AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

giovedì 5 settembre 2013

Proprietà propria?

Ave Fratello Caro

Come suggerito da un nostro Fratello, invece di proprietà privata, potremmo chiamarla Proprietà Propria.

pròprio (pop. pròpio) agg. e avv. [dal lat. proprius, prob. dalla locuz. pro privo «a titolo privato, personale»]. – 

1. 
a. Che appartiene a una determinata persona, che è veramente suo e non d’altri:cosa p., di cui si ha la proprietà; dominio p., in contrapp. a dominio improprio, è quello costituito dai rapporti di dominio diretto (o proprietà piena) e di dominio utile (v. dominio); il sentimento della pdignitàlettera scritta di ppugnoamor p., amore di sé, verso sé stesso (v. amore, n. 1). Unito a un aggettivo possessivo, serve a rafforzarlo: agisce per motivi suoi p.; fanno il loro pinteressel’ho udito con le mie porecchie; ma se riferito a un soggetto di 3a persona, può essere usato da solo, invece del possessivo, di cui fa le funzioni (e in genere con più forza di suoloro):avrà le pragioni per comportarsi cosìha intestato il libretto a nome p.; sono riusciti con le pforzel’ha fatto con le pmani; con soggetto di cosa: ogni casa ha il pgiardinoi modelli sono contrassegnati ciascuno con un pnumerostelle che splendono di luce propria. Specificamente, è usato invece del possessivo di 3a pers. nelle frasi con soggetto indeterminato e, ancor più, nelle frasi enunciate senza soggetto, in forma impersonale: andavano ciascuno per conto p.; nessuno è buon giudice in causa p.; riassumere con pparoleattendere ai paffaridar retta alla pcoscienzaabbandonare qualcuno al pdestino (qui p. si riferisce non al soggetto ma al compl. oggetto). Può sostituire anche il possessivo di 2a pers. (tuo o vostro), spec. quando si vuole contrapporre ad altrui (o d’altri): in casa ppuoi fare ciò che vuoiqui no! 


Con Amore
sandro di gaia

3 commenti:

  1. La pace sia con te Sandro, faccio seguito all'intercorsa telefonata comunicandoti che mai nome mi fu più approppriato, essendomi dichiarato sovrano: prima ero Riccardo dei Tarello ora sono; Riccardo cuor di leone! (Sovrano e re d'Inghilterra.)Sandro, sento un'energia inimmaginabile dentro di me.
    Et in Arcadia EGO SUM.

    RispondiElimina
  2. Scusate l'intromissione io propenderei più per la proprietà individuale
    "personale relativo alla persona singola"
    Che Madre Natura vi abbia in gloria!!!!!!!!!

    RispondiElimina