AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

lunedì 7 novembre 2016

Dalla Rete: Del Nascituro

Se può sembrare forzato, si pensi alla procedura di registrazione di un nuovo nato. Inutile presentarsi all’Anagrafe dell’Ufficio Comunale per registrare il figlio appena nato con la sola carta emessa dall’Ospedale. Prima, bisogna esser passati anche all’Agenzia Entrate e essersi fatti consegnare il codice fiscale. Senza quello, con il solo documento ospedaliero, che rappresenta l’esistenza di un bambino in carne e ossa, l’impiegato dell’Ufficio Anagrafe del Comune non farà assolutamente nulla, perché lui non è lì per registrare un nuovo bambino, è lì per registrare un’azienda, un soggetto fiscale, un “contribuente” che “contribuirà” a pagare il famoso e inesistente “debito pubblico”, di cui tra l’altro il nuovo nato non ha proprio alcuna responsabilità. 

Con la documentazione completa, l’Anagrafe emetterà la nota di carico, il “certificato di nascita” e qui Jordan Maxwell si spinge oltre l’immaginazione: il certificato di nascita non è un pezzo di carta, è un vero titolo di credito. Come una “bill of lading” dà la proprietà sulla merce nel diritto marittimo, così lo Stato custodisce gelosamente il certificato di nascita perché certifica la sua proprietà sull’essere umano che vi sta scritto. Sul certificato di nascita sono scritte anche le variazioni successive (matrimonio, divorzio, morte) e chi va in Comune perché ha bisogno dell’atto di nascita, non lo otterrà mai, otterrà invece un “estratto” dell’atto di nascita che riepiloga le informazioni che vi sono scritte.

Chi riesce a far sparire il proprio atto di nascita, si svincola dallo Stato come soggetto contribuente perché lo Stato non ha più il documento, la polizza di carico, che ne certifica la proprietà. Ma Maxwell va ancora oltre descrivendo la realtà americana, che non è verificabile e quindi la riporto solo per conoscenza: se ogni essere umano è un’azienda, allora come tale esso acquisisce un valore, un valore che cambia durante la sua esistenza, in base al reddito che incamera ed al patrimonio che acquisisce o disperde. Come ogni azienda, anche ogni essere umano quindi è negoziabile in borsa, e secondo Maxwell le banche americane negoziano e fanno trading su questi titoli in una loro Borsa privata utilizzando come identificativo delle persone i codici riportati sul loro “certificate of birth”.

Ricordo che tutti gli esseri umani sono considerati morti sulla base del Cestui Que Vie Act del 1666 e come tali vengono vengono identificati con i caratteri maiuscoli: l’essere umano John Smith diventa l’azienda SMITH JOHN (fin dal certificato di nascita) e tutta la corrispondenza che riceverà sarà sempre a caratteri maiuscoli, come si usava un tempo per le persone morte: perché ogni uomo o donna è una “corporation”, e il termine deriva da “corpse”, che significa “cadavere”.


Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento