AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

mercoledì 6 aprile 2016

Dalla Rete: Diritti

L'idea di fondo è che esistono dei diritti naturali, dei diritti, cioè, che appartengono per natura all'uomo e perciò precedono l'esistenza stessa dello Stato, che dunque non li crea, ma, appunto, li deve riconoscere e soprattutto garantire concretamente, specialmente attraverso le leggi ordinarie.

Detto in altri termini: il diritto positivo (dal latino: positum=posto), l'insieme delle norme poste dallo Stato, deve conformarsi alle norme del diritto naturale che precedono qualsiasi legislazione positiva.

I diritti naturali, proprio in quanto costitutivi della natura umana, non sono legati a una determinata cittadinanza (italiana, francese, tedesca, albanese, ecc.).

Appartengono agli uomini non in quanto sono cittadini d'Italia, ma in quanto sono uomini. Il riconoscimento è importantissimo perché obbliga la Repubblica Italiana a garantire a tutti, anche a coloro che non siano cittadini italiani, questi diritti fondamentali. Quali?

Sul piano filosofico le risposte sono state le più diverse.

Sul piano politico e giuridico il riferimento fondamentale è certamente rappresentato dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo approvata dalle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948.
È stato giustamente osservato che i diritti cosiddetti naturali sono, in realtà, storicamente determinati.

Dipende dalle circostanze storiche che vengano riconosciuti o che ne vengano riconosciuti alcuni piuttosto che altri.

Anche per questo la Costituzione italiana all'espressione diritti naturali preferisce quella meno problematica di diritti inviolabili.

Ciò che conta, in ogni caso, è l'ammissione all'interno dell'ordinamento costituzionale di una sfera di diritti che va oltre quella dei pur importantissimi diritti di cittadinanza. Viene in questo modo evitata la deriva nazionalistica che era stata tipica del regime fascista.

È importante il riferimento dell'articolo 2 alle formazioni sociali in cui concretamente si svolge la vita dei cittadini.

Il riconoscimento e la garanzia dei diritti non vale soltanto per l'individuo singolarmente considerato (questo è l'ambito dei diritti civili), ma anche per l'individuo inserito nei contesti sociali della sua concreta esistenza (questo è l'ambito dei diritti sociali).

Si pensi alle formazioni sociali di tipo istituzionale previste dalla stessa Costituzione, come i Comuni, le Province e le Regioni.

Ma si pensi anche e soprattutto a realtà come la famiglia, la scuola, la fabbrica, l'ufficio e in generale a tutti quei contesti sociali nei quali spendiamo molta parte del nostro tempo.

Si noti, infine, il riferimento agli inderogabili doveri di solidarietà politica, economica e sociale.
Quali essi siano lo si scopre dalla lettura della Costituzione. Qui importa sottolineare l'indissolubilità dei diritti e dei doveri.

Alla cittadinanza sono certo connessi dei diritti e, dunque, in qualche modo, delle prestazioni che io sono tenuto a pretendere dallo Stato; ma lo sono altrettanto dei doveri e dunque degli obblighi che lo Stato è tenuto a pretendere da me. I diritti senza i doveri sono odiosi privilegi.


Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento