AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

venerdì 6 novembre 2015

Diritto Positivo e Diritto Naturale

Il Primo, pura finzione Umana, che andrebbe chiamato con il vero nome: Privilegio Positivo. Come mai parlo di privilegio? Perché taluni "diritti" posso esser concessi e revocati, quindi privilegi.

Leggiamo:

Diritto Positivo: "...positivo (teoria gen.)
Tale espressione indica il diritto vigente in un particolare ordinamento e in un dato momento storico (ius in civitate positum).

Nel suo significato storico, invece, il (—) è semplicemente l'insieme delle disposizioni normative create dalla volontà umana e, come tale distinte dal diritto naturale...."


Diritto Naturale: ".. naturale (teoria gen.)
Complesso di norme non scritte, considerate universali e necessarie, preesistenti e non sempre coincidenti col diritto positivo, che fanno parte del patrimonio etico-razionale-religioso di ogni individuo e/o comunità.

Per (—) s'intende id quod semper aequum et bonum est, cioè un insieme di regole non sempre codificate, che trovano il proprio fondamento nei principi superiori di giustizia ed equità.

Tre sono le prospettive filosofiche in cui è stato inquadrato il (—). Per Cicerone esso è la recta ratio, cioè la razionalità immanente in ogni individuo.

Per altri, invece, è una qualità innata relativa all'individuo come essere animato (omnia animalia docuit).

Per una teoria più antica, invece, che tra l'altro identifica il concetto di reato col peccato, l'origine del (—) è trascendente in quanto esso deriva direttamente da Dio e/o dall'autorità religiosa...."

A chi si applicano il Diritto Positivo e quello Naturale? Positivo, ai Consociati, L'altro a Tutti gli esseri viventi, e nessuno ne e' esanime. Il Diritto Naturale, e' il Diritto alla Vita, che solo noi possiamo e dobbiamo esercitare, e possiamo riunire in queste 3 semplice normative:

- Evitare di Procurare Danno
- Evitare di Procurare Perdita
- Evitare di Frodare.

Come mai citano il Diritto Naturale? Forse, perché e' sempre in Essere?? Per caso si chiama Positivo, perché è negativo per qualcuno?

Libertà

Nessun commento:

Posta un commento