AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

venerdì 13 novembre 2015

Consuetudine, sentenza giusta?

Per quanto possa sembrare strano, la sentenza ha un certo fondamento: La Consuetudine. Come mai il giudice ha assolto un uomo che picchiava la moglie da 24 anni?

Perché mai ha denunciato il marito, quindi ha fatto consuetudine sul suo comportamento! Per capire i Fatti, sgombriamo la mente dalle emozioni e guardiamo al resto, allora, vedremo che vittima e carnefice solo la stessa cosa.


Fonte: http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/15/11/13/picchia-moglie-24-anni.html?cronaca

Libertà

1 commento:

  1. rapporto energetico: finchè la frequenza della sofferenza della vitttima non supera la frequenza della sua paura è impossibile che faccia il salto ovvero la denuncia o ribellione ma questo non si puo ottenere semplicemente con il fatto che il carnefice continui a picchiare o picchi sempre di piu , forse si ma è un metodo piuttosto idiota direi che oggi esistono metodi migliori quindi ,almeno un calcio di punizione io lo avrei dato magari non rigore........

    RispondiElimina