AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

lunedì 7 settembre 2015

Abuso di Diritto

'Abuso del diritto e l'elusione fiscale sono lo stesso concetto che riguarda tutti i tributi, imposte sui redditi e imposte indirette, ad esclusione dei prelievi doganali. Con la nuova codificazione l'abuso del diritto si configura nei casi di una o più operazioni prive di sostanza economica o con la realizzazione di un vantaggio fiscale indebito. La nuova norma inserita direttamente nello Statuto del contribuente chiarisce che un'operazione è priva di sostanza economica se i fatti, gli atti e i contratti, anche tra loro collegati, sono inidonei a produrre effetti significativi diversi dai vantaggi fiscali.

Si considerano indebitamente conseguiti i benefici, anche non immediati, realizzati in contrasto con le finalità delle norme fiscali o con i principi dell'ordinamento tributario. Quando le Entrate accertano la condotta abusiva, le operazioni elusive effettuate dal contribuente diventano inefficaci ai fini tributari e, quindi, non sono più ottenibili i relativi vantaggi fiscali. Non si considerano invece abusive le operazioni giustificate da valide ragioni extrafiscali non marginali, anche di ordine organizzativo o gestionale, che rispondono a finalità di miglioramento strutturale o funzionale dell'impresa o dell'attività professionale.

Il contribuente può proporre interpello preventivo per conoscere se le operazioni che intende realizzare costituiscano fattispecie di abuso del diritto. Con un intervento voluto dal Parlamento l'interpello può essere proposto anche dopo la realizzazione dell'operazione purché sia inviato al Fisco prima del termine di presentazione della dichiarazione dei redditi o del pagamento delle imposte legate all'operazione stessa.

Le nuove regole si applicano a decorrere dal 1° giorno del mese successivo all'entrata in vigore e dunque per gli accertamenti futuri.In via retroattiva potranno beneficiarne anche le operazioni poste in essere anteriormente, per le quali non sia stato notificato l'atto impositivo.

Links: http://www.loconteandpartners.it/news/pubblicazioni-quotidiani/abuso-del-diritto-libera-agli-ultimi-step-l%E2%80%99approvazione-definitiva

http://www.ipsoa.it/documents/fisco/contenzioso-tributario/quotidiano/2015/08/03/abuso-del-diritto-come-cambiano-le-regole

Libertà

Nessun commento:

Posta un commento