AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

sabato 14 settembre 2013

Il significato delle parole: siete sposati o coniugati?

Ave Fratello Caro

Stato Civile: siete Sposati o Coniugati?


coniugare

La forza delle parole!

Quando i nostri amici ci chiedono colloquialmente qual è il nostro stato civile diciamo “sposato/a” nel caso abbiamo contratto matrimonio.

Ma in un qualsiasi documento di sistema il termine usato per indicare un individuo in tale condizione è“coniugato/a”.
Perché?

Guardiamo l’etimologia e lo scopriremo:




Insomma per il sistema coloro che si sposano sono come una coppia di buoi che deve accettare che un terzo soggetto, il contadino o il celebrante, imponga loro dall’alto un vincolo pesante e indissolubile, che serve a cosa?

A lavorare!!! 

Già perché dopo essere stati soggiogati i buoi vengono messi a tirare faticosamente il carretto o l’aratro, a beneficio non loro, ma appunto di un terzo. 

Siamo sicuri che è in questo modo che volete vedervi in coppia, nel caso la vostra unione sia felice?

Forse è meglio invece che la parola da usare per il vostro stato civile sia “sposato/a”. 

E che quando un qualsiasi uomo di sistema – dall’impiegato dell’anagrafe che vi sta compilando un documento di identità fino al funzionario di banca che si sincera se avete o meno famiglia – voi pretendiate che venga scritto appunto “sposato/a” anziché una parola dal significato così vessatorio come la prima?


Gli sposi si promettono anzi, si giurano amore, e hanno quindi un ruolo attivo nella celebrazione, non passivo come i buoi.

Ricordiamo che in molti riti di nozze pagane i celebranti unici ed esclusivi sono gli sposi stessi, e con questo significato energetico il loro rito prende valore dinanzi al Creato.

Senza intermediari altri (ancorché “ministri” sacramentali, come si definiscono i chierici in merito) tra essi e l’Universo.

Eh, si, deprogrammarsi attraverso le parole ormai è indispensabile.

Jervé

Con Amore
sandro di gaia

Nessun commento:

Posta un commento