo, condannato all’impotenza, completamente rassegnato e senza dignità, senza amor proprio né orgoglio, ma soprattutto abbrutito senza la più minima volontà e speranza di riscatto.

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento