AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Condividere pace, amore ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita

domenica 8 dicembre 2013

Da B.: Nel Diritto....

Ave Fratello Caro,

Da un nostro Fratello Illuminato:

Nel Diritto

Quello che si chiama Organo di un apparato Istituzionale Pubblico o Privato che sia di una persona giuridica è la persona fisica o l’insieme di persone fisiche che agisce per essa, compiendo atti giuridici.

Gli atti giuridici
compiuti dall’organo sono imputati alla persona giuridica, come fossero stati compiuti dalla stessa, sicché si dice che tra organo e persona giuridica s'instaura una relazione detta anche rapporto organico.


Abbiamo letto bene?

Allora se l'Organo è una Persona Giuridica e la Persona Fisica è colui che compie gli Atti ed Agisce per Essa, non può che significare solo questo: Chi Sbaglia Paga ed i cocci sono i Suoi! "Mala tempora Currunt sed peiora parantur" 

Stanno passando brutti tempi, ma se ne preparano di peggiori.

Per i Peggiori.

Con Amore
colui che è

1 commento:

  1. DEL NUOVO IDOLO
    "V'hanno ancora in qualche luogo popoli e greggi, ma non fra noi, o fratelli: qui non sono che Stati. Stato? Che è ciò? Ebbene, aprite gli orecchi, che vi dica ora la mia parola sulla morte dei popoli. Stato si chiama il più freddo di tutti i mostri. È freddo pur nel mentire; e questa è la menzogna ch'esce dalla sua bocca: «Io, Stato, sono il popolo». È una menzogna! Furono creatori quelli che suscitarono i popoli e su di loro posero una fede e un amore: giovarono così alla vita. Sono invece distruttori questi che tendono trappole a molti,e le chiamano Stato: essi appendono sul loro corpo una spada e cento desideri. Dove c'è ancora popolo, esso non comprende lo Stato e lo odia come il malocchio e come peccato contro il costume e il diritto. Vi dò questo segno: ogni popolo ha il suo linguaggio del bene e del male, e non lo comprende il vicino. Esso inventò la sua lingua secondo i suoi usi e diritti. Ma lo Stato mente in tutte le lingue; sul conto del bene e del male qualunque cosa dica, esso mente e ciò che possiede ha rubato. Tutto è falso in lui, esso morde con denti rubati, il mordace. Sono falsi anche i suoi visceri. ........Così parlò Zarathustra"

    Tratto da "Così parlò Zarathustra F. Nietzsche"
    un abbraccio
    adanos

    RispondiElimina