AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

lunedì 31 ottobre 2016

Un Sempre Verde: La cosa che comanda



Alessandro

Terremoto: Generiamolo!



Fonte: http://terrarealtime.blogspot.it/2016/10/onde-elf-come-generare-un-terremoto.html

Alessandro

Pensiero: Psicopatia da Esperti


Alessandro

Terremoto: una scomoda verità?



Alessandro

Nasa: Cavi spiralati sono senza peso nello spazio?



Alessandro

Gli animali "domestici" e il circo



Alessandro

domenica 30 ottobre 2016

Terremoto: Terremoto punizione di Dio per astensione Italia a voto Unesco



Vice ministro di Israele: "Terremoto punizione di Dio per astensione Italia a voto Unesco"

Ayoub Kara, del Likud, sostiene che il sisma che ha colpito il nostro Paese sia la punizione divina per la posizione tenuta dall'Italia nel voto sulla Città Vecchia di Gerusalemme all'Unesco. Scotto, Sinistra italiana: "Si faccia vedere"


Tel Aviv, 28 ottobre 2016  - E' pioggia di polemiche, in Italia, ma anche in Israele, per le parole del vice ministro israeliano della Cooperazione regionale Ayoub Kara, del partito Likud, secondo cui "il terremoto in Italia è avvenuto" per punizione divina in seguito all'astensione italiana all'Unesco nel voto sulla Città Vecchia di Gerusalemme. Kara mercoledì era in missione in Vaticano quando c'è stata la scossa.

"Passare attraverso un terremoto non è stata la più piacevole delle esperienze, ma abbiamo avuto fiducia che la Santa Sede ci avrebbe tenuto al riparo. Sono certo che il terremoto sia avvenuto a causa della decisione Unesco che il Papa ha fortemente disapprovato. Ha anche detto che la Terrasanta è legata alla Nazione di Israele". Queste le parole di Kara.

Il capogruppo di Sinistra italiana Arturo Scotto ha subito replicato a Kara: "Il governo israeliano si scusi con l'Italia per le scemenze dette oggi da un suo rappresentante. Se un uomo di governo pensa che un terremoto sia una punizione di Dio, si faccia visitare da uno bravo".

Il documento approvato dall'Unesco, e contestato da Israele, mantiene la Città Vecchia di Gerusalemme nella lista dei luoghi del patrimonio dell'umanità in pericolo, criticando la gestione di Israele, e si riferisce alla Spianata delle Moschee solo con il suo nome arabo, la Moschea di al Aqsa, e non come Monte del Tempio, ai cui piedi si trova il Muro del Pianto, luogo sacro per gli ebrei.

Fiano del Pd su Facebook : "Fossero confermate le parole che riferisce il sito israeliano Ynet su quanto detto dal vice ministro israeliano per la Cooperazione regionale Ayoub Kara, Netanyahu dovrebbe chiedere le sue dimissioni immediate per indegnità e chiedere scusa agli italiani tutti. Se vere sono parole vergognose e inaccettabili".


Anche l'ambasciata israeliana a Roma prende le distanze: "Le parole attribuite al vice ministro Kara non rappresentano assolutamente la posizione dello Stato di Israele e del ministero degli Esteri. Ci sarà un controllo sulla vicenda. Israele ha massima considerazione delle sue importanti e amichevoli relazioni con l'Italia ed è vicino al governo e al popolo italiano per i tragici terremoti".


Fonte: http://www.quotidiano.net/cronaca/terremoto-1.2634584

Alessandro

TERREMOTO 2016 parla Putin sul arma "PAMIR 3"



Alessandro

Preso il mio respiro




Alessandro

CNR: la mela rossa è antitumorale e antiossidante



I ricercatori del Cnr hanno scoperto perché il succo di mela abbia capacità antitumorali, e non solo antiossidanti.

Si dice che una mela al giorno possa togliere il medico di torno, ma perché?


 I ricercatori da tempo hanno dimostrato le capacità antiossidanti della mela, ma un nuovo studio http://www.nature.com/articles/srep32516 ,  intitolato “A theoretical study on predicted protein targets of apple polyphenols and possible mechanisms of chemoprevention in colorectal cancer” (Studio sul meccanismo anticancerogeno per il colon retto dei polifenoli della mela) e pubblicato su Scientific Reports dagli scienziati del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e del Dipartimento di chimica e biologia dell’Università di Salerno dimostrerebbe le proprietà antitumorali delle mele. Come è possibile?

I ricercatori spiegano che la letteratura scientifica in questi ultimi anni è riuscita a dimostrare gli effetti preventivi del succo di mela sul cancro al colon retto grazie ad un meccanismo molecolare che implica il modo in cui i polifenoli agiscono contro il tumore stesso. 

Per la prima volta però gli scienziati italiani sono riusciti a studiare, “in modo specifico proprio quali molecole antiossidanti vanno ad agire e su quali specifiche proteine della cellula”, spiega Angelo Facchiano, ricercatore Isa-Cnr e uno degli autori dello studi.

Tre sono le tipologie di mele prese in analisi, Annurca, Red Delicious, Golden Delicious, al fine di identificare i composti antiossidanti al loro interno. I dati raccolti hanno dimostrato che “i polifenoli della mela ostacolano in particolare la replicazione ed espressione del DNA nelle cellule cancerose del colon, in particolare questo impedisce loro di duplicarsi e far crescere la massa tumorale”. Ma non finisce qui. Gli scienziati hanno anche scoperto che le proteine su cui agiscono potrebbero essere le stesse su cui intervengono alcuni farmaci antitumorali di recente sviluppo.

"Oltre che di tecniche di chimica analitica – concludono i ricercatori – ci siamo avvalsi di bioinformatica e simulazioni molecolari. È stato possibile riprodurre al computer un gran numero di ‘esperimenti' per individuare quali interazioni avvengano tra i composti antiossidanti presenti nelle mele e le proteine dell’uomo: una metodologia che offre grandi potenzialità e opportunità, tra cui quella di limitare la necessità di esperimenti di laboratorio che richiederebbero l’uso di reagenti costosi e strumentazioni complesse"

Fonte: http://edizionisicollanaexoterica.blogspot.it/2016/10/cnr-la-mela-rossa-e-antitumorale-e.html

Alessandro

Viviamo in una società malata che festeggia i morti, ma non i vivi.



Il 2 Novembre si festeggia la commemorazione dei defunti, dei nostri cari che non ci sono più.

Impegnati quali siamo, abbiamo bisogno di un giorno l'anno per ricordare chi non c'è più, ma quel che è più patetico è il fatto che nella nostra decadente cultura l'essere morti è fonte di ricordo e commemorazione, mentre l'essere vivi è fonte di tribolazione, di ansie, di stress, di corse senza fine, di lavoro snervante e avvilente.

Perché allora non festeggiare le persone quando sono in vita?

Magari facendo in modo che non si usurino come bestie da traino per quarant'anni in fabbrica? Perché rivolgiamo tanta attenzione alle persone solo quando non ci sono più? 

Risultati immagini per vecchi abbandonati
I vecchi non sarebbero forse più felici di morire tra le proprie mura che in una casa di riposo? Le persone non sarebbero tutte più felici di essere rispettate qui ed ora, magari facendo in modo che nessuno lavori mai più di 4 ore al giorno, invece che ricordarle con le solite frasi fatte dette dal prete al loro funerale?

"Era una brava persona", certo che lo era, e poteva esserlo ancora di più se fosse nata in una società che valorizza l'essere umano invece che trattarlo come uno stupido robot produttivo destinato a consumarsi di fatica per il "bene dell'economia".

E se iniziassimo a rispettarci di più da vivi?

A costruire insieme una società migliore fondata non sull'egocentrismo e le carriere individuali, ma sul benessere di tutti?

Un mondo dove ogni giorno si festeggia la vita?

Risultati immagini per umanità. Dove non serve andare al supermercato per incontrare le persone?

Dove finite le poche ore al giorno di "dovere", necessarie per vivere, tutti si riversano nei parchi, nelle piazze, nei fiumi, ancora cariche di vitalità e ansiose di incontrare il mondo, invece che rinchiudersi ognuno a casa loro ipnotizzati dalla TV come invece accade oggi?

Ecco perché trovo altamente ipocrita la festa dei morti del 2 novembre, perché in questa società malata ci si ricorda dei vivi solo quando sono morti.


Fonte: http://laschiavitudellavoro.blogspot.it/2016/10/viviamo-in-una-societa-malata-che.html

Alessandro

Terra Piatta: Svizzara di notte



Alessandro

I Burattini Americani



Alessandro

Terra Piatta: Flat Dreams by Eurythmics



Alessandro

NON confermare MAI la FINZIONE GIURIDICA - "loro"non aspettano altro



Alessandro

venerdì 28 ottobre 2016

Pensiero: Detto Romano, del Mare


Alessandro

Esa: Schiapparelli nuove foto





Fonte: http://www.repubblica.it/scienze/2016/10/28/foto/exomars_nuove_foto_di_schiaparelli_su_marte_un_nuovo_cratere_largo_2_4_metri-150761573/1/#1

Alessandro

Terra Piatta: Le Nuvole, Il Sole..



Alessandro

Il Nome: Marchi e Brevetti 2


Quindi...






Alessandro

Terra Piatta: Lenti occhio di pesce o grandangolo



Alessandro

Terra Piatta: Ancora nei films



Alessandro

giovedì 27 ottobre 2016

Alimentazione: Il minimo e' L'ottimo

Il meccanismo molecolare per cui una alimentazione perfetta, cioè che segue perfettamente il principio fisico della minima energia, riesce a conferire la struttura muscolare anche più letteralmente dura in assoluto, è già fondamentalmente noto.

Infatti, come si dice in scienza dell'alimentazione moderna, "MINIMUM EST OPTIMUM", ovvero anche "IL MINIMO E' IL MASSIMO".

Quanto dobbiamo mangiare? Il minimo possibile, al  fine di svolgere le nostre attività quotidiane. Qualsiasi cosa mangiato oltre il necessario, porta alla formazione di eccessivo materiale di scarto, che sovraccarica inutilmente l'organismo.



Alessandro

Dalla Rete: Del Terremoto




Alessandro

Pensiero: Piramidi


Alessandro

Terra Piatta: Mercurio



Alessandro

mercoledì 26 ottobre 2016

Smettiamo di lavorare!



Alessandro

Terra Piatta: Cave di cristallo



Alessandro

Terra Piatta: Luna



Alessandro

La Rift Valley: Casa?



Alessandro

Terra Piatta: Antartide



Alessandro

martedì 25 ottobre 2016

Dalla rete: Multe e Varie

"...Jordan Maxwell ci rivela anche un segreto: nella casistica dei trucchetti c’è anche la multa stradale: quando firmiamo il verbale della multa, lo firmiamo come “co-obbligato”. C’è pure scritto nel verbale. Questo perché quel verbale non è altro che una cambiale, il cui obbligato principale è il traente, cioè il vigile che lo emette. 

E’ lui che dovrebbe pagare la multa ma, poiché non lo farà mai, il creditore chiede i soldi a chi ha firmato per avallo, il “coobbligato”, e siamo noi. Di quel verbale, una volta pagata la cifra richiesta, possiamo fare azione di rivalsa sull’agente/vigile che lo ha emesso. Non resta che provare..."

Alessandro

Dalla Rete: Dello Schiavo


Alessandro

Terra Piatta: Vuoto e Pieno...




"...Come fà esattamente la gravità a conoscere la fine dell'atmosfera e l'inzio del vuoto? Come può la gravità tenete una singola particella di ossigeno al bordo dello spazio contro la potenza del vuoto??..."

"...Non vi è alcuna barriera solida tra lo spazio esterno e l'atmosfera del globo, in modo che tipo di magia gravitazionale può contenere 1 particella di ossigeno attaccato sulla Terra contro tutti il vuoto dell'universo INTERO? Api possono volare liberamente senza subire la forza bruta e massiccia gravità che può contenere una particella di un gas a bordo dello spazio allo stesso tempo?

Dico e ripeto, è impossibile, impossibile per una palla di gas o liquido di rimanere in uno stato accumulato nel vuoto. Un gas o liquido dissipa per riempire il vuoto, o si trasforma in quasi nulla dentro il vuoto se lo spazio non è riempito con il gas o liquido. fisica sperimentale non può riprodurre questo miracolo globale, rimanendo ancora una fantasia per gli adulti ingenui..."


Alessandro

Pensiero: Della Fame


Alessandro

Nas: Il sistema di protezione termico



Alessandro

Malta: Ennesimo falso?



Alessandro

lunedì 24 ottobre 2016

Luna? ISS? Cagata Pazzesca




Alessandro

Stranezze Edicolanti



Alessandro

Pensiero: Dio



Alessandro

Esa: ExoMars Ecco le Foto!




Fonte: https://www.tomshw.it/exomars-trovato-il-lander-schiaparelli-ecco-le-foto-80973

Alessandro

CARPOTECNIA: COME USARE IL PLATANO VERDE X LE RICETTE FRUTTARIANE 3M



Il platano verde è un frutto acerbo che una volta cotto e lavorato permette di realizzare cous cous, polpette, ragù, gnocchi, tagliatelle, pizzoccheri, pizza, piadine, tacos.. ricreando analoghi carpotecnici ad alcune delle preparazioni (soprattutto quelle a base di amido cotto) a cui siamo stati abituati.

In quanto frutto è privo delle fitotossine cioè dei metaboliti killer di cui i semi sono pieni dato che le piante per difendere i semi fanno una vera e propria guera chimica preventiva come metodo di dissuasione. Questi veleni servono come deterrente contro i predatori delle piante


E’ un frutto che aiuta a gestire la transizione alimentare verso la dieta MDA ed il fruttarismo SOSTENIBILE 3M nella graduale eliminazione dei cibi aspecifici. Non contiene glutine quindi è adatto anche ai celiaci.

Il platano deve essere acquistato verde, senza macchie nere e parti gialle e se non viene consumato in tempi brevi è necessario conservarlo in frigorifero per evitare che maturi troppo velocemente.




Togliere dal forno e sbucciare il platano aiutandosi con un coltello incidendone superficialmente la buccia
- Nel caso si voglia preparare il cous cous/paella, tagliare a piccoli pezzetti il platano sbucciato e lasciare che si raffreddi e si asciughi completamente, quindi procedere alla frullatura in un tritatutto, fino a quando si raggiunge la sbriciolatura/sgranatura desiderata. Quindi versare in una ciotola, aggiungere olio evo denocciolato e sale (a discrezione), amalgamare e sgranare bene, con una forchetta o con le mani. Condire a piacimento.







Nel caso si vogliano preparare gnocchi, pizza, piadine, pasta.. è necessario ottenere una palla come quella che si ottiene con le farine classiche. Quindi, una volta sbucciato il platano appena tolto dal forno (il platano in questo caso non deve raffreddarsi altrimenti non si compatta), viene fatto a rondelle/pezzetti direttamente nel tritatutto e subito frullato fino a quando, dopo essersi sgranato, arriverà a compattarsi in una palla facilmente staccabile dalle pareti del tritatutto e lavorabile a mano senza che si incolli.

Durante la frullatura aggiungere sale e/o olio evo denocciolato in base a ciò che si vuole realizzare, ricalcando indicativamente le procedure classiche a base di farina di cerali.

Se si vuol realizzare ad esempio la pizza, basta stendere la palla con un mattarello fino ad ottenere lo spessore desiderato, farcire a piacere e infornare per 20min c.a. a 200° e oltre. ( è utile fare delle prove con il forno che si utilizza per valutare se è il caso di cuocere preventivamente la base senza condimento per un certo tempo, per poi aggiungere la farcitura e ultimare la cottura). Idem per la piadina, che dovrà essere assai sottile, quindi messa a cuocere per circa un minuto per lato in una padella già ben calda.


una delle ricette migliori è consiste nel cucinare prima una caponata di frutti ortaggio e poi versarla sulla base della pizza prima dell'infornata finale











Gli gnocchi si possono realizzare ottenendo dalla palla dei cilindretti fatti poi a tocchetti, lavorati a forma di gnocco, lasciati essiccare un’oretta, procedendo come nella preparazione degli gnocchi tradizionali. Alla base composta di solo platano si può miscelare alla palla ad esempio della zucca MANTOVANA al vapore frullata o dei pomodori essiccati reidratati frullati così da ottenere delle varianti. Basta poi immergerli in acqua bollente salata e aspettare che riaffiorino.






Stendendo la palla come una sfoglia la si può poi tagliare per fare dei tortelli/fagottini da farcire con zucca o altra frutta ortaggio. Verranno poi cotti a vapore per mantenere intatta la forma.


Con una trafilatrice si possono fare i maccheroncini


A mano, molto semplicemente, i pizzoccheri, le tagliatelle, le orecchiette.





Polpette e burger si ottengono unendo al trito di platano della frutta ortaggio cotta al forno o saltata e poi tritata (zucchine, fagiolini, zucca, melanzane..olive) a cui viene data la forma desiderata e quindi cotti in forno, in padella o alla piastra.




Il trito di platano e frutta ortaggio volendo con anche olive e/o pomodori essiccati reidratati, si può utilizzare anche come ripieno per zucchine, peperoni, pomodori, melanzane.


E' assai semplice ottenere anche delle chips, sbucciando il platano aiutandosi con un coltello, quindi facendolo a rondelle che verranno stese su una piastra e messe in forno già ben caldo a 200° per 10/15 minuti. Controllare a vista perchè possono bruciare facilmente. Aggiungere quindi sale a discrezione. Si possono fare delle varianti, passando le rondelle in poco olio di oliva denocciolato/paprika prima di infornarle.


Dal platano verde è possibile ottenere anche la farina, disponendo di un essiccatore, un tritatutto e un macinacaffè. Come ottenere la farina:
1°passo - Sbucciare il platano verde aiutandosi incidendo la buccia longitudinalmente con la punta di un coltello e farlo poi a rondelle con un pelapatate/affettatore elettrico. Quindi essiccare il platano (il tempo di essiccazione è proporzionale alla temperatura di essiccazione. a 42° occorrono circa 12 ore)


2°passo - Mettere il platano essiccato in un tritatutto e ridurlo in un trito grossolano


3°passo - Per ottenere la farina macinare il granulato in un macinacaffè in modo che diventi una polvere finissima



La farina di platano può essere usata nelle preparazioni che la richiedono sostituendola a quella di semi a cui si è abituati. E' possibile trovarla anche in commercio nei negozi di cibo internazionale (ETNICI o catene come Castroni a Roma).

Con la farina ad esempio si possono fare i grissini miscelando farina, acqua, sale.


I waffel, avendo a disposizione l'apposita piastra.



Si possono fare anche piadine e pizza che in questo caso resteranno più croccanti rispetto alla versione ottenuta direttamente dal frutto.



Miscelando farina e acqua in un composto liquido è possibile fare crepe dolci o salate a seconda della farcitura che si desidera.






Unendo acqua alla farina e lasciando addensare sul fuoco si ottiene la polenta. In alternativa si cuoce il platano a vapore quindi si frulla con poca acqua e si lascia addensare in una pentola a fuoco basso.




La versatilità del platano consente di sbizzarrirsi per creare infinite ricette, non resta che iniziare a sperimentare!

Fonte: http://edizionisicollanaexoterica.blogspot.it/2016/10/carpotecnia-come-usare-il-platano-verde.html#more

Alessandro

Le mele annurche potrebbero salvarvi la vita: riducono il colesterolo



Napoli – Settembre è ormai finito e le mele campane sono state già tutte raccolte per il procedimento che porterà, nell’inverno, ad assaggiare le nostre preziose mele annurche. Preziose non solo per il gusto unico riconosciuto in tutto il mondo, ma anche per gli inaspettati effetti benefici sull’organismo. Abbiamo già parlato di una ricerca volta a scoprire se questo particolare tipo di mela potesse influire in maniera positiva sulla nostra salute, specialmente se da essa si potessero ricavare farmaci contro la calvizie ed il colesterolo.

Oggi, i ricercatori campani hanno dato conferma alle loro teorie. Somministrata nelle giuste quantità la mela annurca Igp è in grado di avere sull’uomo effetti benefici sul colesterolo: lo sancisce uno studio del Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II che verrà presentato alle 11 di venerdì nella sede dell’ordine dei giornalisti.

“Da tempo erano note le proprietà di alcuni polifenoli contenuti nei frutti marchiati Melannurca Campana Indicazione Geografica Protetta, – dice il direttore del Dipartimento di Farmacia, Ettore Novellino – che si erano rivelati in grado di ridurre il livello di colesterolo in esperimenti in vitro, ma mancava una conferma che tale proprietà fosse attiva anche nell’uomo e mediante ingestione dei frutti”. Le prove di questa scoperta saranno, peraltro, pubblicate su una importante rivista scientifica.

Fonte: http://www.vesuviolive.it/ultime-notizie/164684-le-mele-annurche-potrebbero-salvarvi-la-vita-riducono-colesterolo/

Alessandro

ECCO COSA SUCCEDE SE UN UOMO DICE LA VERITÀ IN PUBBLICO



Alessandro

Sacrifici di bambini, feti nel cibo, rettiliani e l’intento divino



Alessandro

Nasa: Balle Temporali



Alessandro

I Burattini NON sono eroi!



Alessandro

Zizzania in mezzo al grano



Alessandro

Terra piatta : Il Firmamento?



Alessandro

Terra piatta: simbad



Alessandro

giovedì 20 ottobre 2016

Esercitazione in Corea per un Terremoto??



Alessandro

Esa: La Farsa Continua...


I sette minuti di terrore sono diventati ore, e alle 22 non ci sono ancora segnali provenienti dal lander europeo Schiaparellisganciatosi il 16 ottobre scorso dalla sonda Trace Gas Orbiter della missione ExoMars 2016. Come sa bene chi ha seguito con noi la diretta dell'ESA, alle 16:42 il lander è entrato nell'atmosfera marziana. Da quel momento tuttora si conosce solo quello che avrebbe dovuto accadere, secondo la sequenza temporale di istruzioni che erano state precaricate nella memoria del lander a tempo debito.



14:47 UT: According to nominal timeline, Schiaparelli should be jettisoning parachute & rear shield then igniting thrusters 
In linea teorica Schiaparelli avrebbe dovuto posarsi sul suolo di Marte alle 16:48, ma al momento non sappiamo come siano andate davvero le cose. Gli orbiter attorno a Marte non sono finora riusciti ad agganciare il segnale del lander, il che apre diversi scenari fra cui uno ottimistico (c'è stato un contrattempo nelle comunicazioni, che verranno ristabilite) e il peggiore di tutti, ossia che Schiaparelli non sia sopravvissuto per motivi tutti da indagare.

ESA ha tentato di raccogliere i dati con l'orbiter TGO, con la sonda Mars Express e con MRO, ma al momento nulla sembra essere servito. A quanto spiegato all'agenzia il segnale è stato ricevuto correttamente dal radiotelescopio Giant Metrewave Radio Telescope di Pune, in India, "ma si è interrotto verso la fine. Rispetto ai tempi previsti, questo è accaduto nella fase finale, quando mancava un po' meno di un minuto al momento dell'arrivo sul suolo". Insomma quando il lander avrebbe dovuto usare i propulsori di frenata per attutire l'impatto con il suolo.

SIGNAL DETECTION!!  detects @ESA_EDM signal after plasma blackout, final moments of descent coming 

Cos'è successo?

Secondo Ferri "potrebbe essere successo di tutto", ma la delusione generale non significa necessariamente che Schiaparelli sia irrimediabilmente perso. "Le notizie che abbiamo finora non vogliono dire nulla ancora sull'esito dell'atterraggio", e le ipotesi sul tavolo sono diverse.
La prima è che si sia verificato un problema al computer di bordo. In questo caso si potrebbe fare affidamento su MRO (Mars Reconnaissance Orbiter) per inviare a Schiaparelli un segnale di reset, forse sufficiente per ristabilire le comunicazioni. Un'ipotesi che dalle stesse fonti ESA ha remote speranze di riuscita, ma è meglio di niente.

L'idea alternativa - sempre in ambito ottimistico - è che si sia verificato un problema con il cambio di antenna programmato dopo l'atterraggio. Quella peggiore è che i retrorazzi non si siano attivati, con quello che ne consegue.  
CvIzkWPWgAAugVd large
Poco prima delle 22 ESA ha congedato via social tutti coloro che stavano aspettando aggiornamenti e ha rinnovato l'appuntamento a domani mattina alle 10, quando ci sarà una conferenza in cui saranno diffusi maggiori dettagli. Per gli scienziati europei e italiani si preannuncia una notte intensa di lavoro, in cui saranno passati al setaccio tutti i dati finora raccolti e in cui si faranno tutti i tentativi possibili per cercare di ristabilire le comunicazioni.

In una nota ufficiale l'ESA informa che è stata pianificata una serie di finestre affinché gli orbiter al lavoro attorno a Marte possano captare eventuali segnali. Sono in allerta Mars Express dell'ESA, Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) e Mars Atmosphere & Volatile Evolution (MAVEN) della NASA. In più resta in ascolto il Giant Metrewave Radio Telescope (GMRT). 
Se Schiaparelli fosse atterrato in maniera sicura, le sue batterie dovrebbero essere in grado di supportare le attività per un periodo compreso fra 3 e 10 giorni, offrendo molte occasioni per ristabilire le comunicazioni. Scrive ESA. 
Da parte nostra non possiamo che fare il tifo fino all'ultimo nella speranza di sentire, e potervi riferire, notizie positive. Il fatto che gran parte della tecnologia in gioco sia italiana è un aspetto per noi molto importante, così come le finalità di ExoMars 2016. Se l'esito delle operazioni di oggi fosse negativo, ExoMars 2020 potrebbe richiedere modifiche e accumulare ritardi, se non peggio, perché ricordiamo che quella in scena oggi era la prova generale per una missione molto più grande e importante.

Per fortuna non tutto è stato negativo, finora. Il Trace Gas Orbiter funziona benissimo, ha inviato a Terra la telemetria e tutto sta andando come da programma. La notizia al Centro di Controllo Missione è stata accolta con un applauso distensivo: in questo momento c'è bisogno di buone notizie, ci auguriamo che non sia l'ultima.


Fonte: https://www.tomshw.it/exomars-nessun-segnale-da-schiaparelli-cos-e-successo-80892

Alessandro