AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

giovedì 28 gennaio 2016

Confindustria e la propaganda schiavista del lavoro destinata ai bambini



"Mi arriva un cartaceo da un amico. Che dice il papiro?"

E' la confindustria che organizza concorsi destinati ai bambini e ai ragazzi delle scuole sul tema (ovviamente) obbligatorio 'il lavoro' (cosa è per te il lavoro, cosa vuoi fare da grande, chi vuoi vicino a te nel tuo lavoro...).

Ora, al di là del fatto che ormai quasi nessuno più considera il lavoro per quel che è davvero (schiavitù, ignobile ricatto, trappola cinica, strumento per arricchire i capitalisti) poiché da tempo è attecchita l'idea fasulla che il lavoro è un diritto, quello che mi sconvolge è la propaganda schiavista, autoritaria, subdola, fascista, rivolta ai bambini, cioè a quelli che non hanno alcuno strumento culturale per comprendere l'inganno e potersene difendere.

Ma sapete chi sono i criminali, vero? 

No, non quelli di confindustria, ma quelli che permettono che confindustria e padroni vari continuino a esistere, cioè la maggioranza di ignoranti massificati, che esultano pure di fronte a un siffatto concorso per bambini e ragazzi (che soltanto l'idea di metterli in competizione tra loro dovrebbe fare incazzare tutti quanti, e invece...

Ecco perché non ne usciremo mai più da questo schifo! E' uno schifo che a quasi tutti sembra oro!"


Fonte: http://laschiavitudellavoro.blogspot.it/2016/01/confindustria-e-la-propaganda.html

Alessandro

Nessun commento:

Posta un commento