AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

mercoledì 17 febbraio 2016

IL Nome: Le Banche Dati

Essendo i vari registri dello stato e le sue emanazioni, banche dati, anche su esse, spetta il Diritto D'Autore?

Leggiamo:

"...La ‘'Direttiva europea relativa alla tutela giuridica delle banche dati (96/9/EC)[9] ha stabilito un principio sui generis di tutela delle banche dati che esula dal criterio di originalità proprio del diritto d'autore. Si pone come obiettivo quello di proteggere l'investimento di “considerevoli risorse umane, tecniche e finanziarie” necessarie alla creazione di una banca dati (par. 7 del preambolo), mentre le legislazioni di molti Stati Membri escludono esplicitamente lo sforzo e il lavoro dai criteri per la tutela del diritto d'autore. 

La tutela della banca dati si applica quindi “qualora il conseguimento, la verifica e la presentazione di tale contenuto attestino un investimento rilevante sotto il profilo qualitativo o quantitativo” (Art. 7, comma 1). I costitutori della banca dati hanno “il diritto di vietare operazioni di estrazione e/o reimpiego della totalità o di una parte sostanziale del contenuto della stessa”. 

Tale disposizione include “l'estrazione e/o il reimpiego ripetuti e sistematici di parti non sostanziali del contenuto della banca di dati che presuppongano operazioni contrarie alla normale gestione della banca dati o che arrechino un pregiudizio ingiustificato ai legittimi interessi del costitutore della banca di dati” (Art. 7, comma 5).

Gli Stati Membri possono limitare tale diritto nei seguenti casi (Art. 9):

- estrazione per fini privati da una banca di dati non elettronica;
- estrazione per finalità didattiche o di ricerca scientifica, purché l'utente legittimo ne citi la fonte e in quanto ciò sia giustificato da scopi non commerciali;
- estrazione e/o reimpiego per fini di sicurezza pubblica o per una procedura amministrativa o giurisdizionale.

I diritti sulle banche dati durano 15 anni a partire dal completamento della banca dati, ovvero dal momento in cui si configura l'investimento rilevante, oppure dalla data in cui la banca dati è divenuta accessibile al pubblico, in base a quale delle due sia successiva all'altra. 

La tutela è in vigore fino al 31 dicembre dell'anno di scadenza. Se venisse apportato una “modifica sostanziale” che si configura come un “nuovo investimento sostanziale”, la tutela si rinnova per ulteriori 15 anni (Art. 10)...."



Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento