AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità.

sabato 31 ottobre 2015

Pensiero: Sul Mandare i documenti


Libertà

Va distruggi il male...













Libertà

Composta Naturale


Libertà

Assunzione e presunzione: In Conclusione...

Quello che abbiamo visto finora, e' che Nessuno può dire con certezza cosa significa una Norma Giuridica. Solo gli Autori, e no gli scribacchini  che l'hanno scritta, posso con certezza dirci il significato.

Senza una chiara e netta definizione tutto e' interpretabile, e tutte le interpretazioni sono valide: se e' valida quella dei giuristi / giudici / etc, e' valida anche la nostra, essendo noi, tutti uguali.

Tutto il resto e' solo un tentativo di applicare il Potere Altrui su di Altri. Noi, gli Strumenti per comprendere tali scritti li Abbiamo: 



Libertà

venerdì 30 ottobre 2015

Assunzione e Presunzione: Art 2 Costituzione

Ogni volta che andiamo a controllare il significato delle parole, ne scopriamo delle belle:

"...La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale...."

A parte il fatto che la Repubblica e' una finzione, e qualcuno mi deve spiegare come può garantire qualcosa, qui si parla di  "diritti inviolabili dell'uomo". Leggete voi i diritti sanciti dall'Onu e bla bla? No, allora di quali diritti parliamo? Di quelli che NOI sanciamo.

Prendiamo una delle parole più insidiose, ricordano Questo Articolo: "...solidarietà..." Ma cosa significa?? Vediamone una nascosta:

"....Il termine solidarietà deriva dal latino solidum, che significa «moneta» e, in particolare, dall’espressione del diritto romano in solidum obligari («obbligazione in solido»), cioè un’obbligazione per cui diversi debitori si impegnano a pagare gli uni per gli altri e ognuno per tutti una somma presa in prestito o dovuta in altro modo. La locuzione tecnica obbligazione in solido resterà nel linguaggio giuridico con il suo significato originario, ma intorno all’Ottocento il termine solidarietà comincia a entrare nell’uso nella sua accezione moderna per esprimere l’idea di una fratellanza universale degli uomini, la convinzione che l’intero genere umano formi un’unica famiglia....."

Ancora una volta ci si rifà al concetto di debitore e creditore!!! Tutto questo lavoro di ricerca nelle parole 'e per far capire che, quello che significa per Me una cosa, può significare altro per il sistema giuridico. Quindi, evitiamo di fare assunzione e presunzioni, e ricordiamo sempre:



Libertà

Proverbio..



Libertà

Dalla Rete: I Ruoli

E' importante capire questo. <io SONO quando nasco a quando muoio lasciando questo copro, involucro biologico

Tu, Giudice, carabiniere, panettiere, funzionario, dirigente, presidente, etc ... lo FAI, dal momento in cui indossi la divisa, il ruolo, il grembiule, fino a quando te lo togli, a fine LAVORO>. 

Il tuo si chiama LAVORO, PROSTITUZIONE, il mio EVOLUZIONE


Libertà

Ciao Ciao Babilonia



Libertà

Scie chimiche altre evidenze??


Libertà

Codice Penale: Altre Evidenze

A chi si Applica il Codice Penale? Lo Stesso, ce lo dice L'Art3 Art 4:


Articolo 3:

La legge penale italiana obbliga tutti coloro che, cittadini o stranieri, si trovano nel territorio dello Stato (4), salve le eccezioni stabilite dal diritto pubblico interno o dal diritto internazionale (cpp 273, 385, 530)...."


Articolo 4: 
"Cittadino italiano. Territorio dello Stato

Agli effetti della legge penale, sono considerati cittadini italiani , gli appartenenti per origine o per elezione ai luoghi soggetti alla sovranità dello Stato e gli apolidi residenti nel territorio dello Stato...."


Ora Una chicca, come sappiamo la dicitura "La legge non ammette ignoranze" e' senza codifica ufficiale, ma se leggiamo L'Art5, troviamo qualcosa di simile:

Articolo 5

"Ignoranza della legge penale (1)

Nessuno può invocare a propria scusa l'ignoranza della legge penale (47)......"

A parte il fatto che, ancora una volta il soggetto e' indefinito, dato il pronome "Nessuno", qui, si sposta dalla Legge al Nessuno l'ignoranza, il che e' tutta un'altra cosa. Ora la chicca, sempre dallo stesso articolo:

"...(1) La Corte Cost. ? sent. 24/3/1988, n. 364 ? ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente articolo «nella parte in cui non esclude dall'inescusabilità dell'ignoranza della legge penale l'ignoranza inevitabile»...."


Leggiamo ancora Bene: "la Corte Costituzionale, con sentenza 24 marzo 1988, n. 364, ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'art. 5 «nella parte in cui non esclude dall'inescusabilità della ignoranza della legge penale l'ignoranza inevitabile». Ciò significa che il soggetto può considerarsi colpevole solo ove la conoscenza della norma penale fosse possibile, ovviamente fermo restando il generale principio di solidarietà sancito nell'art. 2 Cost. Che pone a carico di ciascun consociato un dovere strumentale di informazione e conoscenza della legge penale."

Cosa? CONSOCIATO??

Libertà

giovedì 29 ottobre 2015

IL Lato Oscuro Dell'AntiMafia


A questo link potete vedere il servizio



Fonte: http://paolofranceschetti.blogspot.it/2015/10/quello-che-non-raccontano-della.html

Libertà

Sulla In Giustizia Italiana


Tema portante della puntata sono i processi sommari e gli innocenti in carcere accusati di gravi delitti e il sistema giustizia, partendo dal caso di Maurizio Iori, l'oculista in carcere da tre anni con l'accusa di aver prima addormentato l'ex compagna e la figlia di 2 anni somministrando 95 (!!!???!!?) pasticche di Xanax e poi aprendo il gas di alcune bombole di campeggio. Anche qui non ci sono prove tangibili...eppure sono già arrivate due condanne all'ergastolo. Ne parleremo con il blogger Flaminio Cozzaglia che ha sempre seguito a fondo il caso e con l'ex giudice Gennaro Francione autore insieme a Paolo Franceschetti del libro "Temi Desnuda" e fondatore del Movimento per il Neorinascimento della Giustizia. Nella seconda parte il filo diretto tra Gabriella Mereu e gli ascoltatori, la ruota libera con Paolo e l'intervista di Stefania con il senatore Bartolomeo Pepe (audio un po' disturbato, ce ne scusiamo). Border Nights va in onda in diretta ogni martedi alle 22 su Web Radio Network. Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu blog www.bordernights.it gruppo Facebook: border nights

http://www.spreaker.com/user/bordernights/border-nights-puntata-172-innocenti-in-c


Libertà

Ancora Frutta: Insalata


Libertà

Soldi Nostri???




Libertà

Piatti Fruttariani


ravioli di zucchine con salsa di pomodorini e pomodori secchi e ripieno di avocado e olive verdi; spaghetti di zucchine con salsa di avocado, zucchina e pomodorini; doppia crepes di platano con ripieno di zucchine e salsa di avocado e pomodorini



Il termine acquisizione si riferisce a divSuper ricetta fruttariana: ratatouille! 
Ho ricoperto una teglia rotonda con 300 gr di salsa di pomodoro e adagiato sopra ortaggi vari tagliati a fettine: due zucchine, una melanzana, tre pomodori e due peperoni. Ho cotto in forno per un'ora a 150 gradi con sopra un foglio di carta stagnola e poi un'altra mezz'ora senza carta. 
Aspetto e sapore ottimi 




Pizza Fruttariana


Spaghetti di mela e marmellata di fragole, che merenda deliziosa


Fonte: https://www.facebook.com/groups/247127578807216/?ref=browser

Libertà

La Natura Vince Sempre







Fonte: http://www.bioradar.net/bionews/immagine-inedite-di-fukushima-inquietanti-scenari-post-apocalittici/

Libertà

Pensiero: Sul Tutti..

"...Lo Facciamo per Tutti Noi. E' per il bene di tutti, Tutti ne gioveranno. Ok, ma Tutti chi, dato che Nessuno mi ha chiesto Nulla? Quindi e' per VOI..."

Libertà

Pensiero: Sul Mangiare Cavallette..


Libertà

mercoledì 28 ottobre 2015

Il Nome: Acquisto Acquisizione

Abbiamo che, con l'acquisto a non dominio, si acquista un diritto da qualcuno che mai ne e' stato proprietario: Diabolico.

Ora, vediamo la base, la parola Acquisto: "..Con tale termine si intende l'acquisizione della titolarità di una situazione giuridica...."

Ovvero: "...Il termine acquisizione si riferisce a diversi concetti di diverse discipline, sebbene in generale possa sintetizzarsi come un'operazione umana mediante la quale possa ottenersi il possesso di un diritto, di un bene, di un servizio o di qualunque altro valore fungibile..."

Letto Bene? Ancora una volta si parla di possesso e mai di proprietà. Ora, dato che chi vende e' senza proprietà egli stesso, come può pretendere il rispetto di qualcosa che e' Inesistente??


Libertà

Altri Pezzi di Storia Escono??


LO SAPEVATE CHE: VI FACCIAMO LEGGERE UN BREVE RIASSUNTO MA CONTENENTE IL SUCCO DELLA VICENDA:

Durante la Seconda guerra mondiale, il governo americano contattò Luciano (Charles Luciano, nato Salvatore Lucania, e soprannominato Lucky Luciano) affinché li mettesse in contatto con la mafia siciliana, dalla quale sperarono di avere una mano per organizzare lo sbarco alleato in Sicilia, soprattutto invirtù del fatto che Benito Mussolini aveva a lungo combattuto duramente la mafia siciliana, sconfitta grazie al Prefetto Cesare Mori inviato da Mussolini per debellarla definitivamente. Luciano aiutò il governo statunitense nell’Operazione Avalanche, in cambio di forti aiuti a Cosa nostra affinché questa “riconquistasse” l’isola. 

L’operazione andò a buon fine: gli esponenti della mafia siciliana divennero ben presto i nuovi padroni dell’isola e, grazie all’aiuto di Luciano, iniziarono anche le persecuzioni contro l’influenza comunista. Luciano ottenne anche altre facilitazioni per governare il suo impero; nel 1946, come ricompensa, fu rilasciato a patto che si trasferisse in Sicilia: Luciano accettò e si trasferì nell’isola italiana, portandosì all’incirca 150.000 dollari!!!!

DUNQUE: W GLI USA...I LIBERATORI...


Fonte: https://www.facebook.com/Benito-Mussolini-Le-verit%C3%A0-nascoste-208576125819219/

Libertà

Marcia su Roma: Come sono andati i Fatti??


Sfatiamo un falso mito che i fascisti con la forza presero il governo il 22 ottobre 1922, è un FALSO, il giorno prima Mussolini aveva la conferma dal Re Vittorio Emanuele III per formare il nuovo governo.

COME è ANDATA VERAMENTE: LA STORIA:

Il mattino del 28 ottobre le tre colonne avrebbero dovuto marciare sulla capitale per obbligare Facta a rassegnare le dimissioni, consentendo a Mussolini di prendere il potere con un governo dominato dai fascisti. Ma gli ordini erano categorici: evitare gli scontri con l'esercito regolare; le camicie nere avrebbero dovuto dimostrare tutta la loro simpatia e il loro rispetto verso tutte le truppe regolari che avessero incontrato. 

Mussolini era sicuro che la minaccia di una guerra civile avrebbe provocato una crisi di governo, consentendo al re di costituire un nuovo esecutivo a forte partecipazione fascista, compresi almeno sei ministri in camicia nera. La riunione all'albergo Vesuvio di Napoli si concluse senza particolari cerimonie: solamente poche strette di mano e qualche parola d'incoraggiamento pronunciata da Mussolini. Si convocarono i capi regionali per consegnare loro gli ordini della mobilitazione segreta. L'Italia fu divisa in due zone, ciascuna agli ordini di un comandante di provate capacità militari. Ogni comandante ebbe venticinquemila lire e il saluto «Arrivederci a Roma».

Facta convocò una riunione del consiglio dei ministri, la maggior parte dei quali si oppose alle sue dimissioni; soprattutto Taddei, ministro della Guerra, che disse che l'esercito era del tutto pronto ad affrontare qualunque assalto fascista. Soleri, ministro dell'Interno, garantì al governo che la polizia era pronta ad arrestare i capi fascisti in tutto il paese. Invece di rassegnare le dimissioni, i ministri rimisero i loro dicasteri a disposizione di Facta, suggerendogli di fare tutto il possibile per resistere alla minaccia fascista. Facta telegrafò a Vittorio Emanuele di ritornare al più presto nella capitale. Alle otto di sera del 27, scendendo dal treno a Roma, il re era di pessimo umore. Mostrò la sua irritazione e l'impazienza ai ministri di Facta venuti ad accoglierlo, rimproverandoli per aver permesso un tale deterioramento della situazione.

A quel punto Vittorio Emanuele ribadì che Roma doveva essere difesa a tutti i costi. Nessun fascista in armi sarebbe dovuto entrare nella capitale.Rinfrancato dalla fermezza del re, il governo sembrò deciso a resistere ai fascisti. Si piazzarono reticolati di filo spinato e postazioni di mitragliatrici nei punti strategici della città, si mise l'artiglieria pesante in postazione alle porte e in corrispondenza dei ponti sul Tevere, cavalleria e autocarri armati di mitragliatrici stazionavano intorno al palazzo reale e al ministero dell'Interno. I prefetti ebbero l'ordine di tenersi pronti ad arrestare i capi fascisti.

A Milano Mussolini stabilì il quartier generale dell'insurrezione nei suoi uffici del Popolo d'Italia, dove aveva accumulato la carta da giornale per le edizioni speciali. Altre bobine di carta da giornale erano accatastate tutt'intorno all'edificio, formando barricate per la guardia armata formata da squadristi.Un centinaio di chilometri a nord di Roma, nella città di Perugia, il quadrumvirato di Balbo, De Bono, De Vecchi e Michele Bianchi aveva stabilito il proprio quartier generale all'albergo Brufani, un edificio di mattoni rossi ornato di colonne situato nella piazza principale vicino alla prefettura. A mezzanotte del 27 il quadrumvirato emanò gli ordini per la mobilitazione generale della milizia fascista.

Il re era ormai deciso a non rischiare né il trono né la guerra civile. Ripeté a Facta che sarebbe stato impossibile impedire l'occupazione di Roma senza ricorrere alla guerra civile, e che molte province erano già cadute in mani fasciste.Con uno storico dietrofront, il re rifiutò di firmare il decreto di stato d'assedio che Facta aveva preparato. Alle 11 il governo al completo rassegnò le dimissioni. Alle 11.30 un comunicato ufficiale annunciò che lo stato d'assedio era stato revocato. Alla notizia della revoca, i fascisti di Roma cominciarono a raccogliersi davanti al palazzo del Quirinale per applaudire il re. Le camicie nere si spostavano stipate sugli autocarri sotto la pioggia sottile e ordinavano agli abitanti della città di issare il tricolore su tutti gli edifici. Le camicie nere e le camicie azzurre dei nazionalisti correvano per le strade aggrappate alle automobili aperte pigiando il clacson, mentre distaccamenti di fascisti giungevano a passo di marcia con il braccio teso nell'antico saluto romano, cantando Giovinezza! Si formò una folla di gente che osservava e commentava.

A Milano Mussolini pubblicò un comunicato in edizione straordinaria del Popolo d'Italia, nel quale dichiarava che la maggior parte dell'Italia centrale e settentrionale era nelle mani dei fascisti, che avevano occupato le prefetture e le stazioni. Alle 16 il rappresentante monarchico di Mussolini, De Vecchi, si recò dal re. Increspando le labbra, il sovrano chiese al quadrumviro fascista se avrebbe accettato una soluzione Salandra con quattro ministeri per i fascisti. Quando Federzoni riuscì a comunicare telefonicamente con Milano, Mussolini spiegò che non aveva alcun senso mobilitare decine di migliaia di camicie nere solo per formare un governo Salandra. Il re, che aveva letto il testo delle intercettazioni compiute dai censori sulle conversazioni telefoniche tra Mussolini e le sue coorti, sapeva come stavano realmente le cose e incaricò il generale Cittadini di inviare il seguente telegramma: « Sua Maestà il re Vittorio Emanuele III vi prega di venire immediatamente a Roma. Egli intende offrirvi l'incarico di formare un nuovo governo».

Mussolini aveva le valigie già pronte.Il Duce del Fascismo si diresse all'imponente stazione Centrale di Milano indossando un cappotto grigio nuovo, con ghette e bombetta grigie. Era la sera del 29 ottobre e pioveva ancora. Gli strilloni vendevano le edizioni straordinarie dei giornali con titoli a tutta pagina che annunciavano la caduta di Facta. Mussolini stringeva sotto braccio un libro sulla vittoria italiana a Vittorio Veneto nella Grande Guerra: intendeva donarlo al re. Migliaia di persone si erano raccolte nella stazione e negli immediati dintorni. Qualcuno lanciò dei fiori e gli ammiratori si sporsero dalle carrozze degli altri treni per guardare e applaudire Mussolini che si dirigeva verso l'espresso per Roma. Il fratello di Mussolini, Arnaldo, guidò una moltitudine di fascísti milanesi verso il vagone letto mentre Mussolini rispondeva ai saluti delle camicie nere in servizio sul treno e diceva al capo stazione: «Voglio partire in perfetto orario. Da oggi in poi tutto deve funzionare come un orologio».

Il mattino del 30 il treno entrò a Civitavecchia. Centinaia di persone intonarono Giovinezza! I gerarchi fascisti, allineati lungo il marciapiede, urlarono: «Per Benito Mussolini, eia eia, alalà!», un saluto ripreso dai legionari fiumani di D'Annunzio, che il poeta diceva fosse stato il saluto dei seguaci di Enea al loro capo.Sulla campagna si stendeva una nebbia sottile e fredda. Mussolini si cambiò nello scompartimento, indossando abiti presi a prestito: i pantaloni neri con le bande e la giacca a coda di rondine richiesti dal protocollo, che egli indossò sopra la camicia nera e le ghette bianche trattate con talco. Alle 10.30 il treno entrò nella vecchia stazione romana di Termini, dove lo attendeva una limousine reale. Nel palazzo del Quirinale il piccolo re in alta uniforme, completa di sciabola, era in attesa di salutare il nuovo primo ministro. Giunto alla presenza del sovrano, Mussolini si inchinò e strinse la mano regale: « Porto a V. M. l’Italia di Vittorio Veneto, riconsacrata dalle nuove vittorie. Vostra Maestà voglia perdonarmi se mi presento indossando ancora la camicia nera della battaglia che fortunatamente non c'è stata. Io sono un suddito fedele di Vostra Maestà».In quello stesso pomeriggio Mussolini formò il suo governo. Alle 19.30 portò l'elenco dei ministri al re.

Sarà l'inizio del Regime Fascista. Ecco qui sotto la lista dei ministri che costituirono il primo governo Mussolini nel 1922. Esso è composto da quattordici ministri e sedici ministeri, avendo Mussolini tenuto per sè, oltre alla presidenza del Consiglio, anche gli Esteri e gli Interni. Ecco, nell'ordine, la lista dei ministri quale Mussolini l'ha presentata per l'approvazione al Re:

Presidenza del Consiglio Benito Mussolini EsteriBenito Mussolini Interni Benito Mussolini GiustiziaAldo Oviglio Guerra Armando Diaz MarinaP aolo Thaon de Revel Finanze Alberto De Stefani Tesoro Vincenzo Tangorra Colonie Luigi Federzoni Istruzione Giovanni Gentile Lavori PubbliciGabriello  Carnazza Agricoltura Giuseppe D'Arzago De Capitani Industria e CommercioTeofilo Rossi Lavoro e Previdenza Sociale Stefano Cavazzoni PosteG iovanni Colonna di Cesarò Terre liberate Giovanni Giurati

Nella Camera che doveva essere chiamata a votare la fiducia a Mussolini, i socialisti erano il gruppo più forte con 122 deputati, seguiti dai popolari che ne contavano 107. Venivano poi i fascisti (32 deputati, più tre affiliati del Gruppo misto), i nazionalisti (11), i liberaldemocratici (Salandra con 21 deputati), i democratici (Giolitti e Facta con 41 deputati), i demonazionali (Nitti, con 26 deputati), i democratico-sociali (41) il Gruppo Agrario (23), i socialisti riformisti (26), i comunisti (16), e, infine, il Gruppo misto che contava 32 deputati.

Fonte : https://www.facebook.com/notes/benito-mussolini-le-verit%C3%A0-nascoste/28-ottore-1922-marcia-su-roma-fu-una-marcia-pacifica-dei-fascisti-acclamati-dal-/683197315023762

Libertà

Prima Guerra Mondiale, Grande Audio



In questa puntata è di nuovo ospite la prof.ssa Caterina Luisa de Caro, con la quale si parla della 1^ guerra mondiale, affrontando il tema dal punto di vista della controstoria: tutto ciò che è stato nascosto, travisato e manipolato nei libri di storia riguardo a questa immane e atroce tragedia che sconvolse l'umanità proprio 100 anni fa.

http://www.spreaker.com/user/formedondaradio/forme-donda-6-puntata-22-10-2015

Libertà

Citazione: Della Democrazia


Libertà

martedì 27 ottobre 2015

L’esperimento: il quartiere senza auto per un mese. «Siamo rinati»


SEUL – Un intero quartiere senza automobili. Per un mese intero. È l’esperimento radicale in cui si sono lanciati gli abitanti di Suwon, hinterland di Seul (Corea del Sud), due anni fa. I risultati – sorprendenti – sono descritti in un libro uscito ad aprile negli Usa, “Neighborhood in motion” (“Vicinato in movimento”, Jovis, 2015).


Immaginatevi Suwon: code ovunque, inquinamento, sosta selvaggia; una città sommersa dal traffico, come tante in Asia e non solo. Più difficile è immaginarla diversa. “Anziché fare una simulazione al computer abbiamo deciso di tesare con persone reali e in un quartiere reale quale sarebbe stato l’impatto di una mobilità totalmente alternativa” spiegano i promotori dell’esperimento. “All’inizio – racconta Konrad Otto-Zimmerman, autore del libro – nessuno nel quartiere credeva che ce l’avremmo fatta per davvero”.


Ci sono voluti due anni di preparativi, infinite riunioni di quartiere, ma alla fine nel settembre 2013, ben 1500 automobili sono state rimosse dall’abitato e trasferite in parcheggi esterni. Il comune ha prestato ai residenti 500 biciclette e messo a disposizione delle navette elettriche con corse ogni 15 minuti, per collegare le abitazioni ai parcheggi.

Risultato: tutto è cambiato. Caffé e ristoranti hanno ampliato i plateatici, le strade si sono riempite di gente. Un po’ come nelle “domeniche senz’auto”, solo che “in un periodo così lungo la gente è stata costretta a modificare davvero la propria routine” spiega Otto-Zimmerman. “Finché si tratta di un weekend, o anche di una settimana, la gente può sempre rimodellare la propria agenda aggirando gli ostacoli e posticipando gli impegni: se uno deve andare dal dentista può rimandare di qualche giorno, ma non di un mese. In questo modo, siamo stati costretti veramente a vivere in modo diverso”. Al termine del mese tutto è tornato come prima, anzi no. Il governo locale, spiega il libro, ha deciso di introdurre degli “interventi urbanistici permanenti” come piste ciclabili e aree pedonali “per non dare alla gente l’impressione di ostacolare il cambiamento”.

Fonte: http://sociale.corriere.it/lesperimento-il-quartiere-senza-auto-per-un-mese-siamo-rinati/

Libertà

Pensiero: Sulle Domande

Alessandro

Sulla Carne...

Ora comincia lo smaronamento sulla perdita di posti di Lavori, per esseri ricordati ora di Dire come stanno le cose sulla Carne e derivati Animali!. Invece di pensare a mantenere la schiavitù chiamato lavoro, quando e' che ci occupiamo di FELICITA' ed EVOLUZIONE?

Ancora una volta, il vecchio modo di vedere il mondo alla ribalta. A quando pensare e mantenere la Vita dei Nostri Amici Animali e Piante??


Che ne dite di convertire la ZooTecnica in CarpoTecnica con immense ripercussioni POSITIVE per il Pianeta e l'Economia totale?

Articolo: http://www.repubblica.it/salute/alimentazione/2015/10/27/news/carne_rossa_cancro_oms-125994086/?ref=HREC1-2

Libertà

EQUITALIA E D'ACCORDO CON LE BANCHE?

Libertà

Abbiamo un Messaggio: Video

Libertà

Parole Sante


Some of the most generous people I know have no money
1 minute of wise words from part 1 of the brilliant 3-part film HUMAN. Watch it here: http://www.filmsforaction.org/watch/human/
Posted by Films For Action on Lunedì 19 ottobre 2015

Libertà 

Omissione di atti d'ufficio: quando il silenzio della P.A. è reato

Finalmente! Basta con la TRUFFA del silenzio-rifiuto! E' IL CONTRARIO!



Il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di 30 giorni dalla richiesta. Le conseguenze nei principi sanciti dalla Corte di Cassazione Sez. VI sentenza n. 42610/2015.

La Corte di Cassazione, Sezione VI, sentenza n. 42610/2015 (udienza 6.10.2015 - Pres. Agrò Antonio) ha ribadito la pacifica linea interpretativa che ha ormai da tempo stabilito il principio secondo cui, in tema di delitto di omissione di atti d'ufficio, il formarsi del silenzio-rifiuto alla scadenza del termine di trenta giorni dalla richiesta del privato costituisce un inadempimento integrante la condotta omissiva richiesta per la configurazione della fattispecie incriminatrice.

La fattispecie di cui all'art. 328, comma 2, c.p.* incrimina non tanto l'omissione dell'atto richiesto, quanto la mancata indicazione delle ragioni del ritardo entro i trenta giorni dall'istanza di chi vi abbia interesse.

L'omissione dell'atto, in sostanza, non comporta ex se la punibilità dell'agente, poiché questa scatta soltanto se il pubblico ufficiale (o l'incaricato di pubblico servizio), oltre a non avere compiuto l'atto, non risponde per esporre le ragioni del ritardo: viene punita, in tal modo, non già la mancata adozione dell'atto, che potrebbe rientrare nel potere discrezionale della pubblica amministrazione, bensì l'inerzia del funzionario, la quale finisce per rendere poco trasparente l'attività amministrativa. In tal senso, la stessa formulazione della norma, che utilizza la congiunzione "e", delinea una equiparazione ex lege dell'omessa risposta che illustra le ragioni del ritardo alla mancata adozione dell'atto richiesto.

Ne discende, conclude la Suprema Corte, che la richiesta scritta di cui all'art. 328, comma secondo, cod. pen., assume la natura e la funzione tipica della diffida ad adempiere, dovendo la stessa essere rivolta a sollecitare il compimento dell'atto o l'esposizione delle ragioni che lo impediscono, con il logico corollario che il reato si "consuma" quando, in presenza di tale presupposto, sia decorso il termine di trenta giorni senza che l'atto richiesto sia stato compiuto, o senza che il mancato compimento sia stato giustificato.

Fonte: Corte di Cassazione

Enrico Michetti

*Art. 328 c.p.:
1. « Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni.
2. Fuori dei casi previsti dal primo comma, il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l'atto del suo ufficio e non risponde per esporre le ragioni del ritardo, è punito con la reclusione fino ad un anno o con la multa fino a euro 1.032. Tale richiesta deve essere redatta in forma scritta ed il termine di trenta giorni decorre dalla ricezione della richiesta stessa.»

Fonte: http://www.ilquotidianodellapa.it/_contents/news/2015/ottobre/1445713792040.html

Libertà

Carne cancerogena!

Ora che arrivano le conferme "Ufficiale", tutti se la fanno sotto! Mettiamocelo in testa, poca o tanto fa sempre e solo male, quello che cambia e' che gli effetti nefasti, sono più o meno ritardati.

Vogliamo parlare dell'impatto ambientale del consumo della carne e dei prodotti animali? E che dire del terreno VIVIBILE che e' quasi finito?

Basta guardare alla Nostra struttura Anatomica, per capire che siamo Fruttivori e no Carnivori. Ci vuole tanto? Se vogliamo, c'e' un bel libro GRATUITO che ci dice tutto, vale ogni sua parola.


Libertà

Assunzione e Presunzione: Nessuno, Tutti?

Analizziamo Ancora la Costituzione e la sua Geniale Stesura: Nessuno E Tutti. Queste 2 parole, compaio in molti articoli, ed in altri la parola cittadino.

A parte quello che Noi pensiamo e sentiamo come definizione delle Parole Nessuno e Tutti, vediamo il significato grammaticale:

"Il pronome e aggettivo indefinito nessuno si usa sia in frasi positive"


"Gli aggettivi indefiniti sono aggettivi ?determinativi che indicano qualcuno o qualcosa in modo generico e indeterminato.

A seconda del significato si possono suddividere in quattro categorie: singolativi, collettivi, quantitativi e negativi."

Ma siamo aggettivi o pronomi Indefiniti? Leggete e rileggete bene queste parole nel contesto.

La mia interpretazione e' questa, a parte la loro palese ed evidente nullità: Quando ti incaselli in nessuno e tutti, prendi la loro definizione annientando il nostro essere.

Libertà

Il Nome: Acquisto a non Domino, speculiamo

Oramai i contorni della FRODE del NOME LEGALE, sono ampiamente delineati, ora, speculiamo sull'Acquisto a non Domino della Capacità Giuridica .


Capacità Giuridica: 
"La capacità giuridica si acquista dal momento della nascita. I diritti che la legge riconosce a favore del concepito sono subordinati all'evento della nascita."


"L'acquisto è una fase del processo di scambio dei beni.

Con questo termine s'indica l'azione mediante la quale un soggetto entra in possesso di un determinato bene o servizio, che può essere:

- materiale o immateriale
- durevole, semidurevole o di consumo
- di utilità immediata o differita.

La contropartita del bene o servizio si definisce corrispettivo o, più comunemente, pagamento: questo può corrispondere a una certa somma di denaro contante, o all'impegno di pagare, o far pagare da terzi, entro un certo termine e a condizioni predeterminate..."


Libertà

lunedì 26 ottobre 2015

Norma Giuridica? Per i Consociati...

Vediamo la Definizione di Norma Giuridica: 

"Norma giuridica (teoria gen.)
Nel linguaggio giuridico tradizionale, la (—) è definita come un comando generale ed astratto rivolto a tutti i consociati, con il quale si impone una particolare condotta, sotto la minaccia di una sanzione. Caratteristiche della (—) sono la generalità e l'astrattezza, in quanto suscettibili di applicazione a un numero indefinito di casi e a un numero indeterminato di destinatari..."

Adesso, capiamo bene, come e' definito il consociato:

"Associato in un'impresa; che fa parte di un medesimo gruppo aziendale: azienda consociato"

"Membro di una società; società unita ad altra; il gruppo così formato"

"Unito in società, ascritto a una società: enti, istituti c.; talora anche come sost.: i consociati di una setta..." 



Libertà

Pensiero: Consuetudine


Libertà

Radio Show Martedì sera



http://www.blogtalkradio.com/justusradionetwork/2015/10/27/la-frode-del-nome-legale-e-come-uscire-dalla-matrix

Libertà

Libero Convincimento: si apre una breccia??

Finalmente!! Una sentenza degna di un Grande Essere!!!


Ladro incastrato da impronta digitale
e assolto. Gip: «La sola prova scientifica non basta»

Il giudice proscioglie un uomo accusato di rapina: «Servono elementi robusti»


 «La sola prova scientifica, priva di robusti elementi di conferma, non è in grado di sorreggere la pronuncia di una sentenza di condanna». Lo scrive il gip di Milano Giuseppe Gennari nelle motivazioni della sentenza con cui ha assolto un uomo che era imputato per una tentata rapina commessa in un supermercato e che era stato incastrato da un’impronta digitale, trovata sullo specchietto di uno scooter utilizzato per il colpo e poi abbandonato. Secondo «la relazione tecnica della polizia scientifica» quella impronta papillare «appartiene al pollice della mano destra» dell’imputato. E sulla base «di questo dato “colorato” dall’espressione dialettale» usata dal rapinatore nel supermercato «apparentemente coerente con le origini calabresi (precisamente, del reggino)» dell’imputato «l’accusa - scrive il gip nelle motivazioni della sentenza, riportate sul sito specializzato penalecontemporaneo.it - sostiene la colpevolezza dell’imputato».

Calcoli statistici e probabilistici
Per il giudice, che nella sentenza riporta anche una serie di complicati calcoli statistici e probabilistici, «la sola prova scientifica», però, non basta se «priva di robusti elementi di conferma». Il gip, infatti, in prima battuta spiega che anche «di fronte ad un test del Dna che lega l’accusato al crimine con una percentuale del 99,9% è totalmente erroneo affermare che quella persona ha solo lo 0,1% di probabilità di non essere autore del fatto. Ancora una volta - spiega il magistrato - si confonderebbe la probabilità che sussista un match data l’innocenza della persona con la probabilità dell’innocenza della persona, dato il match». E nel caso in esame, poi, chiarisce il gip, «la vicenda è ancora più problematica perché, a dispetto di quel che si potrebbe credere, l’analisi delle impronte digitali non può contare su alcun dato statistico che ne confermi, oggettivamente, l’attendibilità». E in più «non esiste alcuna dimostrazione scientifica del fatto che due individui non possano avere impronte uguali».

Fonte: http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/15_ottobre_23/ladro-incastrato-impronta-digitale-assolto-gip-la-sola-prova-scientifica-non-basta-74951714-796a-11e5-a624-46f9df231ebf.shtml
Libertà

Il Nome: Altri Tasselli 2

Abbiamo Visto tante belle Novità riguardate L'Atto Giuridico di Nascita. Ora una chicca: Le parole ed il loro significato. E' stata come una folgorazione, dopo aver parlato con una nostra sorella.

Vediamo che l'Art 70 del regio decreto, e' stato modificato così:

"Art. 70. - 

1. La dichiarazione di nascita è resa indistintamente da uno dei genitori, da un procuratore speciale, ovvero dal medico o dalla ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto, rispettando l'eventuale volontà della madre di non essere nominata.

2. La dichiarazione può essere resa, entro dieci giorni, presso il comune nel cui territorio è avvenuto il parto o, entro tre giorni, presso la direzione sanitaria dell'ospedale o della casa di cura in cui è avvenuta la nascita. In tale ultimo caso è trasmessa dal direttore sanitario all'ufficiale di stato civile competente nei dieci giorni successivi, anche attraverso l'utilizzazione di sistemi di comunicazione telematici.

3. I genitori , o uno di essi, hanno facoltà di dichiarare, entro dieci giorni dal parto, la nascita nel proprio comune di residenza. Nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso comune, salvo diverso accordo tra di loro, la dichiarazione di nascita è resa nel comune di residenza della madre. In tali casi il comune nel quale è resa la dichiarazione deve procurarsi l'attestazione dell'avvenuta nascita presso il centro di nascita che risulta dalla dichiarazione. Ove la nascita sia avvenuta al di fuori di un centro di nascita, è necessario produrre una dichiarazione sostitutiva resa ai sensi dell'articolo 2 della legge 4 gennaio 1968, n.15, e del relativo regolamento di attuazione adottato con decreto del Presidente della Repubblica 25 gennaio 1994, n. 130. 4. Alla dichiarazione di nascita non si applica l'articolo 41"

Che cosa significa Resa?? Ecco le definizioni:

"résa s. f. [der. di rendere, part. pass. reso]. –

1. L’azione, il fatto di arrendersi, come cessazione di ogni resistenza di fronte al nemico: intimare, accettare la r.; le condizioni della r. (r. a condizioni, r. incondizionata o a discrezione; r. con onore delle armi); obbligare alla r., anche in senso fig., di chi vince in qualche occasione la resistenza di altri imponendogli la propria volontà. 

2. L’atto e il fatto di rendere, di restituire, cosa avuta in consegna o comunque sia dovuta ad altri. In partic.........: "

Abbiamo capito Bene? La Dichiarazione e' restituita all'avversario e restituita la cosa!!!! Ora, nemmeno San Tommaso può discutere questi Fatt!

Libertà

venerdì 23 ottobre 2015

C'ERANO UNA VOLTA I BAMBINI LIBERI!

Che fortuna essere venuti al mondo nei mitici anni ‘60, quando era sufficiente il senso di umanità per essere felici. Io ricordo i miei compagni di infanzia e prima ancora mia nonna Maria. Allora avevo tre primavere e mio padre al mattino a piedi, prima di recarsi al lavoro mi accompagnava all'asilo dalle suore; lì oggi sorge una biblioteca comunale.

A quel tempo c'era ancora comunione tra le persone, anche sconosciute. A noi bimbi bastava un pallone mezzo sgonfio e rattoppato alla meglio da qualche volenterosa mamma, unitamente a un campetto di fili d’erba e rovi, a sentirsi felici per il solo fatto di giocare insieme, di condividere l'amicizia.

Non era ancora il tempo della televisione invadente e dilagante, dei corsi a pagamento dopo la scuola, di palestre e sistemi rubatempo dei più piccoli. Per fortuna non esisteva il cellulare, e i bambini con la smisurata fantasia inventavano i giochi con quello che trovavano dove capitava, se non ovunque: dai bottoni sottratti agli abiti di casa ai tappi delle bottiglie, ai cuscinetti per mettere in funzione le carriole di legno assemblate con i materiali di scarto dei cantieri edili.

La strada è stata maestra, sotto lo sguardo affettuoso del cielo, all’abbraccio della terra, alle carezze del mare, alle allegre folate del vento, alle nuvole naturali in navigazione, alla presenza degli alberi e degli "animali selvatici", alla neve e alla pioggia. Da allora, ho appreso che la vita è un apprendistato senza fine, e che l’amore è la sola cosa che sopravviverà al genere disumano.


Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/10/cerano-una-volta-i-bambini-liberi.html

Libertà

Occhio alla UE: i Gulag iniziarono così! Il grido di Vladimir Bukovsky. Video



Libertà

Secondo Sole..


Il 'secondo sole' continua a confondere scienziati come Astronomy Observatory WebCam, con foto satellitari della NASA. Diverse persone hanno catturato questo bellissimo doppio sole nel cielo con le loro macchine fotografiche, sottoponendoli ai media in tutto il paese.

Fino ad oggi, la NASA ha smentito in dichiarazioni pubbliche che esiste questo 'secondo sole'. Ora, dicono che esiste, ma non costituisce una minaccia.

Il dipendente Pacific Northwest Osservatorio Regionale trapelato questa agghiacciante affermazione: "Questo 'secondo sole', che stanno chiamando 'GTY421', si sta avvicinando la Terra ad una rapida velocità di 345.000 miglia all'ora. Si tratta di un aumento rispetto alla velocità della scorsa settimana calcolata al 185.000 miglia all'ora. Vogliono mantenere queste informazioni fuori dalle mani del pubblico perché temono il caos di massa

Fonte: http://www.anonymousmags.com/raw-footage-scientists-discovered-sun-approaching-earth-rapid-pace/

Libertà

Dalla Rete: procedura per l'emissione dei bond?




Libertà

TUTTO ciò che ERA FALSO... STA CROLLANDO!!! Video


Libertà

Il Nome: Altri Tasselli?

Come Ben sappiamo, Sull'Atto Giuridico di Nascita, mai compaio i Genitori del Nascituro, ma solo una Misera preposizione Dà. Se leggete bene L'Atto Giuridico di Nascita, Il Pubblico Ufficiale, dichiara che, e' comparso qualcuno dinanzi a lui, che ha da xyz, e' nato un bambino.

Se ricordo bene, e' il pubblico ufficiale  che e' andato dinanzi ai genitori, questa potrebbe esser falsa dichiarazione, e falso in atto pubblico...

Ora, da Reggio Decreto, del  9 luglio 1939, n. 1238; ancora in vigore e solo leggermente modificato, Anche i genitori posso fare la dichiarazione di Nascita, che ovviamente gli viene preclusa. Leggiamo:



La dichiarazione di  nascita  e'  fatta  dal  padre  o  da  un  suo procuratore speciale; in mancanza, dal medico o dalla levatrice o  da qualche altra persona che ha assistito al parto, o,  se  la  puerpera era fuori della sua ordinaria abitazione, dal capo della  famiglia  o da persona delegata dall'istituto o stabilimento in cui ebbe luogo il parto. 

La dichiarazione puo' anche essere fatta dalla madre o da un suo procuratore speciale.  L'atto relativo e' steso immediatamente dopo la dichiarazione. 

Il dichiarante, quando non  e'  il  medico  o  la  levatrice,  deve esibire il certificato sanitario, di cui all'art. 18, comma  secondo, del R. decreto-legge 15 ottobre 1936, n. 2128. 



Chi fa' la dichiarazione  di nascita? L'ostetrica od il medico, quindi un terzo, e quindi il figlio viene visto come ritrovamento:



Chiunque trova un bambino  deve  farne  la  consegna all'ufficiale dello stato civile con le vesti e con  gli altri oggetti  e contrassegni  rinvenuti  presso  il  bambino  stesso; deve  inoltre dichiarare tutte le circostanze di tempo e di luogo in cui il rinvenimento e' avvenuto.

Della consegna si redige nel registro di nascita  processo  verbale circostanziato, nel quale si devono in ogni caso enunciare  l'eta' apparente e il sesso del bambino, il nome e il cognome che gli sono imposti e l'istituto o la persona a cui esso e' consegnato. 



Come vediamo i passaggi della FRODE, cominciano a delinearsi, come se questo fosse poco, nei vari atti si menziona la Filiazione che, guarda caso e' un Negozio Giuridico, ovvero un Contratto..

Libertà

Fatti Attuali, Video


Libertà

giovedì 22 ottobre 2015

Sparizione dopo Fermo di Polizia

La verità che non ti dicono. Nessun mandato, abuso di potere, omissione atti d'ufficio, TSO Non autorizzato, violenza personale e famigliare, anno puntato una pistola al cane davanti alla moglie e presente anche la bambina di otto anni, non esiste chi ha dato gli ordini che sia un giudice,gli anno negato la presenza di un legale, l'anno malmenato, si è dichiarato prigioniero di guerra con il grado di generale, tutti questi abusi sono stati commessi dalla procura di ROVIGO CON LA PARTECIPAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO DI PORTO TOLLE ASSIEME ALLA DIGOS. E tutto perché.? 

Perché ha imposto la sua SOVRANITÀ INDIVIDUALE E NAZIONALITÀ VENETA. QUESTA È LA VERITÀ. A DIMOSTRATO DI ESSERE PIU FORTE DELLA SOCIETÀ ITALIA CORROTTA, MA CON LA LEGALITÀ. CHI L'HA ARRESTATO VUOLE PASSARE PER INNOCENTE INVECE LINNOCENTE È Davide d.d. datterini GUARDATE COME LANNO RIDOTTO QUESTI INFAMI. SONO STATI DENUNCIATI E PORTEREMO IL TUTTO AGLI ALTI VERTICI INTERNAZIONALI. SE VI SENTITE UNO SPIRITO DI SOLIDARIETÀ CONDIVIDETE.!!!!!! ITALIA O SOCIETA S.P.A FALLITA NEL 2012.






Fonte: http://www.attivotv.it/sparito-dopo-il-fermo-della-polizia-non-si-hanno-piu-notizie-lappello-dei-familiari/

Libertà

Terra Piatta, gran video


Libertà

mercoledì 21 ottobre 2015

Parole da Ricordare...JFK


Libertà

Interessante: il Bene Giuridico

Nello scrivere del Reato, riprendendo le definizioni Giuridiche, mi sfuggì una bella chicca: Bene Giuridico.

Infatti il reato e': "Il reato è un fatto umano, dovuto ad azioni commesse o omesse, vietato dall'ordinamento giuridico di uno Stato, cui si ricollega una sanzione. Viene posto in essere al fine di tutelare uno o più beni giuridici. Rientra nella più ampia categoria dell'illecito."

Vediamo come le Normative Italiane definiscono un Bene:

" Dall'art. 810 c.c. si ricava che le cose (res) si distinguono in due grandi categorie:

— cose in senso non giuridico, dette anche res extra commercium, che, in quanto non presentano alcun interesse economico, non possono formare oggetto di rapporti giuridici: tali sono le res communes omnium, come il sole, l'aria etc.;

— cose in senso giuridico, dette anche res in commercio, che potendo formare oggetto di diritti, costituiscono, appunto, la categoria dei (—)."

Abbiamo Letto Bene? Commercio e fuori di Esso?? Essendo tutto registrato con il NOME LEGALE, per caso e' esso stesso e tutto quello a questi collegato il Bene Giuridico?



Libertà

Dalla Rete: I Vaccini

HO MA QUESTA E' BELLA PROPRIO ...
.
-Codice PV 44 -
ESENZIONE Danneggiati irreversibili da vaccinazione ...
.
Ma se i danneggiati non esistono a che serve ..oppure cè qualcuno che mente in merito ai danni irreversibili da vaccino ??



Libertà

LIBERIAMOCI dalle FALSITA' raccontate sulla NOSTRA NASCITA



Libertà

martedì 20 ottobre 2015

Chiesa Cattolica complice??


Libertà

Violenza chiama Violenza

Ma lo Vogliamo capire che con la violenza si fa' poca strada? La vita in cattività e' il problema..



Libertà

Scie Chimiche e Matteo Renzi


Roma, 20 ott. (askanews) - "Quanto ai giochi, almeno si aspetti di leggere la norma! Vediamo se qualche deputato grillino, tra una scia chimica e l'altra, si accorgerà di aver detto menzogne.
Magari chiederanno persino scusa, lo scopriremo solo vivendo". Lo scrive su facebook il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, a proposito della legge di stabilità.
Luc

Fonte: http://www.askanews.it/newstest/20151020_191326_C48F0757.html

Libertà

Questo si che e' Parlare


Libertà

I Bambini di Gorla, Gran Video


Libertà

Il Dramma Alimentare

Bambini obesi, malattie sempre più diffuse, e di chi e' la colpa? E' di quello che mettiamo in bocca. 




Libertà