AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

lunedì 21 marzo 2016

Sandy Hook, ennesima frode

Come volevasi dimostrare.

Querela da un miliardo di Dollari per Sandy Hook

Il regista e autore William Brandon Shanley lancia ondata di azioni legali per più di un miliardo di Dollari Contro i Grandi Media

In un’altra svolta scioccante nella saga di Sandy Hook, il regista e autore William Brandon Shanley lancia ondata di azioni legali per più di 1 miliardo di Dollari contro i grandi media per la copertura sul massacro di Sandy Hook.

Ecco la dichiarazione del signor Shanley:

“Dopo una ricerca esaustiva, la buona notizia è che prove schiaccianti rivelano che nessun bambino o insegnante è morto a Sandy Hook due anni fa. Ho intentato cause contro i media presso la corte distrettuale di New Haven, USA, per frode e terrorismo.

Via RedFlagNews Il signor Shanley è il produttore del Made For The TV Election con Martin Sheen, che ha analizzato la copertura dei media nell’elezione di Carter-Reagan del 1980. Egli è anche autore di libri sulla fisica quantistica, tra cui Alice e il gatto Quantistico (2011).

Il dr. James Fetzer, i cui 35 articoli su Sandy Hook per Veterans Today oggi lo qualificano per i più alti riconoscimenti di giornalismo investigativo e consulente per la sicurezza scolastica, Wolfgang Halbig, la cui competenza investigativa come ex agente della Polizia di Stato della Florida e l’attenzione amorevole di ex preside, hanno reso questo caso comprensibili a tutti, saranno chiamati come testimoni esperti.

La causa del signor Shanley afferma, in parte:

Gli imputati sono entrati a far parte di una cospirazione pluriennale, di gruppo o individuale, per commettere frodi e il terrorismo, vale a dire, per il lavaggio del cervello verso il pubblico per avergli fatto pensare che il “Massacro di Sandy Hook” compiuto da un uomo armato fosse reale, quando in realtà fu un esercitazione a livello nazionale della FEMA (Federal Emergency Management Agency, simile alla nostra Protezione Civile n.d.t.) che ha reindirizzato le risorse del governo per terrorizzare il pubblico. Questi crimini sono state effettuate con l’intento di sovvertire la Costituzione degli Stati Uniti e di influenzare le leggi nazionali, statali e locali.

Questa frode comprende la calunnia verso il pubblico, la creazione di false notizie, la pubblicazione di notizie di parte, la censura della realtà, la soppressione dei fatti, e la deliberata alterazione delle notizie per deviare la percezione del pubblico.

I veri costi per la società di questa violazione in integrità e in fiducia sono insondabili. Invece di adempiere al loro ruolo costituzionale come surrogati popolari e di essere onesti mediatori di informazioni, l’attore mostrerà come gli uomini e le donne che dominano l’industria giornalistica negli Stati Uniti violino le leggi, tradiscano il ​​Primo Emendamento, il loro ruolo costituzionale come cani da guardia del governo e che essi debbano perdere il diritto di riferire le notizie e quindi trarre profitto dalla produzione e distribuzione di notizie.

La conditio sine qua non del giornalismo è la ricerca della verità. I nostri media hanno scelto un percorso diverso.

Il risarcimento per risultante da questa causa andrà alla creazione di un News Trust, che libererà il giornalismo e ripristinerà la fiducia e l’integrità delle nostre fonti di comunicazione. Una democrazia non può sopravvivere il questa tirannia abominevole.

Il New York Times, l’Associated Press, l’Hartford Courant, ed il Newtown Bee sono stati citati in giudizio per 10 miliardi di dollari, danni punitivi, in una denuncia separata.

Nome della causa: Shanley v Smith; Numero: 3:14-cv-01881-JAM
Coerelante: William Brandon Shanley

Le TV principali e le agenzie di stampa sono state citate in giudizio per 1 miliardo di dollari di danni punitivi.

Fonte: http://www.iconicon.it/blog/2016/03/precedente-dirompente/


Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento