AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

lunedì 2 maggio 2016

Da Giancarlo agli Amici L.R.

Mio Commento:


Da Giancarlo:

Trovo questo articolo, in testa riportato, molto fazioso nel citare coloro che, secondo l'autore, inneggiano a corti popolari e quant'altro, denotando il mancato rispetto del volere altrui e del suo libero arbitrio. 

La saccenteria non è mai produttiva! Si cita il dialogo con le istituzioni esistenti, senza però considerare che i vertici sono in buona sostanza facenti parte di varie organizzazioni occulte a cui poco interessa delle sorti del Popolo, diversamente non saremmo arrivati ai livelli attuali di crisi morale, non si considera inoltre la facilità con la quale i funzionari delle varie amministrazioni si lasciano corrompere, dietro lauti compensi in denaro, cosa che non avviene in una corte popolare. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire!

Non faccio nomi ma i lor signori provino a convincere, soprattutto in caso di abusi e prevaricazioni, la controparte a convincersi del loro errore e della loro preclusione. Trovo totale incongruenza nel vostro scritto in cui affermate di riconoscervi nell'Io Sono, quindi aderendo all'azione OPPT, per poi, un attimo dopo, dichiarare di voler dialogare con le istituzioni al fine di correggerle, quando di fatto sono legalmente precluse e pignorate. 

Contestate l'uso del nome sovrano evocando la scelta, non vostra, ma dei vostri genitori (in realtà dello Stato), come normale amministrazione, rinunciando quindi a qualunque autorità su voi stessi. Affermate, con sicurezza, che le cure mediche, come anche gli altri servizi, sono certe solo con l'uso del nominativo, quindi della funzione-finzione giuridica, attribuendo tale servizio al trust e non all'Essere Umano vivente in quanto tale, alimentando ancora un sistema decadente e non funzionale alle esigenze dell'Uomo e a quelli che sono i suoi diritti inalienabili in quanto tale e non per un pezzo di carta con una foto e un nominativo ivi stampato.

Citate coloro che si identificano con la LR come soggetto di diritto internazionale, piuttosto che come Essere Umano con tutti i suoi inalienabili diritti dovuti alla sua condizione di Essere Vivente e non certo di funzione/finzione giuridica, alimentando così lo stato di schiavitù. Continuate pertanto ad essere complici del sistema, alimentandolo e circuendo chi non ha ancora un livello di consapevolezza adeguato.

Lanciate spregevoli illazioni su presunte quote di partecipazione alle corti popolari, in realtà inesistenti, così da gettare discredito spiccio, e anche se ci fossero sarebbe normale amministrazione, di certo chi si autofinanzia non prende fondi da terzi .....!!! Ritengo invece che siete palesemente venduti al sistema e lo evidenziate quando ricalcate la necessità di un nome legale per usufruire di licenze e permessi, come quello di guida ecc. che sono anch'essi diritti inalienabili e non soggetti a licenze e permessi che mantengono lo stato di schiavitù, contribuite quindi alla sopravvivenza del sistema, state aiutando a rianimare un cadavere.

A proposito dei Sioux, lasciateli riposare in pace, si rivolterebbero nella loro tomba a leggervi. Loro erano Uomini liberi e hanno combattuto per rimanere tali, voi invece preferite la vita si, ma in condizione di schiavitù.

Alessandro

4 commenti:

  1. mah,mi pare che sei tu a non capire che il sistema per essere scardinato - o meglio reso compatibile con le nostre aspirazioni di libertà e dignità, perchè un'organizzazione sociale ci deve pur essere -
    deve essere ricondotto entro un ambito in cui noi possiamo interagire con esso, e farlo in modo efficace, non autolesionista, senza rimetterci nulla di quanto è già nostro ma che non ci verrebbe mai riconosciuto se rivendicato nei termini "sovranisti", nè appoggiato da altri se in quei termini rimane precluso. Il fatto che tu ti ostini a vedere OPPT come qualcosa di affidabile, ti lascia esposto e vulnerabile su molti fronti, come quelli di PU hanno ben spiegato. La critica alle Corti Popolari è utile secondo me, perchè non viene da apparaqti instituzionali ma da compagni di viaggio che sanno sviscerare le contraddizioni più sottile, ancora prima che possano rivelarsi attaccabili dal sistema.
    L'importante è che le nostre iniziative di riscatto individuale e collettivo FUNZIONINO e mantenganop una coerenza intrinseca inespugnabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, grazie per la tua opinione.

      p.s fate un madornale errore pensando che Io cerco di scardinare il sistema. Io sono occupato ad esser felice e costruire il nuovo.

      Elimina
    2. Parlavo a titolo personale, non sono di PU, quindi il tuo plurale non va inteso, come posso immaginare, col senso che quello che ho scritto il 2 maggio u.s. rappresenti anche l'opinione di qualcun altro a cui sarei in qualche modo associato. "Scardinare" è una parola che ho usato senza volerla attribuire alla tua prassi sovrana e infatti ne aggiustavo il senso subito dopo, ed è quello che meriterebbe ( o auspicavo catturasse) la tua\vs attenzione per un eventuale approfondimento.

      Poi volendo invece riflettere sulla tua seconda affermazione, mi viene da considerare che è impossibile essere felici mentre ci si occupa di esserlo, ma la felicità affiora come la schiuma quando uno si sbatte con passione e virtù per raggiungere qualcosa di nobile, anche indipendentemente dal fatto che ci riesca o no.

      Un caro saluto
      Maurirì

      Elimina
    3. Be si e' possibile esser impegnati ad esser felice, semplicemente occupandosi più di se stessi che degli "altri". Ognuno, ha il sacro santo diritto di fare la sua strada, nel pieno rispetto degli altri essere viventi, piante ed animali compresi!

      Grazie per le tue precisazioni

      Elimina