AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

sabato 23 gennaio 2016

Dalla Rete: Buon Compleanno!

La data di nascita.  Possiamo giurare essa sia quella vera, quella reale? No, non possiamo.  Dichiarare la propria nascita è un atto di fiducia.  Esattamente. 

Sono un fatto ed un atto di fiducia. Il fatto è che ci fidiamo di quello che è stato dichiarato dai nostri genitori mentre l'atto è un Trust istituito al momento della dichiarazione all'ufficiale di stato civile.  Allora, è esatto dire che quando ci identifichiamo confermando la data di nascita mentiamo e che quando pretendono che noi lo si faccia ci chiedono di mentire? Si, a mio avviso è esatto.

Allora, è forse è un rituale il festeggiamento del proprio compleanno? Sì, io credo di sì. E' la suggellazione tra noi e noi della nostra "credenza", è il rinnovare la menzogna a cui dobbiamo/vogliamo continuare a credere, è il rituale che ci permette di continuare ad identificarci a quel "soggetto" che senza il nostro avvallo, senza la nostra autorizzazione, la nostra "im-personificazione", non esisterebbe? Ne sono convinta.

Ed allora smetto di festeggiare il compleanno, smetto di ritualizzare un gesto, un evento che contribuisce a mantenermi legata ad una falsità. Io sono essere senza tempo poiché il "mio" tempo è infinito, eterno. Ed ecco a seguire un'altra contraddizione.

Il nome, ovvero il no-me. Il non io. Nelle identificazioni, alla domanda <come ti chiami> rispondiamo senza renderci conto che già nella domanda vi è contemplata la risposta.

Chi si chiama, chi chiama se stesso? Nessuno! Gli altri ci chiamano, noi non ne abbiamo bisogno a meno che, ancora una volta, il rituale di cui sopra, ci trascina, risucchia nel vortice della menzogna e della falsità.

Nel preciso istante in cui ci si riconosce nel nome e cognome si da vita ad un'entità che è morta, che non esiste e "prende corpo" solo nel momento in cui noi stessi la evochiamo. Ecco, queste sono le "im-personificazioni". Teniamolo a mente, anzi, abituiamoci a prestare attenzione e smettiamola di dare vita ad una cosa "morta".

E festeggiamo tutti i giorni...quelli del NON compleanno!

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento