AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

lunedì 16 settembre 2013

Ancora da Bruno

Ave Fratello Caro

Ancora belle perle da Bruno

Strumenti concreti per Agire in Onore
Da inserire nelle NAC e da usare con la P.A. Equitalia e/o Uffici Pubblici in genere: 

È già in vigore ed è una novità di grande rilievo, ma non se ne parla così tanto: si tratta del cosiddetto “accesso civico”, introdotto dal decreto legislativo 33/2013, che riconosce a “chiunque” (il testo della legge utilizza proprio questa espressione) il diritto di richiamare una pubblica amministrazione al ris L’aspetto di più grande innovazione consiste proprio nel fatto che si tratta di un diritto che viene riconosciuto proprio come “accessibilità totale delle informazioni concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche”.

Ogni cittadino, quindi, senza alcun onere, e senza l’obbligo di fornire una motivazione, ma solo al fine di chiedere il rispetto degli obblighi di trasparenza, qualora ritenga di non reperire sul sito istituzionale le informazioni la cui pubblicazione è obbligatoria o se ritenga che la pubblica amministrazione abbia omesso tali adempimenti, si può rivolgere, direttamente al “responsabile della trasparenza”, le cui generalità debbono essere obbligatoriamente indicate nel sito dell’ente, in un’apposita sezione denominata “amministrazione trasparente”.

E non finisce qui: una volta ricevuta la richiesta da parte del cittadino la pubblica amministrazione ha l’obbligo di provvedere entro trenta giorni e di rispondere allo stesso cittadino che ha fatto richiesta, informandolo di avere provveduto e fornendogli le indicazioni per accedere alle informazioni che non risultavano pubblicate. 

E’ previsto, inoltre che, in caso di ritardo o mancata risposta, il cittadino possa richiedere l’attivazione del “potere sostitutivo” (riconosciuto dalla legge 241/1990), grazie al quale, il funzionario, già designato dall’amministrazione, intervenga, in sostituzione di chi aveva l’obbligo di provvedere, informando di ciò la Corte dei Conti. 

La trasparenza dell’attività amministrativa non è un tema nuovo, ma ha assunto ormai un ruolo di particolare rilievo, allo scopo di esercitare un “controllo diffuso sull’attività amministrativa”, proprio ciò che, invece, era proibito in precedenza, consentendo ogni azione diretta all’accesso esclusivamente a chi avesse un interesse diretto e concreto. 

“Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione.”. In quella legge si esprime, in modo chiaro, che lo strumento prioritario per combattere la corruzione è la pubblicizzazione dei dati che riguardano l’attività amministrativa, soprattutto quella finalizzata a generare benefici o situazioni di vantaggio a favore di qualcuno, come nel caso delle autorizzazioni, delle concessioni, dell’erogazione di contributi, ecc.riconoscere la trasparenza come un principio di natura costituzionale e non un semplice adempimento. 

I danni da ritardo sono comunque oggi espressamente da risarcire, in base alla previsione del Codice del processo amministrativo, che richiede – oltre alla prova dei danni stessi – anche la dimostrazione di elementi di dolo o colpa («inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento»)

Cosa vogliamo dire, se lo prevedono già, che un Loro dipendente, funzionario, ecc. sia diciamo punito per la sua inadempienza vuol dire una sola cosa, Nelle future NAC citare solo questo:· 

Obbligo di Risposta ai sensi così come disposto: “accesso civico”,  decreto legislativo 33/2013.

Questo si chiama Doppio Incastro, per il Depositario (rispondente) di una NAC, lui avrebbe contro due Istituti giuridici: “Da una parte la sua Legge che lo obbliga e lo sanziona e dall’altra l’esercizio della nostra Legittima richiesta”.

Mica noccioline!

Con Amore
sandro di gaia

4 commenti:

  1. Una domanda.......per la firma di essere sovrano, tutto minuscolo o la prima maiuscola e poi minuscolo( con colore nero?)

    RispondiElimina