AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

mercoledì 17 agosto 2016

Scie Chimiche? Una Bufala...



ALTRO che complotto, la teoria delle scie chimiche non ha fondamenta. A stabilirlo è il primo studio scientifico condotto dalla University of California Irvine, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Environmental Research Letters. Secondo i ricercatori, si tratta di semplici fenomeni chimici e fisici spiegabili senza scomodare le teorie del complotto che periodicamente vengono evocate anche in Rete. Lo studio ricorda come il 17% della popolazione mondiale crede invece siano il segno di qualche fantomatico esperimento governativo.

Le ''prove'' sotto osservazione. Lo studio ''Quantificare il consenso degli esperti riguardo all'esistenza di un programma segreto di irrorazione atmosferica su larga scala'' - firmato da Christine Shearer, Mick West, Ken Caldeira e Steven J. Davis - ha visto il coinvolgimento di 77 scienziati divisi in due gruppi: da una parte degli esperti di chimica dell'atmosfera con competenze legate alle scie di condensazione e dall'altra dei geochimici che lavorano sulla deposizione atmosferica di povere e inquinanti. I ricercatori sono stati messi di fronte alle affermazioni di chi sostiene che esista una cospirazione su scala globale volta a diffondere nell'aria - per scopi che vanno dall'avvelenamento della popolazione all'ingegneria climatica - sostanze chimiche di vario tipo.
Scie chimiche, ironia social sulla leggenda metropolitana

"Abbiamo sottoposto loro fotografie e report di laboratorio presentati come prove dell'esistenza delle scie chimiche su diversi siti web, chiedendo se la spiegazione più semplice per quello che stavano osservando era l'esistenza di un programma del genere. Oppure, se la risposta era no, quale pensavano fosse la spiegazione più probabile", riassume Davis. Nello specifico, sono state mostrate quattro fotografie di scie presenti nel cielo o prodotte da aerei e tre analisi di laboratorio compiute su campioni di neve, acqua e particolato. In più, è stato chiesto agli scienziati se in carriera avessero riscontrato un aumento nelle concentrazioni ambientali di stronzio, bario e alluminio.

"Dei 77 esperti - rileva l'autore dello studio -, 76 non hanno rinvenuto prove dell'esistenza di un programma segreto, non hanno ritenuto che l'esistenza di un programma del genere fosse la spiegazione più semplice per quello che stavamo sottoponendo loro e hanno proposto spiegazioni basate su teorie fisiche o chimiche note". Riguardo all'aumento delle concentrazioni nell'ambiente, in sei hanno parlato di aumento della presenza di allumino, in tre di bario e in tre di stronzio, attribuendoli principalmente a cambiamenti a livello industriale e agricolo o a processi naturali. Risultati eloquenti, che però difficilmente colpiranno quel 2,6% dei 3.015 intervistati in un recente sondaggio per cui l'esistenza di un programma governativo che utilizza aeroplani per spargere sostanze chimiche dannose nell'aria è "completamente vero", ma che potrebbero offrire spunti di riflessione al 14% che ha definito "in parte vero" lo stesso programma.

"Concentrarsi su un programma di irrorazione segreto e su larga scala potrebbe distrarre l'attenzione dai veri problemi che devono essere affrontati", si legge nelle conclusioni dello studio di Davis e colleghi, dove si precisa comunque come sia "ragionevole che i comuni cittadini chiedano risposte in merito alla salute, al cambiamento climatico e all'inquinamento". L'unico esperto che ha dichiarato di aver riscontrato una prova del complotto ha parlato di "alti livelli di bario atmosferico in un'area remota con un livello standard di bario nel terreno basso". Non è da escludere che il passaggio più citato dell'intera pubblicazione, sui siti gestiti da quelli che Davis definisce i "veri credenti", finisca per essere proprio questo.

L'INCHIESTA Come ti costruisco una bufala sul web

Proprio Davis, a pochi giorni dalla pubblicazione, sottolinea, però, come tra le aspettative del team non ci sia quella di far cambiare opinione a chi ne ha una già formata. "Non siamo così naif da credere che questi risultati convertiranno i veri credenti", spiega il professore della University of California Irvine, limitandosi a rimarcare l'importanza di "stabilire una fonte credibile di informazione per chi incontra affermazioni legate alle scie chimiche e vorrebbe conoscere la prospettiva degli esperti".

Fonte: http://www.repubblica.it/scienze/2016/08/17/news/scie_chimiche_la_scienza_sfata_il_mito-146132267/?ref=HRERO-1

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento