AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

venerdì 30 settembre 2016

ESA: Ennesima puttanata?





Fonte: https://www.tomshw.it/rosetta-muore-sulla-sua-cometa-alle-13-20-foto-spettacolari-80423

Alessandro

Dalla rete: Le forze apparenti.



Link: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Forza_apparente

Alessandro

Terra piatta: equinozio



Alessandro

giovedì 29 settembre 2016

Uomini e primati: violenti per natura fin dalla preistoria

"...Ecco come i Predatori si giustificano, con queste madornali cazzate..."



ABBIAMO perso il pelo, ma non la nostra natura da lupi. L'uomo resta una delle specie più violente del pianeta, né più né meno di quanto era ai suoi albori come specie, tra 160 e 200mila anni fa. Con uno studio che sembra dare ragione a Hobbes, un gruppo di biologi dell'università di Grenada ha cercato di rispondere alla domanda: da dove viene la nostra violenza? Se la sua origine sia culturale o ancestrale è infatti un tema da sempre dibattuto fra gli antropologi. Tracciare l'albero genealogico dei mammiferi con accanto la loro propensione a uccidere i membri della stessa specie è sembrato a José Maria Gomez e colleghi la tecnica migliore per trovare una risposta.

Uomini e primati non solo siedono sullo stesso ramo dell'albero evolutivo. Sono anche fra i più spietati killer della natura, con due morti su cento attribuibili all'attacco di un proprio simile. Sembrerebbe un'allusione al fatto che intelligenza e violenza sono legate, se non fosse che in cima alla classifica, con quasi venti "assassini" ogni cento decessi, non ci fossero una specie di mangusta e due di cercopiteco, seguiti da lupi, altre scimmie e varie specie di grandi felini. In generale, gli animali che vivono in gruppo e hanno un territorio da difendere sembrano più propensi a scontrarsi con i propri simili.



Uomini e primati: violenti per natura fin dalla preistoria

In circa 6 specie di mammiferi su 10 (i ricercatori spagnoli ne hanno studiate 1.024, censendo 4 milioni di casi di "assassinio") la pace sembra regnare indisturbata. Il tasso medio di "omicidi" fra tutti i mammiferi è di uno ogni 300 decessi: solo un sesto rispetto a noi. Ma allargare le braccia attribuendo la nostra natura violenta alla parentela con gli scimpanzé non era certo un risultato soddisfacente per i ricercatori di Grenada. Che scavando più a fondo nella nostra anima oscura hanno cercato di individuare il ruolo che giocano storia, politica e cultura nell'accentuare o mitigare gli istinti violenti.

E qui anche Rousseau sembra avere la sua parte di ragione, rispetto a Hobbes. In età preistorica le morti violente erano il 2% del totale. Le tracce più antiche di una guerra fra uomini risalgono a 10mila anni fa. Nel 2012 a Nataruk, in Kenya, vennero ritrovati i resti di 21 adulti e 6 bambini massacrati in una battaglia fra tribù di cacciatori e raccoglitori.

La situazione non è migliorata nei secoli successivi, con un picco negativo tra 1.200 e 1.500. Nel medioevo si raggiunse il cupo record del 25% di morti violente. Ma da quel momento in poi la situazione è tornata a migliorare.

Oggi abbiamo recuperato l'"innocenza" dell'uomo primitivo (il tasso di violenza attuale è tornato al 2%). Ma gli stati stabili con una polizia efficiente arrivano anche allo 0,8-1%. Segno che la cultura, a volte, può avere la meglio sui nostri istinti da lupi (anzi, da scimpanzé). E che forse non ha torto nemmeno Steven Pinker, psicologo di Harvard autore nel 2011 de libro "Il declino della violenza. Perché quella che stiamo vivendo è probabilmente l'epoca più pacifica della storia".

Fonte : http://www.repubblica.it/scienze/2016/09/28/news/uomini_e_primati_violenti_per_natura-148709783/

Alessandro

Terra Piatta: Il Documentario



Alessandro

Delle corporations


nel film ROLLERBALL del 1974 sono stati chiarissimi: non esistono STATI ,esistono solo corporation ,tutto questo mondo è businnes, chi comanda è il denaro affari e niente altro. sono stato costretto alla perizia psichiatrica per aver DIMOSTRATO questo spero che la facciano anche a voi eminenti Pucciarelli e Guerrieri perchè se vi siete accorti solo dopo 42 anni di questo evidentemente siete malati psichiatrici, nevrotici (la nevrosi è una visione scorretta della realtà.- oggi a tutto questo è stato messa la parola fine e voi siete ancora nevrotici perchè non lo dite ,quindi o non lo sapete e siete quindi fuori dalla realta, non state vivendo il vostro tempo, oppure state tacendo la verità, quindi complici di quel vecchio sistema pignorato e precluso. ci sono 194 paesi piu uno HOLE SEE sedia santa (citta del vaticano) oggi tutti in DEFAULT e 176 banche centrali. quindi alcune banche possiedono piu di una corporation . il tutto faceva capo a una unica banca: banca BIS di proprieta del Vaticano, oggi non piu ma di proprietà della popolazione mondiale. dai che lo capirete tra altri 40 anni e farete un bel video eminenti pretesi professori.

Virginia Company è fatta da due rami, uno di questi è oggi UNITED STATES of A MERICA ed è ben chiaro che è una Company, Obama è il governatore delle terre occupate d'america per conto della corona britannica che deve rispondere a citta del vaticano che ordina anche alla associazione mondiale di esecutori amministrativi, pretesi giudici della BAR association a Londra cosa fare ABA international, temple BAR Inner BAR e Middle BAR tutte con sede a londra , in Italia le sedi sono milano e roma. Nei tribunali , ordinari vengono applicate queste leggi non quelle italiane ,admiralty Law o admiralty Colorable. colrable è cio che puo essere colorato a proprio piacimento , dove non cìè la verità , solo in UCC c'è la verità. infatti nel dizionario britannia il solo valido per i termini giuridici csa vuol dire LEGALE: la rovina della legge di D io dove per legge di dio si intende la legge naturale da cui discende la legge del commercio UCC , svegliatevi. fisctio juris non est ubi veritas . massima n.3 di UCC: nel comercio la verita è sovrana. ecco fate e depositate AFFIDAVIT . documento di verita sotto pena di spergiuro e frode e fate secco qualsiasi preteso giudice, lo mettete all'angolo perchè lui è solo un amministratore punto e basta.

Nel 1604 un gruppo di importanti politici, uomini d’affari, mercanti, produttori e banchieri si incontrarono a Greenwich, allora nella contea inglese del Kent, e formarono una corporazione che chiamarono Virginia Company, in vista dell’enorme influsso che gli europei bianchi, dapprima soprattutto britannici, avrebbero esercitato sul continente nordamericani.

Il suo principale azionista fu re Giacomo I, e lo statuto originale della società fu completato entro il 10 aprile 1606. Esso, insieme ai successivi aggiornamenti,stabiliva quanto segue:

La Virginia Company consisteva in due rami, la London Company e la Plymouth o New England Company. Alla prima si doveva la prima colonia permanente d’America, fondata a Jamestown, il 14 maggio 1607, mentre la seconda era costituita dai “Padri Pellegrini” che arrivarono a Cap Cod sulla nave Mayflower, nel novembre del 1620, e proseguirono sbarcando poi a Plymouth il 21 dicembre. I mitici “pellegrini” americani erano, in realtà, membri del secondo ramo della Virginia Company, detto New England Company.

La Virginia Company possedeva la maggior parte della terra di quelli che oggi chiamiamo Stati Uniti e tutte le terre comprese in un raggio di 900 miglia dalla costa. Tra queste ultime figuravano le Bermuda e la maggior parte delle attuali Isole caraibiche. La Virginia Company (la Corona britannica e le famiglie fondatrici) avevano diritto al 50%, sì al 50%, di tutto l’oro e l’argento estratto dalle sue terre, oltre che ad una percentuale di altri minerali e materie prime e al 5% di tutti i profitti ricavati da altre iniziative imprenditoriali. Stando allo statuto, questi diritti dovevano essere tramandati agli eredi dei proprietari della Virginia Company, rivelandosi pertanto… eterni! I membri più in vista della Virginia Company che dovevano godere di questi diritti furono il tesoriere e gli appartenenti alla Compagnia degli Avventurieri e dei Coloni della città di Londra. Dopo i primi 21 anni dalla fondazione della Virginia Company, tutti “i dazi, le imposte e le tasse” pagate sulle attività commerciali delle colonie dovevano essere versati direttamente alla Corona britannica tramite il tesoriere della Corona.


Nessun commerciante poteva esportare merci fuori dalle colonie senza il permesso della corona britannica e chi lo faceva incorreva nel sequestro di tutte le merci, oltre che della nave o del veicolo che le trasportava. 

Le terre della Virginia Company furono garantite alle colonie da un fedecommesso (concessione in uso) e, pertanto, essa non ne poteva rivendicare il possesso, ma poteva tramandarle in uso agli eredi o venderne la concessione d’uso perpetuo. La vera padrona era la Corona britannica. 

Le colonie dovevano essere governate da due Consigli coloniali, ognuno composto da 13 membri, ma il Consiglio della Corona di Londra aveva l’ultima parola su tutte le decisioni. Il monarca britannico in carica sceglieva anche il governatore delle colonie americane, che oggi chiameremmo presidente. OBBAMA un nome inventato Jacob- giacobbe. Il monarca, attraverso il suo Consiglio per le Colonie, fece in modo che i coloni imponessero la religione cristiana a tutta la popolazione, compresi i nativi americani. Per usare il linguaggio dell’ epoca… “con la massima diligenza, cura e rispetto, fate in modo che la vera parola di Dio e della fede cristiana sia predicata, radicata e praticata, non solo all’interno delle sopra menzionate colonie e piantagioni, ma anche tra i popoli selvaggi che confineranno con le nostre terre, secondo la dottrina, il diritto e la religione oggi professati e consolidati nel nostro regno d’Inghilterra”. 

La Corona proseguiva dicendo che qualora i nativi americani non avessero accettato la religione cristiana, essa avrebbe dovuto essere loro imposta. Da ciò discese l’ordine di distruggere la cultura e le conoscenze dei popoli indigeni del Nord America e di mantenere anche i coloni bianchi sotto il giogo malvagio del terrorismo cristiano imposto dai puritani-calvinisti. Si trattava di una chiara licenza ad uccidere, torturare e rapinare le popolazioni indigene, che garantiva una completa immunità agli autori di questi misfatti.

I tribunali penali delle terre della Virginia Company dovevano operare secondo la Legge dell’ Ammiragliato, cioè il diritto marittimo, i tribunali civili secondo la legge comune, il diritto terrestre. Questo è un punto cruciale  Tutto questo, ha un senso ancora oggi? Leggete ancora una volta quelle percentuali e coglierete la portata di tutto questo. NO tutto questo è finito nel 2012 sta a ognuno di noi verificare ratificare e proporre, i documenti esistono e bisogna farli propri. ognuno dovra fare la sya parte diceva Borsellino. lo stesso diceva La Boetie nel 1500 .Namaskar a tutti buon viaggio in UCC.

Per chi ci crede diceva Giordano bruno (filippo bruno) per chi sa dico io Mukti , in love

La Gran Loggia della Frammassoneria inglese è in Great Queen (Iside) Street, a Londra, e sin dal 1717, anno della sua fondazione, controlla la maggior parte delle logge frammassoniche sparse su tutto il globo. Attraverso di essa, l’Elite britannica controlla i giudici, gli avvocati e i poliziotti americani e, attraverso altre organizzazioni, come il Consiglio sulle relazioni estere e la Commissione Trilaterale, manipolano il sistema politico americano. 

I giudici americani sono perfettamente consapevoli del fatto che i loro tribunali sono controllati dall’Ammiragliato britannico, ma stanno zitti e incassano il denaro.   La famiglia Rockefeller è l’affiliata americana dipendente da Londra e sono i Rockefeller che, come è dimostrabile, decidono chi deve diventare presidente degli USA. chi lo diventa? quello che tra i comparenti ha piu sangue reale. dai stop ce n e abbastansa

Alessandro

Nasa: Sono proprio Fatti!







Fonte: http://verorizzonte.blogspot.it/2016/09/241.html

Alessandro

Pizza con la Mozzarella..


Mozzarella: Avocado, olive ed un filo di olio e sale

Pizza e pomodoro pronti per il forno


Mozzarella sopra la pizza, pronta la cottura finale

Tutto Cotto

Buon Appetito!

Alessandro

mercoledì 28 settembre 2016

Pensiero: Dei documenti


Alessandro

Le case donate sono abusive”. L’ultima beffa per i terremotati

Amatrice, il Comune ordina lo sgombero: violano il piano regolatore.



La prima casetta di legno è arrivata tre giorni fa. L’ha consegnata l’associazione La Via del Sale Onlus ad Antonio Guerrini, allevatore, uno dei tanti che da oltre un mese sta vivendo tra mille disagi in tenda nei boschi di Amatrice e Accumoli pur di non allontanarsi dal suo lavoro.  

Hanno portato la casetta fino a Faizzone, 960 metri sul livello del mare. L’hanno montata, effettuato gli allacci, mentre il signor Antonio e la famiglia speravano di poter finalmente soffrire un po’ meno il freddo e la pioggia.

Niente da fare. La mattina seguente è arrivato un tecnico del comune per ordinare lo sgombero: la casetta è un abuso edilizio. Anche se si trova nel terreno del signor Guerrini. Anche se è evidente a tutti che si tratta di un’emergenza e di una necessità. Anche se sono state impiegate risorse, energie, tempo.

È un miracolo sopravvivere al terremoto. È una fatica quotidiana convivere da oltre un mese con il dolore e le difficoltà di una vita da ricostruire, ma per gli sfollati di Lazio e Marche doversi scontrare con la burocrazia italiana si sta trasformando in una beffa incomprensibile.

In base alle norme si può installare una roulotte, un camper, qualsiasi mezzo o struttura con ruote. Tutto il resto rientra nella categoria struttura fissa e diventa una violazione del piano regolatore. «Ci vorrebbe un’ordinanza del sindaco che chieda una deroga», spiega Angelo Fabi, veterinario, che dal 24 agosto ogni giorno gira tra le montagne di Accumoli e Amatrice per distribuire aiuti. Se non sarà presto emessa l’l’ordinanza tutte le casette in arrivo grazie al buon cuore degli italiani diventeranno abusive e quindi da buttare via e demolire.

È la burocrazia italiana, la stessa che sta bloccando 18 casette in legno vuote, un sogno per decine di persone. Appartengono all’Anas che le aveva utilizzate per i propri dipendenti durante il terremoto dell’Aquila. Oggi sono abbandonate ma in ottime condizioni. L’Anas ha accettato volentieri di metterle a disposizione degli sfollati del terremoto del 24 agosto. «Ma è necessario un provvedimento del comune e della protezione civile», fanno sapere dall’azienda. Che invece restano in silenzio.

Problemi in vista anche per i bagni chimici che in tanti si sono offerti di donare a chi è rimasto a vivere nei boschi: potrebbe arrivare un ordine di sgombero se non si riesce a trovare una ditta che effettui ogni giorno le previste operazioni di spurgo.

Oltre che di un tetto e di un bagno per non far morire quelle terre c’è bisogno anche di corrente elettrica. «Avevo proposto di allacciarmi alle centraline del borgo con un filo e con un contatore per pagare i consumi in modo regolare. Mi hanno risposto che non era possibile», racconta Benedetto Guerrini che da più di un mese vive in una tenda nella frazione Macchia di Accumoli. Ad Illica, invece, la corrente non arriva per nulla. Il borgo è totalmente al buio, denunciano la portavoce del comitato `Illica Vive´ Sabrina Fantauzzi e il segretario Elvira Mazzarella- «a causa dell’impossibilità di sistemare i pali elettrici per via del sequestro della magistratura».

Non è stato facile nemmeno spiegare alle decine di lavoratori edili della zona che quando ripartirà la ricostruzione non saranno loro a occuparsene ma ditte molto più grandi e strutturate.«Nessuna delle aziende che operano qui hanno i requisiti per partecipare agli appalti che verranno banditi», conferma Maurizio Aluffi, segretario della Confartigianato di Rieti. «Stiamo provando a far approvare un protocollo che preveda una tutela delle imprese e della manodopera locale ma è tutto quello che possiamo fare».


Fonte: http://www.lastampa.it/2016/09/27/italia/cronache/le-case-donate-sono-abusive-lultima-beffa-per-i-terremotati-e6I4Pk4pVApAcgFJPdUNTM/pagina.html

Alessandro

Film 1984, musica e video, le carte degli illuminati, Donald Trump



Alessandro

Terra Piatta: come le barche spariscono all'orizzonte



Alessandro

Terra Piatta: Parliamo della luna



Alessandro

Nasa: Più Chiari di così...






Fonte: http://verorizzonte.blogspot.it/2016/09/riflessioni.html

Alessandro

Le nazioni come corporations: Video



Alessandro

martedì 27 settembre 2016

Pensiero: Poche d'animo


Alessandro

La Nasa ammette di spruzzare i cittadini con scie chimiche velenose



Per anni il governo federale e non solo hanno etichettato come complottisti coloro che manifestavano preoccupazione per le sostanze chimiche spruzzate sulle popolazioni, le scie chimiche, ma l’agenzia spaziale nazionale ha appena ammesso che i “complottisti” avevano ragione al 100 percento. Come riporta The Waking Times, uno scienziato della NASA ha ammesso che la sua agenzia sta mettendo nei gas di scarico dei razzi il litio (ascoltate qui ), che successivamente viene disperso nell’atmosfera. Non solo, il rilascio di litio è in corso sin dagli anni settanta, come ammette Rowland nel video, che è la registrazione di una telefonata.

Benché secondo Rowland il litio non sia dannoso per l’ambiente, questa sostanza è stata usata per decenni come farmaco psichiatrico. Funziona alterando i livelli di serotonina e di norepinefrina che sono secreti dal sistema endocrino umano. Il litio altera fortemente gli schemi cerebrali, ma nella registrazione Rowland afferma che “non è pericoloso.”

La realtà è che anche i medici che lo prescrivono regolarmente per ragioni psichiatriche non capiscono come funzioni, o quali siano i dosaggi ottimali. Perciò come si può pensare che spruzzare grandi quantità di questa sostanza in modo indiscriminato nell’atmosfera possa essere una cosa positiva?

Tutto in nome della scienza

Ecco la spiegazione della NASA. Sul sito web dell’agenzia, si dichiara che la NASA effettua il rilascio del litio per studiare il movimento del vento nell’alta atmosfera, al fine di analizzare i dati sul gas caricato o ionizzato (chiamato plasma) e sul gas neutrale attraverso il quale transita. L’agenzia afferma che le variazioni contano, poiché tutti i GPS e i satelliti per le telecomunicazioni inviano i propri segnali attraverso la ionosfera, e “una ionosfera disturbata si traduce in segnali disturbati,” per questo è necessario sapere cosa fa agire la ionosfera in determinati modi.

Oltre al litio psicotropo, altri hanno provato la somministrazione di vaccini via aerosol – l’irrorazione di vaccini per via aerea sulle popolazioni a loro insaputa e senza la loro autorizzazione – come riporta questo abstract. Diverse migliaia di persone sono state vaccinate tramite aerosol “per molti anni” in Russia con “ceppi vivi attenuati contro molte malattie.” Inoltre, sono state condotte vaste sperimentazioni sul campo in Sudamerica usando il vaccino vivo attenuato del morbillo, definite molto positive. Buoni risultati sono stati riportati anche utilizzando un aerosol per vaccinare contro l’influenza A.

“L’introduzione del vaccino per via aerea, che ripercorre meglio la via naturale di molte infezioni, potrebbe portare allo sviluppo dell’immunità al portale d’ingresso, e potrebbe anche indurre una difesa più generalizzata,” sostengono i ricercatori.

Lo studio ha anche rilevato che il metodo ottimale di vaccinazione per aerosol è attraverso il naso, che è considerato migliore per le popolazioni pediatrica e geriatrica. “In conclusione possiamo affermare che l’immunizzazione tramite aerosol appare un metodo di vaccinazione promettente,” concludono gli autori dello studio.

Cavie

Quanto al litio, non è un farmaco che dovrebbe essere spruzzato nell’atmosfera perché, ribadiamo, medici e scienziati non sanno realmente quali dosi siano efficaci e quali siano eccessive.

Rowland, nella sua conversazione registrata, ha promesso di rispondere alle domande specifiche che dovesse ricevere via email. Ha anche detto che l’agenzia spaziale accoglie con favore queste richieste provenienti da cittadini comuni visto che informare la gente è una delle missioni fondamentali della NASA.

Se questo è vero, allora perché gli altri funzionari governativi che lavorano presso agenzie chiave hanno obbligo di silenzio sulle discussioni riguardanti le scie chimiche?

Se non siete ancora pronti per credere che il governo americano sia capace di spargere litio attraverso le scie chimiche, questo documento pubblico – Codice 840 RMMO dal Range and Mission Management Office della base di Wallops – dovrebbe mettere a tacere ogni vostro dubbio. Esso definisce espressamente in una dichiarazione di missione del 2013 che lo “scopo” del lancio è “testare i metodi di caricamento dei fusti di litio” da trasportare in missioni successive. I risultati? “I dati termistore sono risultati nominali. Rapporto positivo dalla piattaforma ottica aerea delle immagini video e delle nuvole di litio visibili anche tramite osservazione da terra.”

Il governo degli Stati Uniti ha trattato gli americani come cavie nel passato; sarebbe semplicemente ingenuo pensare che questa prassi sia stata interrotta.

Fonte: http://terrarealtime.blogspot.it/2016/09/la-nasa-ammette-di-spruzzare-i.html#more

Alessandro

Terra Piatta: Giove immerso in un liquido?



Alessandro

Della Vita


Alessandro

Terra Piatta: Ancora sulla prospettiva..



Alessandro

Nasa: Ennesima computer grafica



Link: http://www.repubblica.it/scienze/2016/09/27/news/c_e_vapore_acqueo_su_europa_la_luna_di_giove_nasconde_un_oceano-148606206/

Alessandro

Terra Piatta: Il percorso delle stelle



Alessandro

C'E CHI LA CHIAMA LIBERTÀ', 8 ORE CHIUSO IN FABBRICA



A questo punto siamo ridotti, confondere la vera libertà con la libertà di scegliere un lavoro e il proprio padrone, roba da far rivoltare sulla tomba tutti i grandi rivoluzionari e libertari del mondo che hanno sacrificato la propria vita con al cuore il pensiero fisso di un mondo nuovo, felice, senza sfruttati e senza sfruttatori.

Ma del resto che ne sanno i giovani oggi degli ideali libertari? Di cosa significa sacrificarsi per il bene degli altri?

Perché un domani nessuno debba più morire di fame o accettare un lavoro di merda perché perennemente ricattato dall'oscuro concetto del "Se non lavori non mangi?"

E allora, dopo le gloriose conquiste civili e operaio degli anni 60-70, oggi siamo arrivati al punto di chiamare "libertà" la nostra quotidiana schiavitù, e guai a lamentarsi, poiché gli ottusi schiavi moderni fieri di vivere la propria vita all'insegna della monotonia e del consumismo, subito ci attaccano il difesa del sistema che gli ha creati, dicendoci: "Ringrazia il cielo di avere un lavoro!"
Quindi oggi le masse entrano nelle fabbriche felici di svolgere mansioni monotone, otto ore al giorno, poiché hanno smesso di sognare un modo diverso di vivere, semplicemente si accontentano di ciò che viene loro proposto, del resto un lavoro sicuro assicura loro macchina e telefono nuovo, l'affitto per l'appartamentino e i soldi da spendere nei locali più alla moda nei giorni concessi loro di intervallo nel weekend.

E la chiamano libertà, senza sapere cosa sia davvero la libertà, senza immaginare che se fossero davvero liberi nessuno li obbligherebbe mai a lavorare otto ore al giorno, perché in un mondo davvero "libero" risulterebbe a tutti inconcepibile lavorare così tante ore al giorno, come ad una rondine, finito di costruire il proprio nido, risulterebbe inconcepibile costruire altri nidi per il resto della sua vita.

Ma come siamo arrivati a questo? Semplice!nAzzerando il pensiero libertario attraverso il sistema scolastico, racchiudendo milioni di bambini in quelle gabbie chiamate "scuole", dove la prima cosa che si insegna è l'obbedienza verso le autorità (professori, maestre, presidi) e la competitività spietata verso i propri simili (compagni di classe).

Si spezza così il naturale cerchio che porta gli individui ad amarsi e aiutarsi, trasformandolo nella futura piramide sociale, dove "vince il migliore" e il forte schiaccia il debole.

Risulta quindi normale che in un mondo snaturalizzato e privato dell'amore verso il prossimo, gli schiavi puntino alle carriere individuali e a riempire di spazzatura il proprio ego, invece che sostenersi a vicenda, facendo in modo che a nessuno manchi niente, ed è così che anche la libertà di fare e di essere, viene confusa con la libertà di spendere i propri soldi.

Ma del resto in quest'epoca composta di superficiali materialisti, a chi importa essere? A chi importa fare un lavoro dove oltre alle mani si usi la testa? A chi importa sviluppare il proprio talento e la propria creatività, quando il pensiero più grande è "come vestirsi" o"come spendere i proprio soldi per far colpo o impressione sulle altre persone per sentirsi socialmente accettati da una società in totale crisi d'identità?"

Fonte: http://laschiavitudellavoro.blogspot.it/2016/09/ce-chi-la-chiama-liberta-8-ore-chiuso.html

Alessandro

sabato 24 settembre 2016

Terra Piatta: Indovinello





Alessandro

Pensiero: Del Futuro


Alessandro

Vero o Falso?



Alessandro

NASA : Fascia di Van Allen



Alessandro

Del Lavoro: Video



Alessandro

Terra Piatta: Ma questo sole





Alessandro

Terra Piatta: Buio nello spazio



Alessandro

Hillary: Computer Grafica?



Alessandro

Pappardelle al Pesto di zucca





Alessandro

venerdì 23 settembre 2016

Nasa: Gli astronauti superano loro stessi con le bugie



Alessandro

Silvano Agosti: inno all’autogoverno



Alessandro

A tutti i Fan di Putin



Alessandro

Dalla rete: I protocolli di Sion

I protocolli di Sion combattono l'iniziativa individuale. Ecco perché è stata modificata tant'è che ora, se viene dichiarata l'infermità mentale al "momento della commissione del fatto" si può essere rinchiuso in una struttura REMS e rischi di diventare un soggetto di pericolosità sociale. Se si è cmq sani, l'infermità può"casualmente (?)" sopraggiungere durante l'incarcerazione. C'erano dubbi?



Link: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=ListEmendc&leg=17&id=42262

Alessandro

Terra Piatta: Satelliti geostazionari



Storia: "... L'orbita geostazionaria della Terra è anche chiamata Fascia di Clarke, dal nome di Arthur C. Clarke, scrittore di fantascienza famoso soprattutto per essere l'autore di un racconto intitolato "La Sentinella" da cui naque prima il film "2001 Odissea nello Spazio" poi un romanzo omonimo tratto dalla sceneggiatura del film. Clarke fu il primo ad ipotizzare[1] l'utilizzo dell'orbita geostazionaria per i satelliti dedicati alle telecomunicazioni...."



Alessandro

Nasa: Luna e Orbita Bassa



Alessansdro

giovedì 22 settembre 2016

Nasa: Saluti alla Puglia



Alessandro

Tribunale Popolare di Sassari



Alessandro

Nasa: Saluta la puglia...





Link: http://bari.repubblica.it/cronaca/2016/09/20/foto/la_nasa_saluta_la_puglia_con_la_foto_dallo_spazio_ciao_-148189309/#1

Alessandro

Ennesime psico cazzate pseudo scientifiche


Ecco la voce di Ötzi, ricostruita dagli studiosi di Bolzano

Era questa la voce di Ötzi o, almeno, una approssimazione di come dovevano suonare le sue vocali, le cinque dell'alfabeto italiano. Una ricostruzione possibile grazie al lavoro dei ricercatori di foniatria dell’ospedale San Maurizio di Bolzano, coordinato dal dottor Francesco Avanzini e dal primario del reparto di Otorinolaringoiatria Rolando Füstös. La scansione del condotto vocale della mummia del Similaun, ritrovata nel 1991 intrappolata nel ghiaccio al confine tra Sudtirolo e Austria, ha dunque permesso di ipotizzarere quale dovesse essere la voce di quest'uomo, vissuto 5.300 anni fa. Il risultato della ricerca è stato presentato al Meeting Eurac di settembre proprio a Bolzano, dedicato allo studio delle mummie e, in particolare, di Ötzi, in occasione dei 25 anni dalla sua scoperta

Link: http://video.repubblica.it/cronaca/ecco-la-voce-di-otzi-ricostruita-dagli-studiosi-di-bolzano/252721/252908?ref=HRESS-1

Nuova Carta d'identità: Il Controllo Elettronico degli Italiani



La schedatura di tutti, adulti e bambini. Il pretesto è la sicurezza di massa combinata alla modernità tecnologica. Ecco le peggiori novità che ci attendono per disintegrare definitivamente ogni e qualsiasi libertà civile, e dare il via libera al controllo totalitario delle persone. Altro che Stato di diritto o democrazia partecipata. La spacciano per una rivoluzione: a tutta la popolazione italiana che richiede un documento d’identità, dal prossimo anno saranno prese le impronte digitali. A Roma, presso il Viminale, è stata allestita una gigantesca banca dati contenente tutti i dati sensibili della popolazione italiana, già schedati dalla Sogei e messa a disposizione segretamente della NATO, e quindi anche della CIA e del Mossad.



A partire da gennaio 2017, addio al formato cartaceo, il documento di riconoscimento sarà solo formato card ed arriverà a casa in seguito alla richiesta all'ufficio anagrafe  e alla registrazione dei dati  anagrafici e biometrici. Altra novità istituzionale: spariranno gli uffici anagrafe comunali.

Bari è stata individuata dal ministero dell’Interno come città pilota, quindi nel capoluogo pugliese il nuovo corso decollerà prima rispetto al resto del belpaese. La consegna a domicilio della carta d'identità elettronica avverrà in linea di massima entro sei giorni lavorativi dalla registrazione dei dati. Quindi l'ufficio anagrafe trasmetterà i dati al ministero dell'Interno (ai fini della certificazione e della autorizzazione all'emissione) che a sua volta li girerà all'istituto deputato a stampare la carta d'identità. Infine l'invio a domicilio.

Il costo dell'operazione sarà di 22 euro (spese di produzione del documento più diritti di segreteria) per cui ci sarà di fatto un aumento del costo per il rilascio della carta. Attualmente, si spendono, scegliendo il formato di carta soli 5,42 euro, altrimenti con la carta digitale l’esborso è complessivamente di 25 euro.

Sabato scorso, l’ineletto Matteo Renzi, in occasione dell'inaugurazione della Fiera del Levante ha proposto al sindaco, Antonio Decaro, di presentare anche a Bari «Italia 4.0», un progetto «di innovazione spinta» relativo alla pubblica amministrazione.

Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/09/nuova-carta-identita-il-controllo.html

Alessandro

Sempre Lei...




Alessandro

Nasa: OSIRIS REX



Alessandro

Terra Piatta: Antartide non mappata.



Alessandro

mercoledì 21 settembre 2016

Terra Piatta: L'elissoide mentale di Corrado Malanga



Alessandro

Terra Piatta: Donald Trump parla?

“I fly a lot, and I mean a lot. No one flies more than me. Listen, I own a jet. I own a 757, beautiful plane, it’s the best plane! If the world were round, believe me, I would know!”

"Io volo molto, e voglio dire un sacco. Nessuno vola più di me. Senti, ho un jet. Possiedo una, bel aereo 757, è il migliore aereo! Se il mondo fosse rotondo, credetemi, lo sapere! "

Fonte: https://mainerepublicemailalert.com/2016/09/20/donald-trump-says-earth-is-flat/

Alessandro

Le parole: Soldato.

Altra Parola, Altro Gioco

Soldato = sol - dato. Sulla musica degli altri (sol), i pupazzi danzano e capitolano(dato)

Alessandro

New York: Operazione psicologia



Alessandro

Se li Conosci, li eviti...


Alessandro

Dei 5 Stelle


Rudi Rieder, consigliere del Comune di Bolzano, si è dimesso dai 5 Stelle perché non allineati sulla strategia d’informazione da mettere in campo. Nel senso che il movimento non vuole aprire il vaso di Pandora e preferisce tacere su tante problematiche. Beppe Grillo lo diceva a parole, ma nei fatti la musica è ben diversa.

Se non si informano le masse sui problemi, sugli inganni e sui meccanismi del nostro sistema tutto il resto non serve a nulla.

Fonte: https://disquisendo.wordpress.com/2016/09/19/informare-i-cittadini-non-e-il-reale-obiettivo-del-m5s-ecco-cosa-ci-dice-il-dimissionario-rudi-rieder/

Alessandro

Della Vita..


Alessandro

Nasa: ISS dal vivo? Aprite gli occhi e vedete che bell'inganno.



Alessandro

martedì 20 settembre 2016

Piatti Fruttariani



Insalata di : pomodorini privati dei semi, cetrioli, olive nere denocciolate, giardiniera di melanzane, zucca, peperone rosso e giallo. Condita con olio d’oliva e sale.

Giardiniera
Questa giardiniera veloce è utile per arricchire le macedonie di frutta ortaggio e può essere realizzata con le melanzane, i peperoni, le zucchine e la zucca (la buccia della zucca se è sottile e senza imperfezioni può essere lasciata o altrimenti tolta con il pelapatate), tutto insieme o separatamente. È sufficiente tagliare a strisce o a fette i vari ingredienti e metterli sotto sale per 24 ore coperti da un piattino e un peso per far mantenere il tutto nell’acqua che sarà rilasciata dai frutti. Passate le 24 ore con lo schiacciapatate eliminare l’acqua in eccesso, mettere nei vasi di vetro e condire con l’olio d’oliva. La giardiniera è pronta per essere consumata e si può conservare in frigo per alcuni giorni.




Povate questi cannelloni mini di zucchine, a detta dei miei sono uno tira l'altro. Questa è la ricetta, è semplicissima: tagliare le zucchine a fette sottili con il pelapatate e i pomodori privati dei semi a filetti, salate. Create i cannelloni avvolgendo la zucchina intorno al filetto di pomodoro. Disponeteli in una pirofila leggermente unta d’olio e ricopriteli con alcune rondelle di pomodorino, infornate a 180°. Mangiare immediatamente e se si vuole si può aggiungere a crudo dell’olio d’oliva. Si possono anche cuocere velocemente sul gas in una pentola antiaderente con coperchio meglio sarebbe in una pentola di terracotta.







Alessandro

Pensiero: Psicopatia D'eta


Alessandro

Imprenditore abolisce l'orario di lavoro



 Abolito anche il limite ai giorni di vacanza. Per l'imprenditore britannico "i dipendenti si possono assentare un'ora, una settimana o un mese, senza che nessuno debba potergli fare domande, perché una persone felice lavora meglio". La nuova politica è stata introdotta negli uffici di Regno Unito e Usa

L’aveva detto anche Larry Page, il numero uno di Google.  “Per essere felici si deve lavorare meno. L’idea che tutti debbano lavorare freneticamente è semplicemente non vera”.

Ma Richard Branson, fondatore e numero uno dell’impero Virgin (palestre, emittenti radio, compagnie aeree, etichette discografiche e molto altro), è passato dalle parole ai fatti: per i suoi dipendenti ha abolito l’orario di lavoro.

Perché “contano i risultati, non le ore che passi in ufficio”. Così sarà possibile assentarsi per “un’ora al giorno, una settimana o un mese, senza che nessuno faccia domande”. L’importante è che alla fine i progetti affidati a ognuno siano portati a termine con successo. Branson ha confermato di avere introdotto questa nuova politica negli uffici Virgin di Stati Uniti e Regno Unito. E, se tutto andrà secondo i suoi piani, “incoraggerò anche le aziende controllate a fermare il conteggio dei giorni di vacanza“.

Il 64enne imprenditore britannico, noto per le iniziative imprenditoriali innovative al limite della stravaganza (vedi Virgin Galactic, che vende viaggi nello spazio), ha teorizzato questa filosofia sul suo blog, oltre che nel libro “The Virgin Way: Everything I Know About Leadership“.

L’idea alla base della teoria del manager, peraltro abbastanza simile a quella per lungo tempo adottata da Google, è che “i dipendenti dovranno decidere di andare in vacanza solo quando capiranno che la loro assenza non danneggerà le entrate dell’azienda, un altro collega o la loro stessa carriera“.

 Risultati immagini per Richard BransonA ispirare il magnate inglese è stato un articolo che gli ha mostrato sua figlia, in cui si ricordava come Netflix, piattaforma statunitense che offre video in streaming, non tiene conto dei giorni di vacanza presi dai suoi dipendenti. “Ho un amico la cui società ha fatto la stessa scelta – si legge nel blog di Branson – e che ha visto un miglioramento in ogni ambito, arrivando a un picco sia rispetto alla creatività che alla produttività dell’azienda”. Di qui la scelta di adottare una politica lavorativa che permetta ai suoi dipendenti “di avere più tempo per la famiglia e per coltivare i loro interessi”, perché “una persona felice, lavora meglio”, conclude il rivoluzionario milionario.

Una ricetta che è stata adottata, almeno in parte, anche dall’amministrazione di un comune svedese. A Göteborg si è deciso di trattenere per meno tempo in ufficio i dipendenti, riducendo l’orario lavorativo dalle otto ore canoniche a sei (per un totale di 30 ore settimanali). Obiettivo: ridurre i giorni di assenza dal lavoro per malattia.


Alessandro 

Terra Piatta: Luna crescente e luna calante.



Alessandro

lunedì 19 settembre 2016

Terra Piatta: Ridiamo



Alessandro

Terra Piatta: L'universo non esiste



Alessandro

Cappella San severo







Alessandro

Terra Piatta: Terra piatta contro l'universo



Alessandro

domenica 18 settembre 2016

New York: Attori



Alessandro

New York: Ennesima esercitazione?



Alessandro

Terra Piatta: Della Luce della Luna




Alessandro

Psicopatia Legale

Alessandro

Hillary Clinton: Manichino?



Alessandro

New York: Ennesima Frode?



Foto: http://www.repubblica.it/esteri/2016/09/18/foto/new_york_forte_esplosione_a_chelsea-147993337/1/?ref=HREA-1#1

Alessandro