AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

venerdì 23 ottobre 2015

Il Nome: Altri Tasselli?

Come Ben sappiamo, Sull'Atto Giuridico di Nascita, mai compaio i Genitori del Nascituro, ma solo una Misera preposizione Dà. Se leggete bene L'Atto Giuridico di Nascita, Il Pubblico Ufficiale, dichiara che, e' comparso qualcuno dinanzi a lui, che ha da xyz, e' nato un bambino.

Se ricordo bene, e' il pubblico ufficiale  che e' andato dinanzi ai genitori, questa potrebbe esser falsa dichiarazione, e falso in atto pubblico...

Ora, da Reggio Decreto, del  9 luglio 1939, n. 1238; ancora in vigore e solo leggermente modificato, Anche i genitori posso fare la dichiarazione di Nascita, che ovviamente gli viene preclusa. Leggiamo:



La dichiarazione di  nascita  e'  fatta  dal  padre  o  da  un  suo procuratore speciale; in mancanza, dal medico o dalla levatrice o  da qualche altra persona che ha assistito al parto, o,  se  la  puerpera era fuori della sua ordinaria abitazione, dal capo della  famiglia  o da persona delegata dall'istituto o stabilimento in cui ebbe luogo il parto. 

La dichiarazione puo' anche essere fatta dalla madre o da un suo procuratore speciale.  L'atto relativo e' steso immediatamente dopo la dichiarazione. 

Il dichiarante, quando non  e'  il  medico  o  la  levatrice,  deve esibire il certificato sanitario, di cui all'art. 18, comma  secondo, del R. decreto-legge 15 ottobre 1936, n. 2128. 



Chi fa' la dichiarazione  di nascita? L'ostetrica od il medico, quindi un terzo, e quindi il figlio viene visto come ritrovamento:



Chiunque trova un bambino  deve  farne  la  consegna all'ufficiale dello stato civile con le vesti e con  gli altri oggetti  e contrassegni  rinvenuti  presso  il  bambino  stesso; deve  inoltre dichiarare tutte le circostanze di tempo e di luogo in cui il rinvenimento e' avvenuto.

Della consegna si redige nel registro di nascita  processo  verbale circostanziato, nel quale si devono in ogni caso enunciare  l'eta' apparente e il sesso del bambino, il nome e il cognome che gli sono imposti e l'istituto o la persona a cui esso e' consegnato. 



Come vediamo i passaggi della FRODE, cominciano a delinearsi, come se questo fosse poco, nei vari atti si menziona la Filiazione che, guarda caso e' un Negozio Giuridico, ovvero un Contratto..

Libertà

Nessun commento:

Posta un commento