AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

giovedì 16 giugno 2016

SPARIZIONE DI MINORI IN EUROPA: L'ESPIANTO DI ORGANI!

Ogni due minuti in Europa scompare un minore, attestano i dati ufficiali di Europol e Missing Children Europe. Bambini e adolescenti diventano spesso carne da macello per i vivisezionatori in camice bianco. In questo affare sulla pelle di piccoli indifesi, sono coinvolti ospedali pubblici e cliniche private. In Europa, attualmente, più di 60 mila persone attendono un trapianto, di cui oltre 9 mila solo in Italia. La media è di 3 anni e mezzo d'attesa, ma chi ha i quattrini a profusione, può permettersi di comprare anche i neonati in Italia a 50-60 mila euro cadauno, o un fegato fresco e sano di ragazzino a 30 mila euro al pezzo.

La “Convenzione del Consiglio d'Europa contro la tratta degli organi umani”, aperta alla firma il 25 marzo 2015, non è ancora entrata in vigore, poiché occorrono almeno, «5 Ratifiche inclusi almeno 3 Stati membri del Consiglio d'Europa». Eppure, nonostante gli altisonanti proclami, nessuno Stato europeo l’ha ratificata, ad eccezione dell’Albania che il 6 giugno ha compiuto questo passo, unico a livello planetario.

«La Convenzione invita i governi a rendere il prelievo illecito di organi da donatori viventi o deceduti infrazione penale: qualora il prelievo venga realizzato senza il consenso libero, chiaro e specifico del donatore vivo o deceduto, o nel caso di un donatore deceduto, senza che il prelievo sia autorizzato in virtù del diritto di un paese; qualora, in cambio di un prelievo di organi, il donatore vivo, o una terza persona, ottenga profitti o vantaggi; qualora, in cambio di un prelievo di organi da un donatore deceduto, una terza persona ottenga profitti o vantaggi».

L’Italia ha soltanto firmato questo atto ma non l’ha ratificato. Addirittura, anzi peggio, le altre nazioni “civili”, come ad esempio Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Malta, Monaco, Paesi Bassi, San Marino, Slovenia, Svezia, Ucraina, Ungheria, ed Unione Europea, che non hanno neanche siglato la predetta convenzione.

Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2016/06/sparizione-di-minori-in-europa.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento