AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

venerdì 10 gennaio 2014

Carceri, vecchio vs nuovo

Come può L'italia esser un paese civile con la situazione carceri che abbiamo? Non può. A parte il fatto che e' l'italia e' una azienda, quello che vedo e' ragionare con una testa vecchia, da vecchi.

Ricordiamo che normalmente il 50% di chi finisce in galera, e/o in carcerazione preventiva, e' innocente al 100%!!! Questo e' dovuto al sistema giuridico italiano.

Dal libero convincimento, passando per i processi indiziari, alle chiamate di correità, il sistema giustizia italiano, e' letteralmente a livello di inquisizione, anzi peggio.

Vogliamo una vera riforma della giustizia? Davvero facile: via il libero convincimento, processi istruiti solo con prove probanti, e la parità in giudizio dell'accusa e la difesa.

Già con queste modifiche, le carceri si svuoterebbero, altro che dubbi indulti... Che ne dite di trasformare le carceri in veri istituti di recupero?

Invece di tenere i carcerati dentro a mangiare a sbafo, mandiamoli fuori a lavorare per la collettività, a ripagare il famoso debito con la società.

Facciamo diventare gli istituti di detenzione in aziende agricole, ove si produce il cibo. Diamo la possibilità di far esprimere e tirar fuori i talenti da chi ne ha, e sono molti..

Questi vecchi invece a cosa pensano? Ad aumentare le carceri, invece di eliminare il problema alla radice: la scarsità indotta..

Libertà

Nessun commento:

Posta un commento