AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

sabato 26 novembre 2016

Dalla Rete: L'attuale Inquisizione


Una frase trascritta dai carabinieri di Bitti nel corso delle indagini, e attribuita alla moglie di Marras – “Michele non l’ha ucciso perché gli tremava la mano” – e sulla quale il pm ha fondato la richiesta della misura cautelare in carcere per Marras, si è poi scoperto in dibattimento che addirittura non esisteva. Marras ha scontato 18 mesi di custodia cautelare in carcere e non ci sono risarcimenti che possano ripagare un uomo di 42 anni.

Il verdetto oltre a dimostrare la pericolosità del processo indiziario dimostra l'iniquità della carcerazione preventiva. Bisogna mettere dentro la gente con prove fortisisme non con indizi. La legge al riguardo è decisamente disumana e anticostituzionale perché contro l’art. Art. 13 (La libertà personale è inviolabile)e l’art.27.2: "L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva”. Bisogna abbattere in toto il processo indiziario e praticare solo il processo per prove fortissime! Nella fase indiziaria solo controlli sul territorio ma niente carcere. Ben 20.000 persone sono in carcere e di queste almeno la metà verà messa fuori. Chi potrà mai ripagare gl'innocenti dei giorni,, mesi , anni di vita in cui sono stati sequestrati dallo stato?

Link: http://lanuovasardegna.gelocal.it/nuoro/cronaca/2016/11/24/news/tentato-omicidio-cabua-assolto-marras-1.14464453

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento