AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

lunedì 23 novembre 2015

Dalla Rete: Mappiamoli Tutti



E vai, Problema(Inventato da chi ti offre la soluzione)-reazione-soluzione. Al via i Microchip che la massa Ipnotizzata chiederà a Gran Voce, diventerà  una moda , chi fa primo sara il più alternativo e figo. Al via Sopa,Acta,Pipa ecc ecc Il Sogno di Rockefeller

Antiterrorismo, Genchi: “Mappiamoci tutti. Giusta l’idea di Renzi”

“Dna, telepass e documento informatico: contro il terrore mappiamoci tutti”. A dichiararlo è l’esperto informatico Gioacchino Genchi, a lungo consulente di diverse procure della Repubblica, sulle pagine de Il Fatto Quotidiano.

Gioacchino Genchi“Quel che è accaduto in Francia – si legge in un’intervista firmata da Antonio Massari – deve far riflettere sulla necessità per ciascuno di noi di cedere una porzione limitata della propria libertà a vantaggio della sicurezza di tutti. Non serve alcun processo autoritario, è solo necessario attrezzarsi e documentare gli eventi che è fondamentale analizzare per prevenire e contrastare il terrorismo”.

Lo scorso sabato nel corso dell’Italian Digital Day tenutosi nella Reggia di Venaria il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha dichiarato di essere favorevole a mettere a disposizione delle forze dell’ordine tutte le telecamere sparse sul territorio nazionale per poi “taggare le potenziali minacce. Ciascuno di noi lascia delle tracce camminando – ha spiegato Renzi – e credo che non sia un agguato alla privacy dire che si debbano taggare queste persone e seguirle”.

La rete tra orrore e distorsioni, Prof. Gambino a Radio Radicale: “Essere tracciati non significa per forza conculcare la libertà d’espressione, ma prevenire e reprimere determinate situazioni dannose per la collettività”

A tal proposito, Genchi parla di “idea giusta”, anche se “sarebbe necessario anche molto altro. Le nostre tecniche investigative devono misurarsi con attentatori determinati a morire pur di perseguire le finalità stragiste: la prima esigenza è un efficace coordinamento informativo e operativo tra forze di polizia e apparati di intelligence di ogni Stato. Ma è anche necessario che ciascuno Stato acquisisca la cultura della documentazione di tutti gli elementi utili a prevenire e reprimere. E noi non ce l’abbiamo. Il tutto può avvenire con costi assai ridotti, utilizzando la potestà amministrativa. Per le videocamere, occorre introdurre una normativa per il censimento, l’omologazione, l’interfacciamento e l’accesso diretto, alle forze di polizia, degli impianti di ripresa video ormai diffusi ovunque: consentirebbe di acquisire i dati senza dover prima individuare gli impianti esistenti. A volte si individuano quando le riprese sono state già cancellate. È anche necessario rivedere i tempi di conservazione dei dati”.

“La prima esigenza – prosegue – è documentare l’identità di chi opera all’interno di uno Stato, che sia cittadino o straniero, ma in Italia non abbiamo neanche un’anagrafe unica nazionale, con rilascio di un documento elettronico, al quale riconnettere tutti gli elementi identificativi dei soggetti censiti”. I vari documenti attualmente in possesso dei cittadini “si potrebbero concentrare in un unico documento elettronico, inclusi i parametri biometrici e il Dna, in merito al quale non si tratterebbe di violazione della privacy perché il codice genetico non rivela orientamenti politici, religiosi o sessuali”.

“L’esigenza è avere a disposizione tutti i dati utili nel più breve tempo possibile. Ciascuno di noi lascia un frammento del proprio passaggio e del proprio comportamento: più sono rapido nell’individuare quel frammento e associarlo agli altri, prima ricompongo il mosaico, prima posso intervenire”.

Per Genchi bisognerebbe sincronizzare diverse banche dati, da quelle sui flussi migratori a quelle degli aeroporti fino al traffico ferroviario e viario: “Tutte le autovetture dovrebbero utilizzare i Telepass, che consentono di monitorare gli spostamenti dalle tratte autostradali, nei parcheggi e ai valichi di controllo urbano”.

Per quanto attiene il traffico telefonico e telematico, per l’informatico “un grosso passo avanti era stato fatto con il decreto Pisanu, che aveva introdotto una legislazione per conservare i dati di traffico e i tentativi di chiamata: furono degli squilli ad azionare gli ordigni delle metropolitane di Madrid e Londra. Ma non se ne fece nulla”.

http://www.dimt.it/…/antiterrorismo-genchi-mappiamoci-tutt…/

Libertà

Nessun commento:

Posta un commento