AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

lunedì 21 luglio 2014

Il Nome: Ancora sulla Finzione.

Salve Fratello Caro

Ancor da A. prove su come funziona il NOME LEGALE!


Arriva una cartella di EQUITALIA? Cominciamo a sudare eppure... è solo una PERSONA-PERSONALITA'/FINZIONE GIURIDICA. Inventata-ideata-creata da individui che non sono superiori a noi. Siamo tutti nati da ventre di donna, anime viventi, mentre ecco come NASCONO e MUOIONO LE PERSONE-PERSONALITA'/FINZIONI GIURIDICCHE che temiamo:attraverso DECRETI. Decreti pensati da uomini, proprio come lo siamo noi, Allora chiediamoci, quale altro uomo ha diritto e potere su di un altro uomo? Ed ancora: se nessun uomo ha diritto e potere su un altro, lo può avere una FINZIONE GIURIDICA? In entrambi i casi la riposta la sapete... Una prova? 


P.s. Anche la Repubblica è nata così, i Comuni, le Provincie, il'Arma dei Carabinieri, i Tribunali, le Prefetture... etc...etc...
Vi ricorda qualcos'altro? Sì?
Sarà mica per caso il certificato di nascita con NOME E COGNOME?
Ohhhhhhh Yesssssssssss!
Facile sì?

A volte per far capire questa semplice cosa, ci vuole impegno. Si è talmente identificati con il ruolo agganciato al NOME E COGNOME che è incredibile e difficile sganciarsi. Cmq, ho anche capito che il RUOLO è diventato così importante (e ci lega al NOME E COGNOME) in quanto la chiesa, che ci fa sentire sempre peccatori, sbagliati etc... ci impedisce di sentirci felici e GIUSTI. Allontanandoci dalla divinità, il fatto di essere meno degli altri, il senso di inferiorità, lo si compensa con il ruolo, con la posizione sociale che è legata al NOME. E quindi il cerchio si chiude come un nodo scorsoio attorno al collo...

In Pace ed Onore
colui che è

4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. E' come in un gioco da tavolo.
    tutto inizia quando il proprietario del gioco consegna (decretandone la nascita) le pedine (finzioni giuridiche) ai vari giocatori (viventi reali in carne e ossa)
    i giocatori non possono usare le pedine a loro piacimento poiché non appartengono a loro
    tutte le pedine si possono muovere solo su percorsi prestabiliti, non possono uscire dal tabellone e devono sottostare al al regolamento (legge) imposto dal proprietario del gioco, che ne ha quindi piena e legittima giurisdizione.
    ...
    Ma se a un giocatore il gioco non piace più?
    Chi lo obbliga a continuare a giocare?
    Il proprietario del gioco ha giurisdizione e controllo SOLO sui componenti del gioco (pedine, tabellone, regole...)
    Quindi, è un nostro INALIENABILE diritto decidere se continuare a impersonare il giocatore e continuare a giocare, o riconsegnare la pedina al suo proprietario e tanti cari saluti, ci si fa un gioco per conto nostro!

    RispondiElimina