AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

venerdì 28 agosto 2015

Dalla Rete

Tanto per rimarcare il sistema Inquisitorio penale italiano, figlio del libero convincimento..

IL GIALLO DI FRANCESCA MORETTI UCCISA COL CIANURO. E' UN TIPICO ESEMPIO DI PROCESSO INDIZIARIO FALLACE A CARICO DELLA COINQUILINA DANIELA STUTO CHE HA FATTO DANNI. SI E' INNESCATO UN PROCESSO INUTILE, SI E' GIOCATO SU TEMPI DELL'AZIONE GIOSTRATI COME NEL GIOCO DEL CUBO DI RUBIK, PROCESSO CONCLUSOSI CON DUE ASSOLUZIONI MA SOPRATTUTTO TENENDO DENTRO IN CARCERE L'AMICA CHE HA SCONTATO UN ANNO DI CARCERAZIONE PREVENTIVA VENENDO POI RISARCITA CON APPENA 52.000 EURO.

CI BATTIAMO CONTRO IL PROCESSO INDIZIARIO E CONTRO LA SUA FIGLIA DEGENERE: LA CUSTODIA CAUTELARE SEQUESTRO LEGALIZZATO DI STATO .

La legge al riguardo è decisamente disumana e anticostituzionale perché contro l’art. Art. 13 (La libertà personale è inviolabile)e l’art.27.2: “L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva”. Bisogna abbattere in toto il processo indiziario e praticare solo il processo per prove fortissime! Nella fase indiziaria solo controlli sul territorio ma niente carcere a meno che non ci siano prove forti e trattasi di soggetti realmente pericolosi. A parte i risarcimenti, con escamotage tappabuchi evitati in massa, chi potrà mai ripagare I 10.000 innocenti messi fuori dei giorni, mesi , anni di vita in cui sono stati sequestrati dallo stato e marcati a vita per l’infamia che sopravvive alle sentenze di assoluzione? Insomma agl'indiziati colpevoli o innocenti si potrà porre solo sulla testa la spada di Damocle del processo a loro carico ma liberi e al più indagati a vita. Anche questa è una punizione, nell'equilibrio ai minimi termini tra libertà dei singoli e sicurezza sociale.

Link: http://www.iltempo.it/cronache/2015/07/06/quell-assassino-mai-scoperto-che-servi-la-minestra-al-cianuro-1.1434183

https://www.facebook.com/groups/100499187072/?__mref=message_bubble

Libertà

2 commenti:

  1. VOLTAIRE, NELL’OPERA” ZADIG OU LA DESTINÉE” DEFINISCE “GRANDE PER LE NAZIONI” IL PRINCIPIO IN VIRTÙ DEL QUALE “È MEGLIO CORRERE IL RISCHIO DI SALVARE UN COLPEVOLE, PIUTTOSTO CHE CONDANNARE UN INNOCENTE”
    . E' un male secolare la difficoltà matematica di scoprire gli autori di delitti. L'inquisizione ovviava cercando la confessione con la tortura fisica; il processo moderno forzando il processo indiizraio e basandosi sulla tortura psicologico-esistenziale del tenere dentro l'indiziato in carcere sperando che confessi, compromettendone la libertà e la vita di relzione familiare e sociale. IL RIMEDIO E' COMBATTERE IL PROCESSO INDIZIARIO CHE HA CAPOVOLTO LA MASSIMA DI VOLTAIRE: " MEGLIO 99 COLPEVOLI FUORI CHE UN INNOCENTE DENTRO" IN "MEGLIO 99 INNOCENTI DENTRO CHE UN COLPEVOLE FUORI".

    RispondiElimina