AVVERTENZE

Ogni Assunzione e Presunzione alle Mie parole e' solo Mio. Il mio unico intento e' quello di Comunicare in pace ed onore. Ogni altra interpretazione a quanto qui espresso, e' puramente personale e mai rispecchia le mie pacifiche volontà. Il linguaggio usato e' quello di senso comune, ovvero il volgare. Chiunque usa le qui presenti informazioni, lo fa' sotto la sua totale ed illimitata responsabilità. In nessuno modo e forma l'autore promuove comportamenti che possano mettere a repentaglio la pace, la sicurezza, la salute e la vita.

giovedì 29 agosto 2013

Significato delle parole: Ave

Ave Fratello Caro,

Ecco il significato della parola Ave:

Quando ci si incontrava per strada, per salutare un conoscente ci si limitava ad un semplice salve oppure (h)ave, seguiti o meno dal nome della persona in questione. La risposta era ovviamente "salve (ave) et tu" ovvero, "salute anche a te!" Se ci si fermava per scambiare qualche semplice parola, la formula più usata era quid agis?[1], ovvero, "come va?" oppure "cosa fai?". Come gesto di saluto si stendeva la mano a una certa distanza e si era soliti sollevare l'indice destro (vedi saluto romano). Svetonio lo chiama digitus salutaris (dito del saluto).[2] La stretta di mano non era molto comune, essa era infatti limitata a situazioni particolari, come l'incontro dopo una lunga assenza, o solo come espressione di una particolare vicinanza (familiari intimi e amici molto cari). Nell'epoca imperiale divenne piuttosto comune (in modo particolare nella classe dirigente), anche il bacio, talvolta seguito da un caloroso abbraccio. L'inchino era del tutto sconosciuto e sarebbe stato indegno di un uomo libero. I passanti dovevano salutare i funzionari scoprendosi il capo; questi ultimi, ovviamente, non erano tenuti a restituire il saluto.

Con Amore
sandro di gaia

Nessun commento:

Posta un commento