AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

giovedì 1 dicembre 2016

L'inutile vendetta

Un altro ex nazista condannato: ha 95 anni e non ha mai ucciso nessuno



Berlino, 29 nov – Colpevoli di essere lì. La giurisprudenza tedesca compie un altro passo verso lo stravolgimento del diritto: un 95enne è stato condannato a quattro anni di carcere per concorso in omicidio pur non avendo compiuto materialmente alcun delitto. Si tratta dell’ex ufficiale delle SS Oskar Gröning. La condanna risale a un anno fa, ma ora la Corte suprema federale tedesca ha confermato la sentenza. I giudici hanno dato ragione al tribunale di Lüneburg, che un anno fa ha ritenuto Gröning corresponsabile di 300mila prigionieri ammazzati nel campo polacco nel periodo in cui lui lavorava lì (tra il 1942 e il ’45).

Nulla ha provato che l’uomo abbia avuto una qualche responsabilità in qualche delitto specifico (egli svolgeva le mansioni di contabile): è bastata la sua presenza nel campo polacco per farlo condannare. La svolta nella giurisprudenza sull’Olocausto si è avuta nel 2011, con il verdetto contro John Demjanjuk, la guardia di Sobibor, condannato per concorso in omicidio di 28mila ebrei per il solo fatto di essere nel campo. Demjanjuk, del resto, è morto di vecchiaia poco dopo. Recentemente aveva fatto notizia il processo a Hubert Zafke, anch’egli 95enne, alla sbarra per essere stato infermiere ad Auschwitz.

È comunque singolare che una tale accelerazione arrivi a tanti anni dalla fine della guerra, con una foga vendicativa che sarebbe apparsa fuori luogo subito dopo la guerra, quando pure le ferite del conflitto erano più fresche. Quasi come se questa società avesse bisogno di sempre nuovi “mostri nazisti” da processare…

Link: http://www.ilprimatonazionale.it/esteri/un-altro-ex-nazista-condannato-ha-95-anni-e-non-ha-mai-ucciso-nessuno-53656/

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento