AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

mercoledì 20 aprile 2016

La Mela: il frutto meno inquinato e più immune allo smog


I frutti che crescono in collina, lontano dalle grandi vie di comunicazione, sono certamente più puliti, meno inquinati. La frutta e i vegetali che crescono lungo le autostrade hanno un contenuto di piombo che è 10 volte superiore rispetto alla campagna.

La mela il frutto dal volto umano - Carlo SirtoriIl piombo interferisce soprattutto nella formazione della emoglobina presente nei globuli rossi del sangue e blocca un enzima, l’anidrasi carbonica, che ha tanta importanza nel ricambio.

Le mele del Trentino sono esposte per 2.100 ore all’anno ai raggi solari. Dice Goethe: le che che noi tocchiamo portano le nostre tracce. Anche quelle che il sole tocca: si sa che l’esposizione solare incrementa nei frutti la formazione di vitamina C e che questa va di pari passo con la vitamina A.

Le mele hanno anche il vantaggio di essere meno inquinate, le più immuni allo smog e dai suoi costituenti, in particolare il benzopirene e il benzantracene.

 Riferimento qui i dati pubblicati in un volume edito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (International Agency for Cancer Research – vol. 3, 1973):

per il benzantracene (μg per Kg): pomdori 0,3, cereali 2,5, insalata 10, spinaci 16, cavoli 120, margarina 15, wihisky 0,06;

per il benzopirene (sempre μg per Kg): pomodori 0,2, cereali 1,5, insalata 4, cavoli 25, mele 0,3, altra frutta 5, the 10; grano, orzo, segale, farina, pane, acqua 4, carne affumicata da 0,3 a 21, carne alla griglia da 2 a 50.

Negli alimenti è stato riscontrato anche l’uranio, frutto dell’impiego delle bombe atomiche e del progressivo consumo del plutonio (la produzione di plutonio nel 1941 era valutabile in pochi microgrammi, nel 1960 fu di 10.000 Kg, nel 1974 14.000; si prevede che nel 1990 sarà di 60.000.

La quantità di uranio nei vari cibi è calcolata in nanogrammi (cioè miliardesimi di grammo) per Kg: pasta e riso 0,5, frutta 0,8, latte 0,01, grassi animali e vegetali 2.




Fonte: http://www.paradisefruit.altervista.org/la-mela-il-frutto-meno-inquinato-e-piu-immune-allo-smog/

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento